MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Locomotive - carrozze - carri - altri rotabili.

Moderatore: Fabrizio

Avatar utente
claudio_62
Messaggi: 35
Iscritto il: lunedì 11 dicembre 2017, 22:46
Nome: Claudio
Regione: Lombardia
Città: Milano
Stato: Non connesso

MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da claudio_62 »

Buona sera a Tutti!
Questo progetto l’avevo già teorizzato nei momenti di morta dei lavori precedenti, ma ho dovuto metabolizzarlo un po’ perché, in alcuni punti, è una vera e propria “trappola modellistica”.
Naturalmente, è da ritenersi un bozzetto parzialmente di fantasia, perché non sono stato in grado di realizzare un disegno completo ed ho dovuto rinunciare ad alcuni particolari della livrea.
Per questo ho optato per una soluzione… la più economica possibile.

Le motrici di prima e terza classe a trazione elettrica dotate di freno continuo (è il significato dell’acronimo MACefc) sono entrate in servizio nel 1901 sotto l’amministrazione RM.
Migliorarono molto il servizio passeggeri tra Milano e Varese (rotaie permettendo, nel 1901 erano ben poche le locomotive a vapore della RM in grado di raggiungere gli 85 km/h ed erano tutte destinate a relazioni più importanti).
Furono realizzate in Italia, su progetto e con equipaggiamento elettrico d’oltreoceano e richiamano molto la forma delle carrozze passeggeri in voga a quei tempi negli Stati Uniti.
Originariamente erano immatricolate RM 5111-5130, per poi diventare le E10 (E101-E120) con l’avvento delle FS.
(Il gruppo E10 è uno dei casi di utilizzo di gruppi identici per unità esistite in tempi diversi, queste del 1901 e le successive del 1932, poi trasformate in E623 della serie 100.)
Prive di comando multiplo, restarono in servizio sino al 1923, quando divennero… donatrici di pezzi per la costruzione delle E620.

Personalmente le ritengo esteticamente più gradevoli delle successive E15 ed E20 ed ho deciso di realizzarne una.
1 fianco 1.jpg
2 fianco 2.jpg
3 fronte.jpg
4 tetto.jpg
5 sotto.jpg
Di questa elettromotrice, ho trovato sul web la wiki-pagina e alcune cartoline/fotografie d’epoca.
Unica consolazione è il recente aggiornamento della wiki-pagina (nov. 2017) che mi fa pensare che qualche esperto abbia notato qualche inesattezza e l’abbia sistemata.
Spero che l’autore legga questo 3D perché i miei ringraziamenti posso solo scriverli qui!

Per la realizzazione dei disegni mi sono arrangiato… a modo mio.
Le immagini hanno tutte più di un secolo e peccano di risoluzione, specialmente nelle zone d’ombra.
Consapevole di ciò, ho scelto di disegnare il tutto nel modo più veloce possibile, senza decodificare le prospettive, ma usando il criterio di proporzionalità applicato ad immagini riprese da lontano, controllando poi il risultato ed introducendo gli aggiustamenti del caso.
L’approssimazione più grande è stata la determinazione della larghezza (non trovata sulla wiki-pagina), alla quale sono arrivato per approcci successivi.
Ne è venuto fuori un bozzetto con le quote arrotondate, somigliante alle immagini del tempo.

Per i particolari “incerti” ho usato un po’ di fantasia.
Il sottocassa è poco visibile, si notano solo i tiranti di rinforzo del telaio e qualche accessorio principale.
Dalle immagini sfuocate ho risolto una cassa (forse batterie) ed un serbatoio (penso dell’aria compressa).
6 cassa.jpg
7 serbatoio.jpg
Le (eventuali) razze delle ruote non sono risolte dalle immagini, in ombra si vedono come piene, ma con dietro le parti interne dei carrelli potrebbero essere anche a razze).
Per comodità, ho usato ruote piene da 11,5 mm (ne avevo già due con calettati gli ingranaggi).
Eventualmente posso sostituirle con delle 11 mm/8 razze.
Inoltre, non ho realizzato le “appendici” che sporgono tra le finestre del lucernario perché, dalle foto, non sono stato in grado di capirne la forma.

Per la livrea non avevo informazioni sicure ed ho aperto un 3D sul forum 2G, dal quale ho ricavato:
- telaio nero;
- tetto grigio cenere;
- carrozzeria giallo canarino.

