Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Recensioni di viaggi in treno, esperienze relative ai treni, libri ed articoli tecnici riguardanti il mondo delle ferrovie reali.

Moderatore: Fabrizio

Rispondi
Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9611
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Fabrizio » lun apr 01, 2019 7:32 pm

Introduzione


Il giorno 30 Marzo 2019 organizzo un viaggio tra Torino, Roma e l'aeroporto intercontinentale di Milano Malpensa, con lo scopo di provare l'aereo Embraer E 175 ed il servizio ferroviario "Malpensa Express".

L'itinerario prevede la partenza da Torino, l'arrivo alla stazione di Roma Termini ed il trasferimento verso l'aeroporto di Roma Fiumicino, dove prenderò un aereo per Milano Malpensa. Giunto a Milano Malpensa rientrerò a Torino utilizzando il servizio ferroviario "Malpensa Express" ed un treno Frecciarossa.

1.jpg
Itinerario del viaggio (1335 km)


Prima parte: da Torino a Roma


Uno degli scopi di questo viaggio è quello di provare in volo l'aereo Embraer E 175, un velivolo per trasporto regionale in servizio con Alitalia Cityliner sulla rotta Roma Fiumicino-Milano Malpensa. Devo quindi recarmi da Torino all'aeroporto di Roma Fiumicino per prendere questo aereo.
Per raggiungere l'aeroporto intercontinentale di Roma Fiumicino utilizzo un treno Frecciarossa fino alla stazione di Roma Termini, quindi il servizio "Leonardo Express" che collega la stazione Termini allo scalo aeroportuale.

Parto da Torino Porta Nuova con il treno Frecciarossa 9609, previsto in partenza alle ore 5:50. Il treno è una doppia composizione di ETR 400, ovvero due treni ETR 400 "Frecciarossa 1000" uniti fra loro. Essendo i due treni non comunicanti, occorre fare attenzione, al momento della salita, ad individuare il corretto. Sul mio biglietto è inidicato, oltre al numero del posto e della carrozza, anche il treno su cui devo salire, che è il treno A. Il treno A si trova in testa al convoglio e lungo le banchine i monitor segnalano esattamente la posizione delle carrozze, quindi salgo a bordo del treno A nella carrozza 2, dove ho assegnato il posto 8D.

Oggi è il penultimo giorno nel quale questo treno viaggia con una doppia composizione di ETR 400, dal primo Aprile 2019, questo treno, sarà effettuato con un treno ETR 500. La doppia composizione di ETR 400 garantisce una disponibilità di 914 posti a sedere ed è utilizzata sui treni a grande affluenza. Dal prossimo Aprile l'impresa ferroviaria ha però deciso di limitare la disponibilità di posti per ciascun treno, a favore di un aumento delle frequenze e delle destinazioni. Su questa relazione sarà in servizio un treno ETR 500, che garantisce una disponibilità 574 posti. I due treni ETR 400 saranno invece utilizzati ad orari diversi, per andare ad aumentare le frequenze o per raggiungere differenti città.

2.jpg
Doppia composizione di ETR 400. Treni 14 e 35.
3.jpg
Doppia composizione di ETR 400. Treni 14 e 35.

Salgo a bordo del treno, che si presenta in ordine e pulito. Il treno parte in orario alle 5:50, quindi usciamo dalla città e ci dirigiamo verso Milano. Il treno è silenzioso e confortevole, i sedili comodi e lo spazio attorno agli stessi ampio. A bordo è disponibile la connessione wifi, prese elettriche ai posti, monitor informativi, servizio di ristorazione ed accoglienza con distribuzione di quotidiani, snack dolci e salati, bevande e caffè espresso, che viene distribuito più volte lungo il viaggio. Nonostante la doppia composizione, che rende il treno lungo oltre 404 metri per un peso di 908 tonnellate, il mezzo è agile ed accelera rapidamente in fase di avvio. Queste buone doti di accelerazione sono utilizzate anche durante le partenza dalle stazioni al di fuori della rete ad alta velocità, quando la composizione non può sfruttare tutti i 19 MW di potenza disponibile, che possono essere utilizzati appieno solo una volta entrati sulla linea ad alta velocità, quando i convogli sono alimentati a 25 kV in corrente alternata.

