alimentatore in corto

Tutto ciò che è elettricità applicata al fermodellismo.

Moderatori: liftman, roy67

Rispondi
Avatar utente
pierluigi
Messaggi: 4
Iscritto il: lun dic 12, 2011 11:31 am
Nome: pierluigi
Regione: Estero
Città: nasushiobara
Età: 69
Stato: Non connesso

alimentatore in corto

Messaggio da pierluigi » dom apr 28, 2019 1:29 pm

Buongiorno a tutti !!
premetto che: 1) sono un assoluto asino in tema di elettricità' (cerco di documentarmi su internet ma...quando mancano le basi ... :oops: ), 2) vivo nella foresta a nord di Tokyo, in un compound di un centinaio di famiglie dove solo un paio di persone parlano un inglese scolastico, e col mio giapponese non sono in grado di fare discorsi tecnici.
Cio' detto per significarVi che la costruzione del mio plastico (in analogico) va per le lunghe causa ripensamenti / rifacimenti ma soprattutto causa il fatto che - essendo da solo e per di più' un asino - anche il più' semplice degli schemi elettrici a volte mi crea problemi.
In più', sembra che la legge di Murphy si accanisca contro di me e se qualcosa ha la possibilità' di andare storto, nel mio caso va sicuramente storto.

Vengo al sodo: qualche giorno fa stavo testando una sezione di binari appena posati, quando ho causato un corto circuito.
Nota: uso gli scambi Shinohara che sono electrofrog, la locomotiva era sul ramo sotto tensione ma si e' fermata, io tontamente ho azionato lo scambio e ho causato il corto. Ho udito un piccolo scatto dall'interno del trasformatore segno che il disgiuntore termico ha fatto il suo dovere. Ho staccato subito l'alimentazione di rete al trasformatore. Passati 5 minuti mi aspettavo che detto fusibile si risettasse, ma nulla. A distanza di 3 giorni ancora nessun segno di vita: fra i due morsetti di uscita in continua non c'e' resistenza (la lancetta del tester va per 3/4 sulla destra), mentre sui morsetti dell'uscita in alternata la lancetta va tutta sulla destra). Ho provato a misurare anche con il tester digitale: con i puntali sull'uscita in continua rimane 1, mentre diventa zero virgola (con il valore che cambia in continuazione) sui morsetti dell'uscita in alternata.

Dopo tutto sto' spiegone ecco la domanda: s'e' bruciato il trasformatore e ora posso buttarlo??
Il trasformatore e' quello più' potente che ho, acquistato forse 40 anni fa. E' sempre andato bene, a volte scattava il disgiuntore termico ma poi si riassestava. Aprirlo e' problematico (chiuso con rivetti) e poi anche se riuscissi ad aprirlo non saprei dove guardare.
E' un TRIX, di costruzione Siemens - trasformatore 56-5579-00 - Prim 220; Sec. I 0-14V - 14 VA; Sec. II 14~ - 14VA; e riporta un simbolo che suppongo sia quello del fusibile termico (un rettangolo con dentro un pulsante) e la scritta : I 1,1A T25/E; II 1,1A.

Ringrazio per l'attenzione e per i cortesi commenti.
Buona domenica e ...non fate come me che non ho applicato la regola del K.I.S.S. (Keep It Simple, Stupid) [99]
Pierluigi

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2161
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 62
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: alimentatore in corto

Messaggio da Criss Amon » dom apr 28, 2019 2:46 pm

Ti posso solo raccontare la mia esperienza di quarant'anni fa. Sovraccaricai un trasformatore LIMA da 9 watt e staccò il disgiuntore che però non si reinserì. Allora aprii il trasformatore e toccai con le dita il disgiuntore (appare una linguetta con del filo attorcigliato intorno): riattaccai il trasformatore che riprese a funzionare. Molti anni dopo a quel trasformatore applicai un regolatore esterno (completo di raddrizzatore).
La regola del K.I.S.S. non esiste!!!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6351
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: alimentatore in corto

Messaggio da roy67 » lun apr 29, 2019 9:44 pm

Probabilmente, dopo tante "disgiunzioni" di salvataggio, ha fatto l'ultima.
Anziché andare in protezione si è fulminato l'avvolgimento.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2161
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 62
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: alimentatore in corto

Messaggio da Criss Amon » lun apr 29, 2019 11:10 pm

E' possibile! Nei vecchi LIMA il disgiuntore termico era la parte più debole, poi venivano i diodi. Nel mio prima è saltato i disgiuntore, e l'ho escluso, poi sono saltati i diodi. Come ho detto adesso ha un regolatore raddrizzatore esterno, completo di limitatore di corrente!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Rispondi

Torna a “COLLEGAMENTI ELETTRICI”