In fase di pittura mi son preso una “licenza artistica”, utilizzando ciò che già avevo, nero opaco RAL 9005, giallo zinco RAL 1018 e grigio RAL 7030.
Non ho colorato le filettature e le cornici dei finestrini perché, di primo acchito, mi son parse troppo difficili da tracciare senza rovinare il tutto.
I lati del lucernario li ho lasciati in grigio e non in giallo.
Per le scritte… ho dovuto soprassedere.
Il testo principale nell’incavo del telaio “CARROZZA AUTOMOTRICE ELETTRICA A TERZA ROTAJA” ed anche le siglature verso le estremità, con apici e pedici, sono impossibili per la mia stampante ink-jet.
I particolari dei carrelli sono bi-clonati dal carrello di una carrozza centoporte (clone iniziale + ri-clone dopo accorciatura a misura), non sono il massimo ma ho cercato di accomodarli su cover fissabili dal basso.
8 carrello.jpg
I ceppi dei freni sono clonati da un master metallico ed inseriti su perni saldati al telaio dei carrelli.
Le lanterne sono clonate da un master metallico.
9 master.jpg
La trave di sostegno dei pattini è una fettina di compensato sottile ed i pattini sono… i miei soliti.

La geometria dell’automotrice ha richiesto un po’ di impegno.
Le scalette di accesso, poco inclinate, entrano molto nella sagoma del rotabile e nel punto corrispondente, i bordi del telaio sono molto più stretti.
Mantenendo l’altezza corretta, il bordo delle ruote entra nella sagoma del telaio.
In queste condizioni, la ruota può spostarsi di solo 1 mm per lato, per una inclinazione del carrello di appena 4 gradi.
Per ottenere la percorrenza su curve R360, ho alzato il telaio di 1 mm, con l’asse dei repulsori a 13 mm dal piano del ferro.
Le scalette le ho dovute integrare nelle cover dei carrelli.
La barra di sostegno del telaio è mobile ed in curva viene spinta all’esterno dal contatto col carrello.
Lo sforzo è contenuto, ma, nel timore di sviamenti indesiderati, ho preferito usare vecchie ruote cilindriche che lavorano “di bordino” piuttosto che quelle profilate NEM.
10 barra telaio.jpg
La trazione è di tipo cardanico, con ingranaggi in derlin ed alberino telescopico con doppio giunto omocinetico.
11 ingranaggi.jpg
12 trasmissione.jpg
Non ho previsto ganci perché circolerà isolata (il tetto con la “criniera” mi ha fatto passare la voglia di una unità folle!).

Nel complesso, pur avendo realizzato l’ennesimo giocattolo, sono felice di avere “tirato in porto” anche la MAC sperimentale.
Mi sono anche divertito a praticare un po’ di “archeologia ferroviaria”.
Al riscontro strumentale, il risultato è quasi in scala 1 : 87, la sola altezza è di 1 mm superiore, dovuti all’innalzamento del telaio.

L’unico dubbio che mi resta è se questo rotabile sia stato realizzato da qualcuno.
Se qualche lettore ha informazioni in merito, ne sarei grato!

Grazie a tutti.


Claudio
Claudio
Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 9263
Iscritto il: venerdì 18 novembre 2011, 15:51
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da adobel55 »

Che dire, un bel lavoro a 360°
I vetri come li farai ??
Ciao
Adolfo
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4535
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da MrPatato76 »

Lavoro molto bello e ben curato.
Mi interessa sapere un po' di più sulla trasmissione e sulla motorizzazione: commerciale? Autocostruita?, derivata da qualche modello in commercio?
….eventuali siti dove hai comprato i materiali?

Adolfo i vetri sembrano essere fatti con il classico metodo del foglio di acetato.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
robiravasi62
Messaggi: 947
Iscritto il: martedì 30 dicembre 2014, 11:49
Nome: roberto
Regione: Lombardia
Città: belgioioso
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da robiravasi62 »

Grande lavoro di ricerca e di abilità manuale. Bravo!
Roberto
Avatar utente
Egidio
Messaggi: 12340
Iscritto il: giovedì 17 maggio 2012, 13:26
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da Egidio »

Gran bel lavoro. Complimenti. Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano
Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 14628
Iscritto il: sabato 10 novembre 2012, 15:42
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da MrMassy86 »

Ottima realizzazione, complimenti!!
Massimiliano [253]
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca
Avatar utente
claudio_62
Messaggi: 35
Iscritto il: lunedì 11 dicembre 2017, 22:46
Nome: Claudio
Regione: Lombardia
Città: Milano
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da claudio_62 »

Innanzitutto grazie a Tutti per aver osservato questo lavoro.

Notati i quesiti, vado con le risposte, in ordine cronologico.