Percorriamo l'intera tratta tra Torino e Milano a velocità sempre prossima ai 300 km/h, quindi giungiamo a Milano Centrale alle 6:50, dove salgono a bordo molti passeggeri che occupano la quasi totalità dei posti a sedere. Ripartiamo verso Milano Rogoredo, poi raggiungiamo direttamente Roma, non essendo previste fermate intermedie tra Milano e Roma. La lunga tratta senza fermate dura circa 2 ore e mezza, nelle quali attraversiamo le regioni Emilia Romagna e Toscana, passando senza fermata a Bologna e Firenze.

Il nodo di Firenze viene attraversato a bassa velocità, dandomi la possibilità di notare due nuovi treni destinati al servizio di trasporto regionale, che sono fermi presso l'impianto di Firenze Castello. Si tratta dei nuovi treni ETR 104 "Pop" di Alstom e l'elettrotreno a due piani ETR 521 "Rock" di Hitachi Rail Italy. I due treni stanno eseguendo prove in vista della loro immissione in servizio, che dovrebbe avvenire nei prossimi mesi. I treni entreranno in servizio nella flotta regionale di Trenitalia in molte regioni italiane, andando a sostituite i treni più vecchi ancora in circolazione.


Oltrepassato il nodo di Firenze imbocchiamo la linea "Direttissima" per Roma, dove iniziano anche alcuni rallentamenti dovuti a lavori di potenziamento infrastrutturale, che ci faranno accumulare 10 minuti di ritardo in arrivo a Roma.

Con il grande aumento delle frequenze dei treni ad alta velocità si è ottenuta una grande disponibilità di posti ed offerta, ma la rete tende quasi alla saturazione soprattutto sulle tratte afferenti alle grandi città e nei nodi urbani. Per queste situazioni si stanno predisponendo lavori di potenziamento infrastrutturale, che interessano sia la rete ferroviaria che gli impianti di segnalamento e trazione. Nel nodo di Bologna si è realizzata una nuova stazione per i treni ad alta velocità, mentre nel nodo di Firenze sono in corso i lavori per la realizzazione del passante ferroviario. Non è però sempre possibile, per ragioni di spazio, costruire nuove infrastrutture, quindi si agisce anche con interventi di potenziamento degli impianti di segnalamento. E' prevista la applicazione del sistema di segnalamento ETRMS High Density per i nodi urbani, sistema di segnalamento che consentirà di aumentare la potenzialità della infrastruttura, mentre è prevista l'installazione del sistema di gestione e segnalamento di tipo ERTMS lungo l'intera tratta tra Roma e Firenze. La tratta tra Firenze e Roma è quella più soggetta al problema della saturazione, anche per via del fatto che opera con sistemi di segnalamento e gestione del traffico più vecchi, meno prestanti rispetto ai nuovi sistemi installati sulle linee ad alta velocità di recente costruzione e che sono previsti su questa linea.

L'installazione dei nuovi sistemi di gestione del traffico dovrebbe permettere di aumentare la potenzialità della rete ferroviaria, consentendo così di ridurre i ritardi che sempre più spesso si vanno ad accumulare e cui sono sempre più soggetti i treni ad alta velocità. Rimangono comunque degli interrogativi sulla situazione dei nodi urbani, dove la sola implementazione dei nuovi sistemi di controllo e gestione potrebbe non essere sufficiente a garantire adeguati margini di disponibilità.

Percorriamo la tratta tra Firenze e Roma a velocità comprese tra i 200 ed i 250 km/h, quindi giungiamo a Roma Tiburtina e poi a Roma Termini alle 10:08, con 10 minuti di ritardo.

La tratta tra Torino e Roma ha richiesto 4 ore e 20 minutiper una percorrenza di 706 km/, con fermate a Torino Porta Susa, Milano Centrale, Milano Rogoredo e Roma Tiburtina. Ho acquistato il biglietto per il livello di servizio Business al prezzo di 53 euro usufruendo di una riduzione del 30% per acquisto anticipato.

