stazione fantasma

Tutto ciò che è elettricità applicata al fermodellismo.

Moderatori: roy67, liftman

Rispondi
Avatar utente
Alessandro Pol
Messaggi: 76
Iscritto il: mar gen 24, 2017 12:47 pm
Nome: Alessandro
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 55
Stato: Non connesso

stazione fantasma

Messaggio da Alessandro Pol » dom mag 21, 2017 3:11 pm

Ragazzi avrei bisogno di aiuto; sto procedendo molto lentamente con la realizzazione del plastico, purtroppo ho poco tempo.
Ho ultimato la stazione fantasma a 4 tratte; ogni tratta, tramite due reed, controlla i scambi e l'alimentazione; quindi quando nella prima tratta entra un convoglio, i due reed chiudono i scambi della stessa tratta e passano l'alimentazione alla seconda; quindi quando il secondo treno entrerà nella tratta i due reed chiudono i scambi della stessa e danno alimentazione alla terza tratta , e cosi via fino alla quarta che ripristina il tutto facendo ripartire la sequenza dal primo e così via: Adesso viene il bello: ho montato tutto svariato tempo fa e ho collaudato il tutto con una calamita simulando il passaggio dei treni e funziona tutto; l'unica cosa che i treni devono procedere ad una velocità non troppo elevata altrimenti saltano i reed.
Oggi fatto la prova del nove con le loco e purtroppo ho constatato che alcune locomotive passano sui reed e si fermano qualche cm dopo, ma altre, al momento in cui passano sul reed che toglie l'alimentazione e la passa all'altra tratta si bloccano istantaneamente sul reed lasciandolo sempre chiuso e di conseguenza i rele incasinando il funzionamento.
Non so come uscirne; all'inizio pensavo che le calamite erano troppo piccole che non facevano scambiare il rele; dopo svariate prove e una mattinata buttata ho capito che il problema sono alcune locomotive che si bloccano istantaneamente.
Pensavo potrei ritardare con qualche piccolo circuito il contatto ? basterebbe anche un secondo sui soli reed di scambio corrente.
Oppure?
Avete qualche alternativa?
Il plastico lavora in digitale.

grazie a tutti
buona Domenica

Immagine:
Immagine
119,38 KB

<font color="red">Discussione spostata in collegamenti elettrici.</font id="red">
Alessandro

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9631
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » dom mag 21, 2017 5:42 pm

Relè con timer? Forse o un temporizzatore?[8]
Altro non saprei[:I]
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7437
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 65
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da liftman » dom mag 21, 2017 6:07 pm

Scusa, forse ho capito male io, ma se il problema lo riscontri su alcune loco (e quindi non tutte), un qualsiasi rimedio, farebbe fermare al punto giusto le loco "difettose", e qualche cm prima quelle "sane". Visto che l'impianto è digitale, io credo, anche se non ho nessuna esperienza in merito, che tu debba intervenire sui settaggi dei decoder delle loco bizzose.
Ciao! Rolando

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9631
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » dom mag 21, 2017 6:16 pm

Si potrebbe essere la velocità di frenata CV 4 da provare a variare i bit di impostazione
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Alessandro Pol
Messaggi: 76
Iscritto il: mar gen 24, 2017 12:47 pm
Nome: Alessandro
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Pol » dom mag 21, 2017 8:47 pm

Grazie dei suggerimenti , ma da quello che so io la frenata tramite CV4 funziona quando comunque il binario è sotto tensione ma al momento che viene levata totalmente la tensione è ininfluente il settaggio.
Le locomotive inoltre sono tutte nuove peò si fermano diversamente; per esempio la roco dr 220 si ferma dopo 5 cm; la roco br 132 si ferma dopo 10 cm; la br 80 roco si inchioda sopra la reed; e anche la piko 151 idem.
Purtroppo la br 80 soffre anche di problemi di avanzamento a salti nonostante sia nuova di zecca e l'armamento completamente nuovo, ma questa è un'altra storia.
Alessandro

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10280
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » dom mag 21, 2017 9:04 pm

Ciao Alessandro, non so se ho capito bene. In pratica il reed comanda un circuito che toglie alimentazione alla locomotiva per fermarla? Se è così, le distanze di arresto dovrebbero essere tutte diverse per via dell'inerzia, diversa per ogni loco e per ogni treno che si tira dietro. Se togli alimentazione alle rotaie, credo che a quel punto il digitale non conti più nulla. Mancando alimentazione non riceverebbe più nessun segnale ne energia per procedere. Sempre se ho capito bene come funziona il sistema.
Fabrizio Borca