@Adolfo/AdobeI55
I vetri sono il classico foglio di acetato.
Tutti i rotabili antichi non avevano i vetri a filo.
Realizzando fiancate di spessore contenuto l'effetto è simile al reale.

@Mr Patato76
La meccanica è totalmente autocostruita, con ingranaggi Linea Model in modulo 0,4.
Ho usato latta da 0,2 mm ritagliata con un cutter.
Le fiancate del carrello le ho fatte con due strati sovrapposti.
L'alberino è un tubetto di ottone da 2 mm sp 0,25 mm.
I giunti sono dei pezzetti di tubo di ottone da 4 mm sp 0,5 mm, forati e sagomati.
Le crociere sono coppie saldate di tronchini di chiodo da 1,6 mm, lunghi 2,8 mm e forati in centro 0,8 mm.
I perni sono spezzoni di filo di ottone da 0,8 mm
Tutti materiali reperibili nei centri per il bricolage più assortiti.

L'architettura del carrello è molto simile a quelli commerciali, con le seguenti differenze:
- gli ingranaggi sono calettati su bussole realizzate con il tubo di ottone da 2 mm sp 0,2 mm ed i perni sono dei pezzi di chiodo da 1,6 mm filettati da una parte per bloccarli;
- la vite senza fine si monta infilando l'albero nella sede, con tale soluzione è più facile posizionare le relative boccole sulla struttura del carrello.

Ti allego il jpeg dello schizzo fatto al computer per ricavare lo sviluppo dei pezzi del carrello motore e del sostegno del motore.
carrello MAC.jpg
@robiravasi62, Egidio e MrMassy86

Nel 3D della 480 mi ero "sbottonato" circa l'opzione di un nuovo lavoro oppure la finitura dell'ultimo accantonato tempo fa.
Ho preferito l realizzazione ex novo perché quello accantonato è veramente "tossico".

Grazie ancora a Tutti.

Claudio
Claudio
Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4535
Iscritto il: lunedì 27 agosto 2012, 11:14
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da MrPatato76 »

Grazie delle info.
Davvero un bel lavoro.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto
Avatar utente
trissa
Messaggi: 197
Iscritto il: sabato 22 dicembre 2012, 15:14
Nome: antonio
Regione: Lazio
Città: tivoli
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da trissa »

Buonasera Claudio," bravissimo"..........Questo è vero modellismo!
Distinti saluti, Antonio.
Avatar utente
sal727
Messaggi: 3523
Iscritto il: domenica 26 aprile 2015, 17:22
Nome: Salvatore
Regione: Emilia Romagna
Città: Bologna
Ruolo: Moderatore
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da sal727 »

Veramente bella, hai due mani di velluto, mi puoi dire come hai fatto i rilievi nelle delle porte sulle fiancate.
Ciao, Salvatore
Avatar utente
claudio_62
Messaggi: 35
Iscritto il: lunedì 11 dicembre 2017, 22:46
Nome: Claudio
Regione: Lombardia
Città: Milano
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da claudio_62 »

Buona sera a Tutti.
Scusate il ritardo alla risposta, ma ho avuto due giornate "tribolate" e non ho acceso il computer.

@ Antonio/Trissa

Ti ringrazio tantissimo per l'apprezzamento e ti faccio i miei più sinceri complimenti per tutti i bellissimi lavori che hai realizzato!
Da parte mia... ci provo!

@ Salvatore/sal727
Le parti in rilievo sono fatte con due latte saldate sovrapposte.
Quella più interna ha i ritagli delle finestre più piccoli e crea l'effetto del telaio dei finestrini.
Le filettature sono fili di rame da 0,25 mm saldati e telati (non limati, si spezzano!).
Le fiancate sono saldate su di un telaio da accoppiare al tetto.
Gli incavi delle porte obbligano la saldatura nei punti voluti.
Ti allego il jpeg delle parti principali.
Fiancate.jpg
Alla prossima!

Claudio
Claudio
Avatar utente
red
Messaggi: 503
Iscritto il: giovedì 21 novembre 2013, 7:34
Nome: rosati
Regione: Lazio
Città: vetralla
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da red »

BELLISSIMA....
Pietro
Avatar utente
claudio_62
Messaggi: 35
Iscritto il: lunedì 11 dicembre 2017, 22:46
Nome: Claudio
Regione: Lombardia
Città: Milano
Stato: Non connesso

Re: MACefc RM 5111-5130 sperimentale, scala H0

Messaggio da claudio_62 »

Pietro/red

Ti ringrazio Tantissimo!

Claudio
Claudio

Torna a “AUTOCOSTRUZIONI ED ELABORAZIONI ROTABILI”