3a.jpg
Interni treno Frecciarossa (ETR 400)- livello di servizio Business
3b.jpg
Paesaggio nei pressi di Civita Castellana (VT). In primo piano la linea lenta Firenze-Roma, con la quale la Direttissima è interconnessa in più punti.
4.jpg
Itinerario tra Torino e Roma a bordo del treno Frecciarossa Torino-Napoli.

La stazione di Roma Termini è decisamente molto affollata e ci si muove a fatica fra le molte persone presenti. Dalla stazione devo raggiungere l'aeroporto di Fiumicino e per farlo uso il servizio ferroviario "Leonardo Express", un collegamento che permette di raggiungere l'aeroporto in circa 30 minuti con treni dedicati.

Utilizzo il treno delle 10:35, previsto in partenza dal binario 24. Il treno, anch'esso molto affollato, è un ETR 425 attrezzato appositamente per il servizio aeroportuale, su cui sono disponibili spazi per i bagagli di grosse dimensioni. Partiamo in orario alle 10:35, quindi ci muoviamo verso Roma Ostiense e Roma Tuscolana, poi imbocchiamo la linea per Fiumincino, attraversiamo tutta le periferia della città e giungiamo in orario alla stazione di Fiumicino aeroporto alle 10:07. La stazione ferroviaria si trova all'interno dell'aeroporto stesso, raggiungo così il terminal 1 attraverso percorsi coperti forniti di tapis-roulant, quindi sono pronto per i controlli di sicurezza e l'imbarco a bordo dell'aereo.

Per uscire dalla stazione ferroviaria è necessario essere in possesso di un titolo di viaggio valido, diversamente occorre pagare un biglietto per l'uscita dalla stessa, acquistabile a prezzo maggiorato rispetto al biglietto di corsa semplice, che ho acquistato online al prezzo di 14 euro.


5.jpg
Itinerario del treno Leonardo Express tra Roma Termini e Fiumicino Aeroporto.

Continua.....
Fabrizio Borca

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8062
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da adobel55 » lun apr 01, 2019 8:24 pm

Mi piace bravo

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11290
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 54
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Egidio » mar apr 02, 2019 5:09 pm

Bella condivisione Fabrizio. Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9611
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Fabrizio » mar apr 02, 2019 7:15 pm

Grazie ad Adolfo ed Egidio.

Mi raccomando, se avete domande, fate pure :wink:
Fabrizio Borca

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9611
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Fabrizio » mar apr 02, 2019 7:23 pm

Parte 2: da Roma a Milano

All'aeroporto "Leonardo da Vinci" di Roma Fiumicino attendo l'ora di imbarco del volo 1026 di Alitalia per Milano Malpensa, volo che utilizzerò per raggiungere Milano e obbiettivo di questo viaggio. Il volo è infatti espletato con un aereo Embraer E 175, velivolo che voglio provare.

Giunto in aeroporto mi reco al terminal 1, quindi accedo ai varchi per i controlli di sicurezza, cui si accede con dei tornelli automatici che si attivano mostrando il codice a barre presente sulla carta di imbarco. I controlli di sicurezza richiedono meno di due minuti, quindi accedo alla area partenze.

L'area partenze è organizzata in maniera abbastanza caotica, ma non si ha comunque difficoltà a trovare il proprio gate seguendo le indicazioni. All'interno del terminal sono disponibili esercizi commerciali di vario tipo, dalla vendita di vestiti, profumi ed oggetti fino ai ristoranti, bar e self-service. Non sono invece disponibili aree dalle quali sia possibile vedere gli aerei in movimento.

Alle ore 12:50 iniziano le operazioni di imbarco del volo 1016, quindi mi reco al gate 24, segnalato come quello da utilizzare per imbarcarsi sul volo. Terminati i controlli della carta di imbarco e documenti di identità accediamo al bus che ci porterà a bordo dell'aereo.

