Panoramica sui principali motori per deviatoi

Tutto ciò che è elettricità applicata al fermodellismo.

Moderatori: liftman, roy67

Avatar utente
matteob
Messaggi: 895
Iscritto il: ven giu 12, 2015 12:06 pm
Nome: matteo
Regione: Veneto
Città: San Bonifacio
Età: 39
Stato: Non connesso

Messaggio da matteob » sab ago 22, 2015 9:57 am

Perfetto. Ora mi e ' chiaro! Grazie 1000 :geek:
Matteo

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 8958
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » sab ago 22, 2015 3:13 pm

Ciao Mauro,
Un interessante. Articolo si dovrebbe farne una scheda.
Mi sembra che manchi il paragrafo come avviene l'alimentazione in CA o CC collegandosi al trasformatore fermodellistico o a un alimentatore commerciale da usare alternativamente in analogico mentre la trazione avviene in digitale ( sistema misto).
Questa sera rileggo tutto al p.c adesso con il tablet faccio fatica.
Spero che facciate una scheda nella apposita sezione visto l'utilita` dell'argomento molto richiesto sia dai neofiti che iniziati.
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » sab ago 22, 2015 4:08 pm

Grazie Roby!
Per quanto riguarda il diverso modo di alimentare i motori lascio la parola a chi di elettricità ed elettronica ne sa più di me.
Personalmente ho usato di tutto, in analogico, per alimentare e muovere i motori, sia in DC che in CA, ma rispettando sempre i concetti della corrente continua. Infatti con alimentatori in CA ho usato un ponte di diodi per convertirla in DC.
In questo senso vanno bene alimentatori di cellulari, di segreterie telefoniche, di apparecchi elettrici in genere anche a 24V se si parla di motori a bobina, che ricevono un impulso breve e stop.
In particolare i motori Peco necessitano di una bella botta per funzionare e in questo senso un piccolo circuito di scarica capacitativa ti consente di usare di tutto.
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
matteob
Messaggi: 895
Iscritto il: ven giu 12, 2015 12:06 pm
Nome: matteo
Regione: Veneto
Città: San Bonifacio
Età: 39
Stato: Non connesso

Messaggio da matteob » mer set 09, 2015 9:27 am

Ciao Mauro, rieccoci :grin: , ti voglio chiedere un'altra cosa riguardo ai motori Peco: sul tuo articolo hai scritto che non mantengono la posizione ma visto che ho avuto la "s""""" di acquistare un deviatoio (Peco polarizzato) con la molletta danneggiata, l'ho posizionato lo stesso e provato con il motore sotto plancia. Mi sembra che mantenga la posizione anche se non alimentato. Se provo a smuoverlo manualmente, sembra che serva la stessa forza per smuovere la molletta... come sai bene però, gli scambi polarizzati Peco hanno bisogno che gli aghi facciano ben bene contatto e questo non lo posso confermare in quanto il tempo è tiranno :cool: . Riassumendo ti chiedo: se il motore non mantiene una posizione precisa che garantisca il contatto o semplicemente dopo l'impulso ritorna ad essere folle e quindi basta che passi un convoglio per muoverlo e farlo deragliare?
Matteo

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mer set 09, 2015 10:31 am

Matteo, non essendoci più la molletta che trattiene la traversa che muove gli aghi, non avrai mai la certezza che questi mantengano la posizione con un motore Peco.
Il fatto che serva una certa forza per muoverli fa sinceramente pensare ad un problema di scorrevolezza della traversa stessa.
Dovresti usare per quel deviatoio un motore come il Tillig o il Tortoise o un servomotore come quello di Aka models
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
matteob
Messaggi: 895
Iscritto il: ven giu 12, 2015 12:06 pm
Nome: matteo
Regione: Veneto
Città: San Bonifacio
Età: 39
Stato: Non connesso

Messaggio da matteob » mer set 09, 2015 3:57 pm

Non credo: l'ho montato bene e l'astina si muove libera e lineare. Quando però lo alimento per farlo scattare ad esempio in deviata, rimane in posizione, e si smuove manualmente come se avesse la molletta. Naturalmente un volta smosso con la mano, non arriva a toccare bene con l'ago dall'altra parte (in direzione corretta) ma se lo alimento per farlo andare in direzione corretta, fa uno scatto e si appoggia bene.... che faccia bene o no contatto provo stasera. Ho pensato ad un'altra soluzione: se per garantire l'appoggio degli aghi utilizzo due calamite (che ho) appoggiate dietro le bobine. Naturalmente non sono potenti e le tengo distanziate in maniera che il motore non venga penalizzato o che il deviatoio si inceppi a metà dopo l'impulso? Lo so per 16 euro di deviatoio potrei anche risparmiarmi tutto sto trambusto... Ma mi dispiace buttarlo via visto è nuovo e non l'ho manco utilizzato..
Matteo

