Modulo Porto Amon

Se pensi di realizzare un modulo o lo stai facendo, inserisci qui la tua discussione.

Moderatore: Andrea

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mar apr 25, 2017 5:56 pm

E questa è un'altra complicazione! Comunque ci comincerò a lavorare dopo che ho finito la rielaborazione e ricostruzione di un rottame di trenino. Vediamo che viene fuori. Ma di sicuro, la parte normativa dovrete farla Voi!!! Un passo alla volta!!!
Ciao!!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9524
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Connesso

Messaggio da Fabrizio » mar apr 25, 2017 6:07 pm

Tranquillo Francesco, fretta non c'è. Ti consiglierei di stilare prima un accurato progetto dello scenario, partendo dalla risoluzione dei problemi che ti ha elencato Diego più sopra. Poi potremo passare a studiare come realizzare il telaio in legno e poi.... poi vedremo :wink: Secondo me, un passo alla volta è la cosa migliore.

Poi, non per essere disfattista...ma occorre anche capire cosa ne vorrai fare del modulo. E' importante saperlo prima di cominciare, per evitare delusioni future. La cosa più bella credo sia quella di partecipare a una o più manifestazioni con il modulo. Se non si può fare, bisogna cercare una soluzione alternativa, che può sicuramente essere trovata.

Ciao

Fabrizio
Fabrizio Borca

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7115
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 63
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da liftman » mar apr 25, 2017 6:25 pm

Fabrizio ha scritto:

Poi, non per essere disfattista...ma occorre anche capire cosa ne vorrai fare del modulo. E' importante saperlo prima di cominciare, per evitare delusioni future. La cosa più bella credo sia quella di partecipare a una o più manifestazioni con il modulo. Se non si può fare, bisogna cercare una soluzione alternativa, che può sicuramente essere trovata.


la soluzione è stata già trovata: topic.asp?whichpage=-1&TOPIC_ID=13042&REPLY_ID=173426
Ciao! Rolando

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mar apr 25, 2017 11:20 pm

Fabrizio ha scritto:

Tranquillo Francesco, fretta non c'è. Ti consiglierei di stilare prima un accurato progetto dello scenario, partendo dalla risoluzione dei problemi che ti ha elencato Diego più sopra. Poi potremo passare a studiare come realizzare il telaio in legno e poi.... poi vedremo :wink: Secondo me, un passo alla volta è la cosa migliore.

Poi, non per essere disfattista...ma occorre anche capire cosa ne vorrai fare del modulo. E' importante saperlo prima di cominciare, per evitare delusioni future. La cosa più bella credo sia quella di partecipare a una o più manifestazioni con il modulo. Se non si può fare, bisogna cercare una soluzione alternativa, che può sicuramente essere trovata.

Ciao

Fabrizio


Sono d'accordo. Guarda che stiamo mettendo insieme modellismo cosidetto "povero", che è quello che faccio io, e arte professionale del modellismo! Se riusciamo a dare vita a una sinergia fra due modi diversi di fare modellismo, avremo creato un dialogo culturale molto bello, purtroppo quasi unico.
Quindi, per concludere il discorso (come disse un commediografo di cui non ricordo il nome), dopo aver finito il trenino di cui vi ho parlato, lavorerò a questo scenario marino, proporrò foto, e poi si dicide cosa fare. La vera vera difficoltà è che dovremo dialogare a distanza: per me è praticamente impossibile allontanarmi da Catania; il lavoro poi vi verrebbe spedito. Alla grande ragazzi! E se la cosmonauta Criss Amon bofonchia e brontola, lasciamola fare :wink: :grin: ! Lei viene dal futuro e da un altro pianeta!!!! :grin: :grin:
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mar mag 02, 2017 7:03 pm

Immagine:
Immagine
33,87 KB

Immagine:
Immagine
37,32 KB

Per cortesia, ditemi come vi sembrano le proporzioni!!!
Grazie!!!
Ciao!!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » lun giu 05, 2017 1:40 pm

E' un po' una richiesta quella che faccio. Il plastico modulare GAS TT va a doppio binario, e c'è un interbinario da rispettare: questo è un aspetto molto delicato. Mi chiedo se non sia il caso mettere in commercio, fra di noi, degli spezzoni di testa di doppio binario, col giusto interbinario, già saldato su una striscia di plastica sottile (per tracciati su ponti) o sul previsto doppio blocco di ballast (per tracciati generici). Penso che per il modulo standard rettilineo si possa fare, e faciliterebbe la realizzazione del modulo da parte del modellista!
Grazie!!!
Ciao!!!! :smile: :smile: :smile:
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13245
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia
Ruolo: Moderatore
Età: 32
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » lun giu 05, 2017 4:34 pm