L'aereo è un Embraer E 175, entrato in servizio nel 2011. Si tratta di un velivolo per trasporto regionale, dotato di due motori turbofan General Electric CF 34-8E, che garantiscono al mezzo una spinta al decollo di 83 kN ed una velocità massima di crociera di 850 km/h. L'interno della cabina è relativamente spazioso in relazione al tipo di aereo, i colori sono gradevoli e lo spazio tra i sedili abbastanza ampio. A bordo il livello di ordine è pulizia è solo sufficiente, con diverse dotazioni di bordo in pessimo stato e un livello di pulizia non eccellente. Alcuni braccioli sono riparati con nastro adesivo, mentre i sedili presentano rivestimenti usurati, sono poco imbottiti e non molto comodi. L'impianto di climatizzazione mantiene a bordo una temperatura adeguata, ma l'aria viene distribuita dirigendo i getti direttamente sulle persona, cosa non molto gradevole. I sedili non sono posti in corrispondenza dei finestrini.

Terminate le operazioni di imbarco l'aereo si muove dalla piazzola di sosta e procediamo verso la pista di decollo. Davanti a noi il traffico è molto sostenuto e si possono notare numerosi aerei in attesa del via libera al decollo. Attendiamo circa 15 minuti in coda avanzando a piccoli passi, quindi ci portiamo in corrispondenza della pista per iniziare la corsa per il decollo. Quando l'aereo davanti a noi è ad una certa distanza il nostro accelera lungo la pista, quindi decolliamo in direzione del Mar Tirreno, per compiere subito una virata a destra che ci porta a viaggiare parallelamente alle coste del Mar Tirreno.

L'aereo è silenzioso e stabile, mentre la giornata limpida e serena permette di vedere tutto il panorama sottostante. Lungo la costa del Mar Tirreno si possono notare la città di Civitavecchia. La centrale elettrica di Montalto di Castro, poi la laguna di Orbetello e, procedendo verso nord, il promontorio di Piombino con il golfo di Follonica, la città di Livorno ed il litorale della Versilia con l'imponente massiccio delle Alpi Apuane alle sue spalle. Poco dopo è possibile notare il Golfo di La Spezia, la città stessa ed il litorale delle Cinque Terre, poi ci portiamo al di sopra dell' Appennino Ligure e giungiamo quindi sulla Pianura Padana, dove il panorama cambia notevolmente. Qui si può vedere una grande pianura coltivata, con gli appezzamenti di terreno che la tagliano in maniera geometrica e le principali strade di collegamento, come l'autostrada A1 e la ferrovia, che collegano fra loro le principali città.

6.jpg
Civitavecchia
7.jpg
Laguna di Orbetello
8.jpg
Piombino
9.jpg
Litorale delle Cinque Terre, La Spezia e Alpi Apuane
10.jpg
Liguria - Riviera di Levante
11.jpg
Pianura Padana - Fiume Po nei pressi di Voghera

Dopo circa 50 minuti di volo iniziamo la discesa verso l'aeroporto di Milano Malpensa, procediamo parallelamente al fiume Ticino, sorvoliamo la autostrada A4 e la ferrovia ad alta velocità Torino-Milano, quindi atterriamo alle 14:28, con circa 10 minuti di anticipo.
Una volta atterrati attendiamo alcuni minuti per portarci nella piazzola di sosta, quindi veniamo sbarcati dall'aereo attraverso un finger. L'area arrivi dell'aeroporto di Milano Malpensa non è in questo momento molto affollata, ma anzi quasi deserta. L'intero aeroporto non è molto affollato e si percepisce un deciso sovradimensionamento delle strutture, che appaiono anche poco curate ed afflitte da diversi problemi nella cura dei dettagli, come porte guaste, impianti di illuminazione inefficienti e caratteristiche architettoniche obsolete.