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mer set 09, 2015 4:07 pm

Un deviatoio Peco non si butta mai via solo perchè non ha la molla; figurati che ai miei la tiro via di proposito. Averlo saputo ne tenevo qualcuna.....
Lascia stare le calamite e pensa piuttosto ad una sorta di molla che tenga la due posizioni e che agisca da sotto, sullo stelo inferiore del motore.
Ti ri-consiglio di provare ad usare un motore lento così non ne potrai più fare a meno pure tu! :wink:
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
matteob
Messaggi: 895
Iscritto il: ven giu 12, 2015 12:06 pm
Nome: matteo
Regione: Veneto
Città: San Bonifacio
Età: 39
Stato: Non connesso

Messaggio da matteob » mer set 09, 2015 4:52 pm

Mi sarebbe piaciuto di più il movimento lento dei servomotori, ma non so come si gestisce con il bus s8...? Poi me ne servivano una decina quindi crearmi ulteriori supporti "fatti bene" per far lavorare bene i servomotori. Alternativa i Tortoise che costicchiano...moltiplicati per 10 [xx(] stasera ci ragiono un po' su e vedremo cosa riesco ad inventarmi per salvare quel peco e se proprio non trovo nulla chiedo a nuccio per il servomotore da gestire da s8.
Matteo

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mer set 09, 2015 6:48 pm

Un decoder tipo S8 settato per comandare i motori a bobina, quindi dando un breve impulso, non può comandare al contempo direttamente anche un motore lento. C'è però sempre una soluzione: comandare con una uscita dell' S8 la bobina di un relè bistabile (costo 2-3 euro) che a sua volta aziona un motore lento tipo Tillig o Tortoise.
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
matteob
Messaggi: 895
Iscritto il: ven giu 12, 2015 12:06 pm
Nome: matteo
Regione: Veneto
Città: San Bonifacio
Età: 39
Stato: Non connesso

Messaggio da matteob » mer set 09, 2015 8:13 pm

Docdelburg ha scritto:

Un decoder tipo S8 settato per comandare i motori a bobina, quindi dando un breve impulso, non può comandare al contempo direttamente anche un motore lento. C'è però sempre una soluzione: comandare con una uscita dell' S8 la bobina di un relè bistabile (costo 2-3 euro) che a sua volta aziona un motore lento tipo Tillig o Tortoise.

Sapevo che un servocomando non si gestisce come un normale motore ma pensavo che ci fosse un modo per gestirlo.. L'idea più logica era un decoder apposito ma alla fine conviene il Tortoise.. Naturalmente l's8 non c'entra ho fatto della confusione :cool: . Il tortoise e il tilling costano più di un nuovo deviatoio.. Mi farò regalare per natale il tortoise o il tilling..
Matteo

Avatar utente
giulio barberini
Messaggi: 406
Iscritto il: dom mag 05, 2013 8:15 pm
Nome: giulio
Regione: Umbria
Città: magione
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giulio barberini » mer set 09, 2015 11:36 pm

perchè non provi questo, ha anche il decoder, il comando analogico, i ledi di posizione, il polarizzatore, è molto più piccolo di un tortoise e si installa come i peco, ma con un cablaggio semplificato
Immagine

http://www.akamodels.com.mt/index.php?m ... cts_id=223
Giulio Barberini -http://www.trainpassion.it

Avatar utente
Handyman
Messaggi: 243
Iscritto il: sab ago 10, 2013 1:10 pm
Nome: Daniele
Regione: Estero
Città: Mendrisio
Età: 53
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Handyman » gio set 10, 2015 8:57 am

Per i servo puoi utilizzare un decoder ESU: lo comandi sia in analogico che in digitale, a aseconda delle esigenze. Costruisco un apposito supporto per i servo, il costo (compreso decoder) è decisamente contenuto.
Fare, o non fare. Non c'è provare! Ciao, Daniele - "Walser modellistica e fai da te"

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » gio set 10, 2015 10:20 am

Proseguendo così rischiamo di andare fuori tema dalla discussione. Per i problemi di Matteo apriamo semmai una discussione apposita.
Grazie
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 8958
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » gio set 10, 2015 2:09 pm

Ciao Mauro,
Leggendo i vari post non mi è chiaro il discorso del "tallonamento".
Potresti spiegarlo anche con uno schemino?
Grazie Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » gio set 10, 2015 3:26 pm

v200 ha scritto:

Ciao Mauro,
Leggendo i vari post non mi è chiaro il discorso del "tallonamento".
Potresti spiegarlo anche con uno schemino?
Grazie Roby


Scusa ma sono di fretta....

https://it.wikipedia.org/wiki/Deviatoio

Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 8958
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » gio set 10, 2015 10:30 pm

Vuol dire presi dalla punta degli aghi e non da dove sono incernierati?
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » ven set 11, 2015 12:00 am

v200 ha scritto:

Vuol dire presi dalla punta degli aghi e non da dove sono incernierati?
Roby


Tallonare un deviatoio vuol dire percorrere il calcio (quindi arrivare dalla parte del cuore) e impegnare gli aghi anche se questi non sono disposti nella posizione corretta.
Se leggi il link di wikipedia c'è in fondo una spiegazione molto chiara intitolata appunto TALLONAMENTO e nel video si vede proprio il convoglio che impegna il deviatoio provenendo dal corretto tracciato anche se gli aghi sono disposti per la deviata.
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 8958
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » ven set 11, 2015 8:13 am

Quindi viene imboccato dalla parte posteriore ovvero il cuore dove sono incernierati gli aghi e non dalla punta?