Francesco una domanda mi sorge spontanea, ma prima della progettazione interna del modulo, le testate a norma GasTT te le sei procurate dall'associazione?
Se hai le testate puoi osservare da te che sono tagliate a laser e si vede bene dove va collocato il binario, inoltre insieme alle testate viene fornita la dima utile proprio per i lavorio da te citati, inoltre sono la vaglio dall'associazione ulteriori soluzioni che dovrebbero essere migliori :wink:
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » lun giu 05, 2017 5:45 pm

MrMassy86 ha scritto:

Francesco una domanda mi sorge spontanea, ma prima della progettazione interna del modulo, le testate a norma GasTT te le sei procurate dall'associazione?
Se hai le testate puoi osservare da te che sono tagliate a laser e si vede bene dove va collocato il binario, inoltre insieme alle testate viene fornita la dima utile proprio per i lavorio da te citati, inoltre sono la vaglio dall'associazione ulteriori soluzioni che dovrebbero essere migliori :wink:
Massimiliano :cool:


E sono un gran somaro!! E no, io vado a misure, alla vecchia maniera. Comunque il ponte ad archi posso costruirlo: è un accessorio. Tuttavia ribadisco la mia richiesta, renderebbe le cose più semplici e funzionali: le dime si muovono, nonostante il laser, e un errore di un millimetro, in genere irrisorio, è una "tragedia" sul piano orizzontale del binario. Io conosco molte soluzioni alternative che consentono di superare i problemi delle tolleranze (binari separati, piano regolabile ecc.). Però tienimi informato, e man mano che questo diorama cresce ci sentiamo!!!
Grazie!!!
Ciao!!!!! :smile: :smile: :smile:
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » lun giu 05, 2017 5:56 pm

Massimiliano, ancora una domanda: dalle norme che ho visto, lo spazio utile per il doppio binario all'interno del ponte è dieci centimetri: non avendo un ballast, mi sembra giusto (io ho letto 93 mm escluso la sovrelevazione del ballast, che nel mio caso non c'è)!!!
Ciao!!!!!! :smile: :smile: :smile:
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13245
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia
Ruolo: Moderatore
Età: 32
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » mar giu 06, 2017 10:31 am

Francesco per le domande specifiche aspetto che ti rispondano gli altri amici molto più ferrati di me [:I]
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 3800
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 42
Stato: Non connesso

Messaggio da MrPatato76 » mar giu 06, 2017 11:40 am

Per l'interbinario sul ponte la dima di legno in dotazione alle testate normate è più che sufficiente.
Per il posizionamento/ dimensionamento del ponte vedi un po' tu.
Considera comunque che la massicciata esiste anche sui ponti in muratura.....
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mar giu 06, 2017 12:10 pm

MrPatato76 ha scritto:

Considera comunque che la massicciata esiste anche sui ponti in muratura.....

Sì, ma sta tutta su un piano, non c'è quella sovraelevazione (spero di essermi spiegato ...)
Grazie!!! Vi informerò sugli sviluppi. :smile:
Qui è arrivato il gran caldo :cool:
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
marioscd
Socio GAS TT
Messaggi: 4515
Iscritto il: lun lug 23, 2012 12:56 pm
Nome: Mario
Regione: Lombardia
Città: Valera Fratta
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da marioscd » mar giu 06, 2017 1:55 pm

cerco di dare un piccolo contributo anche io, visto che qualche esperienza in plastici modulari l'abbiamo col CMP... talvolta capita che nasca un progetto un po' più complesso di un semplice modulo da inserire nell'impianto... è il caso, tipico, delle stazioni o di altri aspetti paesaggistici particolari. Faccio un esempio noto: il gruppo di moduli del nostro Doc, ovvero il ponte sul Po di Bressana. (per ricordarvelo posto una foto:

Immagine

questo ponte è scomposto in ben 5 moduli a norma (120x60) di cui solo i due estremi hanno testata standard normata (FIMF) mentre tutti gli altri accoppiamenti sono stati realizzati tenendo conto dell'orografia necessaria alla riproduzione.
Quello che voglio dire è che, all'interno di un qualsiasi modulare, rispettando comunque le norme meccaniche, è possibile realizzare qualsiasi cosa (nel nostro caso un ponte, nel tuo caso un pezzo di porto) a patto di avere le due testate estreme "neutre" e corrispondenti strettamente alle norme. Il mare, a qualsiasi livello in negativo lo si voglia porre, deve "iniziare" e "finire" all'interno del modulo o del gruppo di moduli. Con questa ottica è possibile realizzare ogni manufatto, ogni posizione di binari, ogni scenografia rispettando le norme e garantendo la completa indipendenza della realizzazione rispetto a quelle già esistenti. Ergo... se vuoi riprodurre il porto basta realizzare uno o più moduli che abbiano le testate estreme a norma e la scenografia, contenuta tra esse, assolutamente libera...
spero di essermi spiegato...

ciao
Mario Scuderi - C.M.P. Club Modellismo Pavese ...ciò che è piccolo a volte diventa grande...