Avatar utente
Alessandro Pol
Messaggi: 76
Iscritto il: mar gen 24, 2017 12:47 pm
Nome: Alessandro
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Pol » dom mag 21, 2017 9:43 pm

Ciao Fabrizio, si hai capito bene. Il sistema leva completamente la corrente , ma alcune loco si fermano immediatamente bloccando il reed su chiuso ed invalidando l'uso dei rele, altre procedono un po più avanti dei reed in modo da liberarli.
Alessandro

Avatar utente
Alessandro Pol
Messaggi: 76
Iscritto il: mar gen 24, 2017 12:47 pm
Nome: Alessandro
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Pol » dom mag 21, 2017 9:48 pm

Forse controllando tutto con un pc sarebbe più semplice, avevo comprato anche un software per la gestione ma mi sono arreso, troppo complicato e in inglese. Ho pensato a questo sistema un po brusco ma funzionale; se solo riuscissi a ritardare di qualche secondo i contati reed avrei risolto.
Alessandro

Avatar utente
cf69
Messaggi: 2002
Iscritto il: ven gen 20, 2012 1:37 pm
Nome: Fabio
Regione: Sicilia
Città: Palermo
Età: 51
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da cf69 » dom mag 21, 2017 10:22 pm

Da quel che ho capito ti occorre un modo per gestire la stazione nascosta.
Piuttosto che cercare altrove e soluzioni complesse, consiglio la lettura di questa interessante ed istruttiva discussione del nostro Roy67 che ha utilizzato i reed per comandare il tuTTo.
topic.asp?TOPIC_ID=8726

Buon Lavoro! :cool:
Fabio Cuccia - La teoria è quando si sa tutto e niente funziona. La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perché. Noi abbiamo messo insieme la teoria e la pratica: non c'è niente che funzioni... e nessuno sa il perché! (Albert Einstein)
La Mia “Sottostazione Elettrica F.S.” - La Mia "PACIFIC 6001 P.L.M." - Il Mio Canale Youtube

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6380
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 53
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » lun mag 22, 2017 12:44 am

Il problema sta proprio nelle locomotive. E' inutile cercare settaggi, se togliamo tensione (sia pure DCC) avremo sempre l'effetto volano generato dalle masse rotanti del motore.
Ogni motore è diverso e non ne possiamo controllare la frenata se togliamo tensione. Così facendo genereremmo solo la "deriva rotante incontrollata", ovvero ogni motore rallenterà alla "membro di cane" in base alla massa rotante attiva (effetto volano).

L'unica soluzione è controllare la rampa di frenata mantenendo il decoder alimentato.

Purtroppo non tutti i decoder posso gestire la frenata in modo "esterno" dalla CV4. Quindi non tutti posso gestire la frenata ABC Lenz come ho utilizzato io nel mio plastico.. come consigliato da Fabio appena sopra.
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Alessandro Pol
Messaggi: 76
Iscritto il: mar gen 24, 2017 12:47 pm
Nome: Alessandro
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Pol » lun mag 22, 2017 8:12 am

Caro Roy67,
Ciò che hai realizzato è molto simile a ciò che ho fatto io a differenza dei reed di presenza treno; i miei decoder sono tutti esu 4 e zimo e ho letto che gestiscono la frenata Lenz; mi puoi aiutare a settarli? forse cosi risolvo.

grazie a tutti
Alessandro

Avatar utente
littlejohn
Socio GAS TT
Messaggi: 1279
Iscritto il: sab dic 24, 2011 1:17 pm
Nome: Gian Luca
Regione: Sardegna
Città: CAGLIARI
Età: 61
Stato: Non connesso

Messaggio da littlejohn » lun mag 22, 2017 11:05 am

Ciao Alessandro, buingiorno.
Per gli Zimo non so perché non ne ho. Per il v4 esu, invece, devi agire sulla CV27 e devi sezionare una rotaia al fine di creare con una cascata di diodi una diminuzione di voltaggio su una rotaia. Io solitamente uso quella ds nel senso di marcia. A questo punto inserendo CV27=1 il decoder riconosce l'abbassamento di tensione e fa frenare la loco. Però a questo punto devi regolare la distanza di frenata che può essere costante indipendentemente dalla velocità. Ti consiglio di consultare il manuale del V4 andando a cercare il capitolo in cui di parla frenata ABC (authomatic brake control). Se non conosci l'inglese sul nostro sito vi è una versione in italiano.
Spero di esserti stato utile. Buona giornata
Cordialmente
Gian Luca "Littlejohn"
Gian Luca "Littlejohn" - Il plastico della Val di LEO -1^parte - Modulo (doppio) TT "Stazione Campeda"- Modulo "Nuraghe OES" TT

