e se ce li facessimo?

Autocostruzioni ed elaborazioni realizzate in scala TT

Moderatori: Andrea, Riccardo

Avatar utente
carlo mercuri
Messaggi: 3487
Iscritto il: sab nov 12, 2011 9:37 pm
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Scandicci
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da carlo mercuri » lun giu 23, 2014 9:38 pm

giuseppe_risso ha scritto:
ho_master ha scritto:
...e' possibile/probabile che a fine carriera qualcuno dei carri abbia avuto la sostituzione dei respingenti ?

Antonello


Direi di si.
Sul N°287 del bollettino FIMF c'è un interessante articolo su questo argomento e ci sono carri con entrambe i tipi di respingenti.


Infatti è possibile......però cambia notevolmente il periodo di ambientazione e relative marcature!! I respingenti di quella forma sono detti a"bovolo"! :smile: :smile:
We will rock you! - Officine Mercuri

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7140
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » lun giu 23, 2014 9:56 pm

carlo mercuri ha scritto:
giuseppe_risso ha scritto:
ho_master ha scritto:
...e' possibile/probabile che a fine carriera qualcuno dei carri abbia avuto la sostituzione dei respingenti ?

Antonello


Direi di si.
Sul N°287 del bollettino FIMF c'è un interessante articolo su questo argomento e ci sono carri con entrambe i tipi di respingenti.


Infatti è possibile......però cambia notevolmente il periodo di ambientazione e relative marcature!! I respingenti di quella forma sono detti a"bovolo"! :smile: :smile:


Qualche perplessità ce l'ho sul fare carri con cisterna, almeno inizialmente.
La bombatura delle estremità non è facile da riprodurre in modelli fotoincisi.

Avatar utente
ho_master
Messaggi: 553
Iscritto il: mar nov 06, 2012 6:58 am
Nome: Antonello
Regione: Abruzzo
Città: Pescara
Età: 69
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da ho_master » mar giu 24, 2014 9:56 am

Resina o metallo bianco su un telaio unificato

Antonello

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7140
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » mar giu 24, 2014 2:17 pm

ho_master ha scritto:

Resina o metallo bianco su un telaio unificato

Antonello


Resina direi di no, non mi piacciono le promiscuità, allora facciamolo tutto in tesina e non se ne parla più :grin: .
Metallo bianco, potrebbe andare.

Avatar utente
Massimo Salvadori
Socio GAS TT
Messaggi: 2554
Iscritto il: mar nov 01, 2011 12:01 am
Nome: Massimo
Regione: Lombardia
Città: Peschiera Borromeo
Età: 70
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Massimo Salvadori » mar giu 24, 2014 5:09 pm

Metallo bianco oppure ottone, a me piacciono entrambe, quanto alle saldature potremmo anche ripubblicare quanto già scritto sul forum, la guida per le saldature mi sembra eccezionalmente ben fatta e ricca di suggerimenti. Ritengo che i particolari in fotoincisione abbiano una riuscita migliore che non in resina.
Massimo Salvadori - la mia collezione in scala TT

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4227
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » mar giu 24, 2014 9:20 pm

A me piace molto l'alpacca che è tipo color alluminio ma lievemente più scuro, tuttavia penso che il materiale da scegliere dipenda molto anche dallo spessore della lastra.
Non so, magari dico una castroneria e da quello che ho visto sono 3 i materiali più usati. L'alpacca, l'ottone ed il bronzo fosforoso.

Per le saldature la butto giù, mi trovo benissimo con lo stagno per elettronica che è composto dal 60% di stagno e il 40% di piombo ed ha già del flussante al suo interno.
Ma il migliore in assoluto per me è il cloruro di zinco che va autoprodotto con acido cloridrico al 100% e zinco puro in soluzione satura.