12.jpg
Embraer E 175 (EI-RDB) di Alitalia Cityliner a Milano Malpensa.
12a.jpg
Un Boeing 787 "Dreamliner" a Milano Malpensa

Continua........
Fabrizio Borca

Avatar utente
marione
Socio GAS TT
Messaggi: 1611
Iscritto il: lun mar 04, 2013 1:41 pm
Nome: mario
Regione: Lombardia
Città: treviglio
Età: 65
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da marione » mar apr 02, 2019 7:56 pm

Bene Fabrizio, chiedi domande:
- costo del viaggio aereo?
- servizio a bordo ( nullo, a pagamento, carrellino ) ??
Grazie

Marione
Mario Mancastroppa

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9611
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Fabrizio » mar apr 02, 2019 8:16 pm

Ciao Marione. Il costo del biglietto aereo è stato di 80,60 euro con tariffa Economy Classic, che prevede l'assegnazione del posto con scelta dello stesso al momento del check in, un bagaglio in stiva e la possibilità di cambiare ora e data di partenza con sovrapprezzo. A bordo sono state servite gratuitamente bevande analcoliche. Non è possibile acquistare a bordo snack o bevande.
Fabrizio Borca

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8062
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da adobel55 » mar apr 02, 2019 11:19 pm

Belle le foto aeree.
Una bella recensione.
Ciao

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9611
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Fabrizio » mer apr 03, 2019 7:19 am

Questa volta è andata bene. Il tempo era sereno e la rotta consentiva di avere molti punti di riferimento per orientarsi. Da sopra l'aereo sono riuscito sempre a vedere il panorama sottostante e a capire dove mi trovavo. Peccato per i posti non allineati al finestrino.

Quando scelgo il posto mi metto sul lato destro o sinistro del velivolo anche in modo da poter vedere la parte più interessante del panorama o quella che non ho ancora visto. La prossima volta sceglierò il lato sinistro per vedere se si vedono le coste di Sardegna e Corsica.
Fabrizio Borca

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11290
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 54
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Egidio » mer apr 03, 2019 9:09 pm

Bella continuazione........ Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9611
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Fabrizio » dom apr 07, 2019 2:25 pm

Parte 3: da Malpensa a Torino

Una volta giunti a Malpensa e terminato lo sbarco, è ora di rientrare a Torino. Per rientrare a Torino esistono dei collegamenti bus diretti, ma io utilizzo l'opzione Malpensa Express + Frecciarossa.
Il servizio Malpensa Express è un servizio ferroviario, gestito da Trenord, che collega l'aeroporto Intercontinentale di Milano Malpensa alle stazioni di Milano Centrale e Milano Cadorna, quest'ultima situata nel cuore della città. L'aeroporto di Milano Malpensa, a differenza di quello di Linate, si trova molto distante dal centro della città, oltre 50 chilometri dalla stessa. Questo è uno dei punti a sfavore di questa aerostazione, che non ha mai raggiunto i livelli di traffico previsti da progetto.

Il servizio Malpensa Express prevede treni ogni 15 minuti tra le 4:27 del mattino e le 0:20 della notte, con servizi alternati verso le due destinazioni di Centrale e Cadorna. I treni che viaggiano verso Milano Cadorna sono classificati "Malpensa Express" ed effettuano servizio di sola prima classe, mentre quelli verso Milano Centrale sono classificati Regionali ed effettuano servizio di prima e seconda classe, anche se dalle stazioni di Malpensa Aeroporto Terminal 1 e Terminal 2 è possibile acquistare solo biglietti di prima classe. Il prezzo per il collegamento è di 13 euro sia per Milano Centrale che per Milano Cadorna, mentre i tempi di percorrenza si attestano rispettivamente a 43 e 58 minuti. I treni verso Milano Centrale, classificati Regionali, effettuano un numero maggiore di fermate intermedie, fra le quali si effettua anche il servizio di trasporto pubblico locale.