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mar giu 06, 2017 2:20 pm

Spiegato benissimo!! E proprio in ragione di questo vorrei dare un qualcosa di più, se vogliamo, un grado di libertà in più! Però la mia idea si basa su una sinergia fra chi sa usare le norme (e siete Voi) e chi non sa come fare (e sono io). Da ciò scaturiva l'idea di mettere in commercio, fra di noi, degli spezzoni di testa di doppio binario, col giusto interbinario, già saldato su una striscia di plastica sottile o compensato da 4 mmillimetri (per tracciati su ponti) o sul previsto doppio blocco di ballast (per tracciati generici). Poi il ponte in muratura sarà il modellista a completare la massicciata su piano. L'idea degli spessoni di testa è proprio fornire dei mini moduli di binario di estremità. Ma ci sono altre soluzioni!
La cosa migliore è fare, e perciò devo farlo questo lavoro. Perché solo con le parole, non si vede il lavoro. Io chiedo informazioni e ... elaboro :cool: .
Ci vuole tempo!!! Poi vediamo che salta fuori!!!
Il ponte sulla foto è favoloso!!!!
A presto :smile:
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9524
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Connesso

Messaggio da Fabrizio » mar giu 06, 2017 6:26 pm

Ciao Francesco. Riguardo le testate, se avrai in mano le testate in legno di betulla tagliate al laser e il binario dritto Tillig da 166 mm standard, ti renderai conto che, anche solo poggiando una estremità del binario sulla testata, la lunghezza della traversina coincide esattamente con la parte della testata su cui va poggiata. Quindi, anche solo poggiando ed incollando i due binari sulle testate facendo attenzione a questo particolare, si ottengono automaticamente tutte le misure in tolleranza per il corretto accoppiamento. Userai poi la dima in legno, prima di stendere la massicciata, poggiando la sagoma inferiore della stessa alla sagoma superiore della testata. Se le due sagome coincidono e gli appositi denti che ha la dima entrano nella parte interna delle rotaie di ciascun binario, praticamente sei sicuro di avere rispettato tutte le geometrie. Poi è preferibile eliminare alcune traversine dai binari che vanno sulla testata e fissare le rotaie alle testate con viti, usando una basetta in vetronite ramata o usando le apposite traversine per le testate predisposte. Questo consente di avere una testata più robusta ed eventualmente fare piccoli aggiustamenti dissaldando e risaldando le rotaie.

Immagine

Le norme e l'uso di materiali forniti dalla Associazione (testate e dime) consente di ottenere in maniera abbastanza sicura e rapida gli obbiettivi di avere un modulo pienamente compatibile con tutto il resto del plastico modulare. Fermo restando che per alcune cose è necessario rispettare rigorosamente la norma, ciascun modellista può poi scegliere propri metodi di realizzazione per raggiungere l'obbiettivo di costruire un modulo pienamente compatibile con tutto il plastico modulare. Ciascuno può farsi da se le testate e realizzarle nel modo che ritiene più opportuno (compresa la metodologia di posa delle rotaie in prossimità delle stesse), fermo restando che il tutto dovrà poi essere compatibile con i moduli esistenti e garantire un sicuro funzionamento di tutto l'impianto.

Per fare questo serve di sicuro una certa manualità, tempo ed esperienza, ma questo modo di procedere può essere validissimo mettere in luce e adottare nuove tecniche che permettano di migliorare i sistemi già in uso. Qualora da una sperimentazione emerga che, un certo modo di procedere consente migliori risultati, è possibile studiare degli opportuni aggiornamenti e sostituzione delle norme.

Nel mettere a punto differenti modi di procedere da quelli normativi, il costruttore, può usufruire dei vari incontri presso la sede della associazione per la messa a punto del lavoro. Qui ci si potrà incontrare e avere gli altri moduli disponibili per fare delle verifiche/test di compatibilità con l'impianto esistente. Se possibile, tali test possono essere fatti anche durante le fasi di allestimento/disallestimento delle manifestazioni, organizzandosi in modo da rendere possibili i test senza interferire con il normale funzionamento del plastico modulare.