Avatar utente
phoenix81
Messaggi: 6
Iscritto il: lun dic 24, 2018 9:48 am
Nome: Cristian
Regione: PI
Città: vicopisano
Età: 37
Stato: Non connesso

Nessuno ha mai costruito la E.656

Messaggio da phoenix81 » gio gen 10, 2019 6:57 am

Nessuno ha mai costruito la E.656 o È. 645?
Cristian

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 3682
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 42
Stato: Non connesso

Re: Nessuno ha mai costruito la E.656

Messaggio da MrPatato76 » gio gen 10, 2019 8:25 am

phoenix81 ha scritto:
gio gen 10, 2019 6:57 am
Nessuno ha mai costruito la E.656 o È. 645?
Perchè non cè chi progetta rotabili....
Non sono macchine semplici da realizzare...
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7140
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: e se ce li facessimo?

Messaggio da giuseppe_risso » gio gen 10, 2019 11:35 am

Roberto ha perfettamente ragione.
La TT è cresciuta molto, forse più di quello che mi aspettassi, ma è cresciuta praticamente solo in una direzione: i plastici.
Tantissimi plasticisti, ma se parliamo di costruire modelli... penso di poterli contare con una sola mano.
Oltre tutto, lo sforzo di chi ne realizza uno è poco premiato. La progettazione in fotoincisione richiede un grande impegno, e poi, li montano in due o tre. Quindi si giustifica tale realizzazione solo se fatta per soddisfazione personale.
Fraticelli si è subito arreso, Giacomo e Flavio non credo abbiano avuto richieste neppure sufficienti per coprire le spese Roberto e Edgardo, per il loro bellissimo Badoni tipo VIID penso uguale. Io ho fatto la E424, il carro Hg e la Corbellini, ma rientro nel caso di chi le fa per se. Al di fuori di questo, in fotoincisone, nulla che io sappia.
Se poi aggiungiamo che a questo, se si fa materiale trainante, occorre aggiungere la realizzazione o il reperimento di una motorizzazione....
Ora si sta facendo qualcosa con la stampante 3D e forse, potrebbe essere la strada giusta, ma conosco poco l'argomento e mi fermo qui.
Il progetto di farcele, che avevo lanciato 4 anni fa, è miseramente naufragato. E' chiaro che non c'era interesse.

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9375
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: e se ce li facessimo?

Messaggio da Fabrizio » gio gen 10, 2019 7:32 pm

giuseppe_risso ha scritto:
gio gen 10, 2019 11:35 am
.....
Oltre tutto, lo sforzo di chi ne realizza uno è poco premiato. La progettazione in fotoincisione richiede un grande impegno, e poi, li montano in due o tre. Quindi si giustifica tale realizzazione solo se fatta per soddisfazione personale.
.....
Colgo questo punto dell'amico Giuseppe perché mi piace e voglio esporvi il mio punto di vista. Per quel che mi riguarda è proprio la soddisfazione personale a guidarmi e non altro. I miei hobby sono principalmente due, il modellismo ed i trasporti, per cui alterno momenti in cui mi dedico più ad una cosa e meno ad un altra, ma in entrambi i casi è solo la soddisfazione personale a guidarmi. Per come sono fatto io, l'hobby deve soddisfare solo me. Anche nella gestione del forum va un po' così. In area treni reali scrivo diverse cose, poi quasi nessuno risponde, ma comunque io le ho sapute e scritte, poi il resto non conta [245] Stessa cosa nel creare una casetta per il modulo in scala TT o elaborare un treno. Una volta che l'ho fatto, sono contento di aver raggiunto l'obbiettivo, poi il resto sono dettagli. Tempi di realizzazione lunghi, abbandoni e cose simili non sono per me un problema. Se quel giorno mi va di scendere in cantina e verniciare il treno Evalix lo faccio, se invece preferisco fare un giro in treno (altro mio hobby), faccio quell'altro senza problemi.

In breve, credo fermamente che l'attività del modellismo e il coltivare questo hobby, debba essere per chi lo pratica solo volto al raggiungimento di un obbiettivo di soddisfazione personale, che però può essere raggiunta in tanti modi. Probabilmente anche il fatto di vedere che in molti montano un modello da te progettato, è motivo di soddisfazione personale.
Fabrizio Borca

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7140
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: e se ce li facessimo?