Per raggiungere Milano utilizzo il treno Regionale 10357, previsto in partenza da Malpensa Aeroporto Terminal 1 alle 15:43. All'interno dell'aeroporto sono presenti due stazioni ferroviarie, una serve il terminal 1 e un'altra il Terminal 2. Utilizzo la stazione del Terminal 1, quella situata più a sud. La stazione, sotterranea, è composta da quattro binari passanti lunghi 500 metri e anch'essa si presenta ampiamente sovradimensionata alle esigenze. La presenza dei quattro binari è dovuta al fatto che, il complesso delle due stazioni Terminal 1 e Terminal 2, è da intendersi come stazione capolinea, quindi sono previsti alcuni binari dove far sostare eventuali treni in lunga attesa. Le banchine invece sono adatte a ricevere treni di notevole lunghezza, anche se sono in servizio su questa relazione solo treni lunghi al massimo 97 metri. Sono stati in servizio su questa relazione anche alcuni treni Frecciarossa, espletati con ETR 500. Giungono nella stazione di Malpensa Aeroporto anche i treni TiLo del servizio celere ticinese, che collegano il Canton Ticino, Varese e Como con l'aeroporto intercontinentale di Milano Malpensa.


20190330_152616 (2)12b.jpg
Stazione di Malpensa Aeroporto Terminal 1

Raggiungo la stazione di Malpensa Aeroporto Terminal 1, quindi attendo l'arrivo del treno per Milano Centrale. Il treno è un ETR 526, ovvero un elettrotreno Alstom Coradia Meridian da 6 casse, la versione più lunga e capiente di questa serie. Il treno dispone di 564 posti di cui 324 a sedere, 238 in piedi e 2 posti per sedia a rotelle. Ogni treno è dotato di 4 motori asincroni trifase da 513 kW, che garantiscono al treno una potenza totale di 2052 kW ed una velocità massima di 160 km/h. I carrelli di trazione sono quelli posti alle estremità del treno, mentre quelli intermedi, di tipo condiviso fra le due casse, sono portanti. Salgo a bordo del treno, che si presenta in ordine, pulito e non affollato. A bordo sono disponibili prese elettriche ai posti, impianto di climatizzazione, monitor informativi e annunci audio su itinerario del treno e prossima fermata. I sedili sono comodi, rivestiti in tessuto e disposti a file di due affacciati o a correre.

Lasciamo la stazione di Malpensa Aeroporto Terminal 1 in orario, quindi ci dirigiamo verso Lonate Pozzolo e Busto Arsizio, effettuando fermata in tutte le stazioni. Lasciata Busto procediamo verso Castellanza e Saronno, dove ci immettiamo sulla ferrovia Milano- Varese, quella gestita da Ferrovie Nord. Il treno, nonostante sia un servizio aeroportuale, effettua tutte le fermate intermedie ed il servizio di trasporto pubblico locale nelle zone attraversate. Questo fa si che il servizio sia molto capillare, ma allunga anche di molto i tempi di percorrenza e l'affollamento a bordo.Per percorrere la tratta tra l'aeroporto e la città sono infatti necessari 58 minuti con fermate a Lonate Pozzolo, Busto Arsizio, Castellanza, Rescaldina, Saronno, Milano Bovisa e Milano Porta Garibaldi.

La distanza percorsa è di 52 km. La relazione tra l'aeroporto e la stazione di Cadorna prevede invece tempi di percorrenza più brevi con fermate a Busto Arsizio, Saronno e Milano Bovisa.

Durante il viaggio c'è un buon interscambio di passeggeri, il treno è molto frequentato e la disponibilità posti lungo il viaggio risulta quasi del tutto esaurita, ma non si raggiungono mai livelli di sovraffollamento. Tutti i passeggeri viaggiano seduti.
La tratta tra l'aeroporto e la stazione di Milano Centrale richiede circa un ora, quindi giungiamo a Milano Centrale, in orario, alle 16:35.


13.jpg
Itinerario del treno Malpensa Express


Da Milano Centrale, per raggiungere Torino Porta Susa, utilizzo il treno Frecciarossa 9738, previsto in partenza alle ore 16:55. Il treno giunge in ritardo di 8 minuti da Venezia Santa Lucia, quindi riparte con alcuni minuti di ritardo alle 17:10. Il treno è un ETR 500, che si presenta in ordine e pulito.