Immagine:
Immagine
81,45 KB

Come lo schema qui sopra.
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » ven set 11, 2015 1:31 pm

Certamente; se ci ragioni sopra, un convoglio che arriva dalla radice del deviatoio sarà per forza instradato a seconda della posizione degli aghi verso il corretto tracciato o verso la deviata. Un convoglio che invece proviene dal calcio (o dal lato dove sono incernierati gli aghi) potrà trovare gli aghi disposti correttamente per il suo percorso o trovarli disposti per il percorso diverso e allora dovrà tallonare lo scambio, ovvero spostare di peso con le ruote, transitando, gli aghi maldisposti, semprechè questi siano predisposti al tallonamento, pena danni allo scambio e deragliamento del convoglio.
E questo tanto che si parli di arrivo dal corretto tracciato che dalla deviata.
Adesso è chiaro? :wink:
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 8958
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » ven set 11, 2015 1:50 pm

Grazie Mauro colmata la lacuna, specialmente con i link che hai postato molto esaustivi.
Il video vale più di mille parole :wink:
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » mer nov 04, 2015 10:39 pm

Per quanto riguarda i servomotori ho aperto una discussione a parte:

topic.asp?TOPIC_ID=12853
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
MarcoMN
Socio GAS TT
Messaggi: 618
Iscritto il: mer gen 16, 2013 8:54 am
Nome: Marco
Regione: Lombardia
Città: San Giorgio
Età: 45
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MarcoMN » dom dic 13, 2015 1:52 pm

Avete tralasciato il motore fatto con RELE' modificati.

(Valido solo per scambi con aghi MOLTO liberi di muoversi, come i RocoLine, Geoline ecc... Sconsigliato per gli HORNBY o scambi dotati di molla di trattenuta)

Serve un Relè a 12 V , due scambi, monostabile.
Si pratica un foro sulla sommità e si predispone anche la parte mobile all'interno del relè (quella che viene azionata dalla bobina interna), per accogliere un tratto di filo di acciaio armonico da 0,6 mm
Si fora, ovviamente anche la sommità dell'involucro del relè facendo un foro ovale, che consenta al filo rigido di muoversi liberamente.
Il filo rigido terminerà nel foro della traversina mobile sullo svambio.

Gli scambi nel relè consentiranno:
- la prima fila di spostare l'anodo del LED che potremo collegare sul quadro sinottico, da VERDE a ROSSO
- la seconda fila consente di gestire la polarizzazione del cuore scambio.

Un semplice interruttore (switch) consentirà di spostare la posizione degli scambi, dando o togliendo corrente alla bobina del relè, lasciandola in quella posizione o ritornando allo stato iniziale.
Conseguenza: verranno spostati gli aghi, il led cambierà stato sul pannello sinottico e il cuore scambio otterrà la corretta polarizzazione.
Tutto con un elemento.

Il più è individuare un relè che abbia:
- forza sufficiente a muovere gli aghi
- spazio sufficiente per ospitare il filo rigido di acciaio armonico che muoverà gli aghi dello scambio

Difetto che ho riscontrato: col tempo lo scambio del relè si "adagia" e perde un pò di eficacia e a volte non ha corsa sfficiente per fare contatto internamente al relè stesso. Accade che a volte il led non si accende o non si accende correttamente come dovrebbe. Idem può succedere sul lato dedicato alla gestione della polarizzazione del cuore scambio.

Complesso apparentemente, ma con 4-5 euro si realizza lo scambio.



Immagine:
Immagine
146,55 KB
Marco - Fermodellismo per passione - La mia pagina Facebook

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » dom dic 13, 2015 4:22 pm

Marco, grazie per il tuo contributo.
Non ho fatto menzione di quello che di fatto è un espediente che ha il grossissimo limite di non essere in grado di tenere in posizione gli aghi. Funzionasse con aghi con molletta sarebbe un conto ma come giustamente hai fatto notare non è così.
In ogni caso aggiungiamo questa ulteriore soluzione. :wink:
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 20973
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » ven dic 25, 2015 6:30 pm

Visto l'argomento così interessante e per una più facile rintracciabilità, ho inserito anche tra le fotoguide.
Grazie Doc!

Immagine
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5206
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 63
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » sab dic 26, 2015 12:30 pm

[:I] :cool:
Mauro Menini - CMP - GAS TTGalleria dell’orso - Deposito merci di Casteggio - Ponte sul fiume Po

Salva una pianta, mangia un vegano!

Rispondi

Torna a “COLLEGAMENTI ELETTRICI”