Messaggio da giuseppe_risso » gio gen 10, 2019 7:40 pm

Verissimo, Fabrizio, ma se si fa un modello in fotoincisione, normalmente, lo si fa perché sia replicato. Per farne uno o due per se conviene seguire altre strade, al massimo fare qualche dettaglio fotoincisione.

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9375
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: e se ce li facessimo?

Messaggio da Fabrizio » gio gen 10, 2019 9:12 pm

Riguardo alla convenienza, non mi esprimo, non saprei e non è il mio obbiettivo. Diciamo che, per come la vedo io, per esempio adesso farei un modello in fotoincisione (prendo la fotoincisione solo per esempio, giusto perché lo hai citato) solo per vedere come si fa, lavorarci e poi alla fine dire "ok, ho fatto il disegno, ho fatto le lastrine, le ho modificate, le ho montate, ho saldato ecc ecc ecc.... così poi posso dire "ok, ho provato a fare un modello in fotoincisione". Che poi la fotoincisione normalmente sia usata per fare un modello replicabile e ci sono strade più convenienti, mi interesserebbe poco. Sarebbe la tecnica ad attirarmi.

Per farti un esempio, io volevo provare i viaggi in aereo. Così, un giorno, sono andato apposta all'aeroporto e ho preso un aereo per Roma. Poi sono tornato indietro. Normalmente l'aereo, ma ogni altro mezzo, si prende perché uno deve andare in un posto. Invece no, io non dovevo andare da nessuna parte, l'ho fatto solo perché volevo vedere com'era. Poi mi è piaciuto, così adesso anche questo mezzo è entrato a far parte dei miei giri, che sono sempre e comunque fine a se stessi, mai per necessità.

Chiaramente, non dico che faccio bene o male. Ovviamente ognuno ha il suo pensiero ed è giusto che lo segua. Era solo per far capire che, secondo me, in una attività di hobby, non deve dominare la convenienza, ma il fatto di fare un attività che piace.
Fabrizio Borca

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4227
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: e se ce li facessimo?

Messaggio da Edgardo_Rosatti » lun gen 14, 2019 11:57 pm

Fabrizio, la discussione verte sul fatto di farci da noi i modelli in stile italiano in scala TT perchè nessuno li comercializza., perchè anche così si può diffondere la scala TT e per tantissimi altri motivi.
É ovvio che se ti va di fare una cosa la fai e se non ti va non la fai. Il problema qui è un'altro; visto che non esistono modelli in sitle italiano in scala TT, possiamo unire le forze per farceli da noi?
Secondo me si perchè le potenzialità ci sono, però dovrebbe esserci il supporto del gruppo, inteso come avvio di un progetto, finanziamento, sviluppo ed assemblaggio.
Nella mia piccola esperienza, ho visto che qui nessuno o quasi è interessato ad acquistare un modello autocostruito o da autocostruire, purtroppo; a meno che si tratti di scala N o H0. Quindi ci si limita a fare le cose per un interesse proprio e niente più. Però ho notato che se si pubblicizza la cosa anche a livello internazionale, potrebbe funzionare.

Poi si parla di diffondere la scala TT alle riunioni!? Io sto vendendo il locomotore Badoni più ai colleghi macchinisti che agli appassionati.

Sinceramente, è da un po' di tempo che mi sono cadute le braccia, e a meno di non avviare un progetto supportato dal gruppo, non vedo nessuno sbocco in tal senso.

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 3682
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 42
Stato: Non connesso

Re: e se ce li facessimo?

Messaggio da MrPatato76 » mar gen 15, 2019 8:18 am

Ed, hai riassunto il mio pensiero…. e se serve avrei già un progettino in forno da sviluppare…
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Rispondi

Torna a “AUTOCOSTRUZIONI ed ELABORAZIONI IN SCALA 1:120”