Diversamente dal treno Frecciarossa che ho utilizzato per il viaggio di andata, l' ETR 500, è un mezzo più vecchio e dotato di tecnologia differente. Questo treno è dotato di due locomotive E 404 politensione una in testa ed una in coda al convoglio, entrambe attive durante la marcia. Le due locomotive inquadrano 11 carrozze e la composizione, nonostante possa essere variata, viene mantenuta sempre uguale per ragioni di uniformità e manutenzione. Questa soluzione, detta a potenza concentrata, si contrappone a quella in uso sui più moderni ETR 400, che sono invece a trazione distribuita, ovvero senza locomotive e con motori disposti ad intervalli regolari lungo tutto il treno. L' ETR 500 raggiunge una velocità massima di 300 km/h, ma ha doti di accelerazione inferiori a quelle degli ETR 400, tuttavia il livello di confort a bordo e maggiore, sia per il maggior spazio disponibile sia per l'assenza dei motori, con conseguente minore impatto acustico e di ingombro. A livello di gestione del treno, la soluzione con locomotive e carrozze, permette una maggiore flessibilità di esercizio, essendo possibile individuare percorsi di manutenzione differenti per locomotive e carrozze, mentre la soluzione dell'elettrotreno a potenza distribuita impone sempre il fermo di tutto il convoglio in caso di manutenzione. In ogni caso, anche per gli ETR 500, sono utilizzate soluzioni di manutenzione a treno completo, più efficaci e che garantiscono migliori risultati in termini di economia di esercizio e disponibilità.

La tratta tra Milano e Torino richiede circa 50 minuti di viaggio, percorrendo la distanza che separa le due città a velocità sempre comprese tra i 250 ed i 300 km/h. A bordo la frequentazione è scarsa, essendo questa una tratta più utilizzata durante i giorni lavorativi. Giungiamo a Torino Porta Susa alle 17:54, con 8 minuti di ritardo.


Conclusioni

Entrambi gli aeroporti di Roma Fiumicino e Milano Malpensa sono ben collegati alle rispettive città, anche se quello di Milano richiede tempi un po' più lunghi e con un servizio più eterogeneo, giustificato però dal fatto che si serve un area suburbana vasta e densamente popolata. I prezzi per i collegamenti aeroportuali non sono bassi, anche se il livello di servizio giustifica il prezzo. La percorrenza in aereo tra Milano e Roma richiede molto meno tempo rispetto al treno, ma se al tempo di volo si sommano i tempi per raggiungere gli aeroporti e, in misura minore, i tempi per le operazioni di controllo ed imbarco, si ottengono tempi simili. Utilizzando un treno che non effettua fermate intermedie tra le due città, si può viaggiare fra il centro delle due città in tempi minori rispetto all'aereo, ma soprattutto si evitano molti cambi e trasbordi. Diverso è se si deve viaggiare fra le aree suburbane. In quel caso, i tempi per raggiungere la stazione, possono essere equiparabili a quelli per raggiungere l'aeroporto. In queste situazioni l'aereo può essere più conveniente. Molto meglio, a livello di confort, quello offerto dal treno. Questo mezzo garantisce migliori livelli di confort e meno trasbordi, anche se occorre considerare che il volo dura circa un ora contro le circa tre che si devono passare a bordo del treno.
Fabrizio Borca

Avatar utente
adobel55
Socio GAS TT
Messaggi: 8062
Iscritto il: ven nov 18, 2011 3:51 pm
Nome: Adolfo
Regione: Lazio
Città: Roma
Ruolo: Moderatore
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da adobel55 » dom apr 07, 2019 2:58 pm

Alla prossima Fabrizio.
Mi sono letto tutto, un'ottimo resoconto del viaggio.
Ciao

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9611
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Fabrizio » dom apr 07, 2019 3:00 pm

Bene Adolfo, mi fa piacere ti sia piaciuto. La prossima dovrebbe essere il 20 di Aprile.
Fabrizio Borca

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11290
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 54
Stato: Non connesso

Re: Viaggio: Malpensa Express ed Embraer E175

Messaggio da Egidio » dom apr 07, 2019 4:59 pm

Gran bel resoconto Fabrizio. Saluti. Egidio. [51]
Egidio Lofrano

Rispondi

Torna a “RECENSIONI DI FERROVIE REALI”