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6380
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 53
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » lun mag 22, 2017 2:16 pm

Il caro amico Gianluca ti ha già dato molti consigli (nelle poche righe scritte, benché non sembri.... :wink: )

Quando creai la mia stazione nascosta, progettata nel lontano 2011, im decoder che sostenevano la frenata di tipo "Automatic Break Control", ovvero, nell'acronimo tecnico: ABC progettato da Lenz, erano solo Lenz (appunto) ed ESU. Sicuramente dopo tanti anni altri si saranno adeguati...(Glielo auguro... Altrimenti sono fuori dal mercato....) Probabilmente Zimo fa parte di questi.

Come ho sempre detto e scritto.... Io ho scelto di utilizzare solo un tipo di decoder su tutte le locomotive... Perché così, prima o poi... [:I].... imparerò a memoria tutte le CV senza dover avere fra le mai decine di diversi manuali.... [:I][:I][:I]

Io uso solo ESU lokpilot V4
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Alessandro Pol
Messaggi: 76
Iscritto il: mar gen 24, 2017 12:47 pm
Nome: Alessandro
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Pol » mar mag 23, 2017 7:15 am

buongiorno ragazzi. Se ho capito bene devo fare in modo che i releis invece di levare completamente la corrente lascino na tensione comandata da una cascata di diodi? A questo punto l domanda sorge spontanea. :wink:
Quanti? vanno bene i 4001 o 4007?

grazie buona giornata
Alessandro

Avatar utente
Alessandro Pol
Messaggi: 76
Iscritto il: mar gen 24, 2017 12:47 pm
Nome: Alessandro
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Pol » mer mag 24, 2017 6:10 pm

Buongiorno ragazzi
Vi volevo ringraziare a tutti per avermi aperto un mondo. Ho collaudato la frenata ABC e funziona; ho programmato tutti i decoder e fino adesso Zimo ed Esu funzionano alla perfezione; ho constatato che si può far funzionare anche in entrambi le direzioni, basta settare la CV 27 su "3".
La cosa più bella che sia Zimo che Esu lasciano le luci accese sulla tratta interrotta e... udite, udite, funziona anche il sound.
Sono molto contento, a parte il fatto di dover rifare la circuitazione della stazione fantasma.
:cool:

grazie ancora a tutti
Alessandro

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6380
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 53
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da roy67 » mer mag 24, 2017 8:55 pm

Ma figurati Alessandro.

I progetti collaudati si pubblicano proprio per dare aiuto a chi ha bisogno... :wink:

Non siamo noi che dobbiamo "udire".... Lo sapevamo già!..... :cool: :cool: :cool:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5451
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mer mag 24, 2017 10:09 pm

A margine degli autorevoli commenti di Roberto, Fabio e Gianluca mi permetto di osservare come sia un controsenso pensare di gestire un tracciato digitale togliendo l'alimentazione in alcune tratte.
Togliere alimentazione è una soluzione prettamente analogica e non trova riscontro nella gestione digitale dove si possono mettere in atto tutta una serie di soluzioni atte a rallentare, fermare e far ripartire i convogli mantenendo attive funzioni quali fanali accesi ed effetti sonori.

Qui si possono trovare alcune delle informazioni utili allo scopo:

http://www.dccworld.it/index.php?page=d ... _stop.html

Esistono poi software gratuiti che possono gestire la totalità degli eventi che si possono verificare in un esercizio ferroviario: parlo di Rocrail (ormai interamente tradotto in italiano) e JMRI.

Avatar utente
Alessandro Pol
Messaggi: 76
Iscritto il: mar gen 24, 2017 12:47 pm
Nome: Alessandro
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Alessandro Pol » lun mag 29, 2017 10:32 pm

Buonasera ragazzi,
Ho inserito la frenata ABC nella fantasma sfruttando la parte secondaria dei rele che cambiano le 4 tratte tramite reed; cosi facendo appena viene levata corrente dalla tratta e passarla alla successiva il rele scambia tensione alimentando la tratta con l'ABC; una fi""ta pazzesca.

grazie ancora delle dritte ABC
Alessandro

Rispondi

Torna a “COLLEGAMENTI ELETTRICI”