Per la questione ponte, all'interno del tuo modulo, quel che devi rispettare è solo la sagoma di libero passaggio (Norma NEM 102 http://www.fimf.it/fimf_prec/nem/nem/nem102.html) e le quote relative alla posa della catenaria (vedi norme GAS TT http://www.scalatt.it/GASTT_norme.htm) mentre per 5 cm in prossimità delle testate, sarà necessario posare la massiciata e il ballast secondo la normativa GAS TT. Tutto questo sempre se il ponte è diritto :wink:

Ciao

Fabrizio
Fabrizio Borca

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mar giu 06, 2017 9:10 pm

Per Fabrizio un messaggio privato!!!! :wink:
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
cararci
Socio GAS TT
Messaggi: 4344
Iscritto il: gio ott 04, 2012 2:56 pm
Nome: Carlo
Regione: Veneto
Città: Volpago
Ruolo: Moderatore
Età: 67
Stato: Non connesso

Messaggio da cararci » mer giu 07, 2017 12:03 pm

Criss Amon ha scritto:

[...] Però la mia idea si basa su una sinergia fra chi sa usare le norme (e siete Voi) e chi non sa come fare (e sono io). Da ciò scaturiva l'idea di mettere in commercio, fra di noi, degli spezzoni di testa di doppio binario, col giusto interbinario, già saldato su una striscia di plastica sottile [...]


Intervengo anch'io.
Circa il saper fare, quando mi sono avvicinato alla scala tt ero assolutamente digiuno di costruzione di moduli, non sapevo niente di norme, misure standard e così via, ma ho deciso di contribuire prima alla produzione di un modulo e poi a costruirne uno da zero. Come diremmo noi in Sicilia (sono originario di Lentini), "nuddu nasci 'mparatu", nessuno nasce sapendo già le cose. Si legge, si osserva, si studia, si impara e in questo modo si supera il non saper fare di partenza.
Seconda questione, gli spezzoni di testa: intanto esistono già, come ti è stato ben detto; inoltre, facendo quello che suggerisci, resta il problema (che non è un problama, ti assicuro), per chi non è avvezzo, di raccordare i "suoi" binari con gli spezzoni preconfezionati. Ti assicuro che con le testate che ti si possono fornire e le dime (semplicissime da usare, purché con accortezza), tutto diventa semplice (anche per uno zuccone come me!).
Ma la vera questione che devi risolvere è: voglio fare un modulo che possa inserirsi nel modulare dell'associazione in qualunque posizione o voglio fare un diorama autonomo e libero da misure standard? Nel primo caso, c'è poco da girarci intorno, devi rispettare le norme (che in tanti ti hanno già indicato); nel secondo caso, puoi fare quello che ti pare.
Concludo dicendo che l'idea di un modulo o di un diorama che riproduca "a firruvia supra l'archi da marina" è bella e... appetitosa! Spero di vedere l'opera conclusa, magari vengo a Catania per questo.
Ciao.
Carlo

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mer giu 07, 2017 2:08 pm

cararci ha scritto:
<font color="red">Criss Amon "]
Concludo dicendo che l'idea di un modulo o di un diorama che riproduca "a firruvia supra l'archi da marina" è bella e... appetitosa! Spero di vedere l'opera conclusa, magari vengo a Catania per questo.
Ciao.
Carlo

Mi farebbe piacere!! Io mi muovo poco!!! Fra l'altro visiteresti la stazione Betelgeuse. Per ora vediamo cosa combino!!!
Ciao!!! :smile: :smile: :smile:
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » dom giu 18, 2017 9:10 pm

Ancora in lavorazione, ecco la massicia struttura del ponte ad archi di Porto Amon.

Immagine:
Immagine
82,64 KB

Immagine:
Immagine
93,54 KB

Immagine:
Immagine
128,26 KB

Il lavoro si ispira agli archi della Marina di Catania: c'è molta somiglianza ma non è la riproduzione esatta!!!
Ciao!!! :smile: :smile:


Immagine:
Immagine
110,78 KB
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
58dedo
Socio GAS TT
Messaggi: 1815
Iscritto il: mer dic 19, 2012 5:17 pm
Nome: diego
Regione: Lombardia
Città: Rovellasca
Età: 60
Stato: Non connesso

Messaggio da 58dedo » dom giu 18, 2017 10:59 pm

:cool: :cool: :cool: :cool: :cool: :cool:
Diego

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » dom giu 18, 2017 11:04 pm

Grazie Diego!!!! :smile: Adesso devo andare avanti!!!!
Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11218
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 54
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio » lun giu 19, 2017 8:52 am

Bravo Francesco !! Saluti. Egidio. :cool:
Egidio Lofrano

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 1931
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » lun giu 19, 2017 11:14 am

Grazie Egidio!!! :smile: :smile: :smile:
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13245
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia
Ruolo: Moderatore
Età: 32
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » mar giu 20, 2017 11:34 am

Molto bello :wink: Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 8710
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » mar giu 20, 2017 12:13 pm

:grin: :grin: :grin: :cool: :cool: :cool: :wink: :wink:
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Rispondi

Torna a “PLASTICO MODULARE GAS TT - MODULI IN COSTRUZIONE/PROGETTAZIONE”