Sensore ad assorbimento

Tutto ciò che è elettricità applicata al fermodellismo.

Moderatori: liftman, roy67

Rispondi
Avatar utente
giusededo
Messaggi: 11
Iscritto il: mer gen 29, 2014 12:24 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: Messina
Età: 45
Stato: Non connesso

Sensore ad assorbimento

Messaggio da giusededo » lun ott 30, 2017 7:40 pm

Ciao a tutti.....sto realizzando i sensori ad assorbimento per la presenza del convoglio in una determinata tratta,mi ha incuriosito quello di Luca Dentella.
Ho utilizzato tutti componenti elencati

Resistenze
R1 = 47 1/4W
R2 = 380 1/4W
Condensatori
C1 = 2.2uF 50V
Integrati
IC1 = H11AA1
Diodi
D1 = D2 = D3 = D4 = 1N4007
Altro
3 morsettiere 2 poli



Immagine:
Immagine
8,7 KB

Immagine:
Immagine
4,98 KB

Dopo averlo montato e collegato al tratto di binario isolato ho notato che quando la locomotiva inizia ad impegnare il tratto isolato ,il led che mi indica lo stato di tratta occupata sfarfalla fin quando la locomotiva impegna totalmente la parte isolata.
Da cosa potrebbe dipendere
Giuseppe De Domenico

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9085
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » lun ott 30, 2017 11:11 pm

Come hai piazzato il rilevatore?
Tratta isolata su una rotaia o due?
Potrebbe la loco fare da ponte in base al telaio ( massa bloccata=elettro conduttivo )
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6351
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mar ott 31, 2017 9:01 am

Lo sfarfallio è generato dalle ruote della locomotiva che trasitano sulla giunzione isolata, azzerando la caduta diodi del circuito.

Questo circuito sfrutta 4 diodi messi in antiparallelo su una sola polarità, che generano una caduta di tensione, all'uscita, di circa 3 Vcc (perché i diodi creano antiparallelo sull'onda quadra del DCC generando un uscita continua su un solo polo).
E' questa la ragione dello sfarfallio delle luci, ad ogni ruota che transita sulla giunzione l'alimentazione viene "ripristinata", attraverso la rotaia normalmente alimentata, per una frazione di tempo, facendo sfarfallare le luci.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
giusededo
Messaggi: 11
Iscritto il: mer gen 29, 2014 12:24 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: Messina
Età: 45
Stato: Non connesso

Messaggio da giusededo » mar ott 31, 2017 9:47 am

Grazie Roy potrebbero esserci rimedi a tutto ciò
Giuseppe De Domenico

Avatar utente
giusededo
Messaggi: 11
Iscritto il: mer gen 29, 2014 12:24 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: Messina
Età: 45
Stato: Non connesso

Messaggio da giusededo » mar ott 31, 2017 1:17 pm

Cmq mi riferisco allo sfarfallio del led che andrà sul quadro sinottico per indicare la tratta occupata e non alle luci della locomotiva
Roby ti riferisci a quelle ?
Giuseppe De Domenico

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6351
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mar ott 31, 2017 1:21 pm

Purtroppo no.
La serie diodi deve generare il segnale di attivazione per il fotoaccopiatore (l'integrato H11AA1), il quale genera l'uscita per il led.

Scusa, ho risposto sovrapponendomi.

Comunque, non è risolvibile. Lo sfarfallio sarà generato dalle ruote prendicorrente (che generano assorbimento) sulle rotaie. Quindi, meno ruote avrà la locomotiva, più sarà visibile lo sfarfallio. Ovviamente più ne avrà, più bilanciamento elettrico sarà presente fra le tratte isolate fra loro.

Pensa ad un coccodrillo svizzero..... :wink:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
giusededo
Messaggi: 11
Iscritto il: mer gen 29, 2014 12:24 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: Messina
Età: 45
Stato: Non connesso

Messaggio da giusededo » mar ott 31, 2017 1:30 pm

E se l'integrato genera un uscita per un relè potrebbe andare?
Giuseppe De Domenico

Avatar utente
giusededo
Messaggi: 11
Iscritto il: mer gen 29, 2014 12:24 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: Messina
Età: 45
Stato: Non connesso

Messaggio da giusededo » mar ott 31, 2017 1:32 pm

Immagine:
Immagine
831,29 KB
Giuseppe De Domenico

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6351
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mar ott 31, 2017 7:59 pm

Probabilmente si.

Bisogna provare se risce a mantenere la bobina sufficientemente alimentata.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
night train
Messaggi: 59
Iscritto il: gio mag 29, 2014 8:04 am
Nome: alex
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: trieste
Età: 37
Stato: Non connesso

Re: Sensore ad assorbimento

Messaggio da night train » mer gen 23, 2019 8:29 pm

Ciao a tutti.
Sto valutando la costruzione dei sensori ad assorbimento presentati all'inizio della discussione per il quadro sinottico. Siccome la mia intenzione è quella di riprodurre (nella parte estetica) un quadro acei, ho la necessità di abbinare ai sensori non un led unico ma circa una ventina di led che riproducono il binario occupato.
acei.jpg
Il datasheet dell'integrato H11AA1 riporta che la corrente in uscita è di poche decine di mA, quindi insufficienti per accendere una ventina di led... Per avere a disposizione una corrente maggiore tale da permettere di pilotare piuù di 1 led devo usare un circuito con transistor oppure usare i relè?
Grazie in anticipo a tutti!
Alex

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6351
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Sensore ad assorbimento

Messaggio da roy67 » ven gen 25, 2019 12:20 am

Dipende da quanti led devi accendere, oppure quanto è "robusta" la bobina del relè.
Io userei un transistor, dal quale puoi gestire l'uscita e pilotare un relè...
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
night train
Messaggi: 59
Iscritto il: gio mag 29, 2014 8:04 am
Nome: alex
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: trieste
Età: 37
Stato: Non connesso

Re: Sensore ad assorbimento

Messaggio da night train » sab gen 26, 2019 10:33 pm

Grazie. Proverò ad assemblare il circuito che ho usato con un transistor bc141 per pilotare dei rele bistabili. La differenza sta nel fatto che quello che avevo assemblato funzionava con una tensione di ingresso di 12vcc mentre il sensore di assorbimento all uscita ha una tensione di 5vcc.
Grazie ciao

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6351
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Sensore ad assorbimento

Messaggio da roy67 » lun gen 28, 2019 9:12 pm

Con 5 Vcc alimenti la base di un transistor NPN e piloti il negativo del 12 Vcc di alimentazione relè....
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Rispondi

Torna a “COLLEGAMENTI ELETTRICI”