Modulo Porto Amon

Se pensi di realizzare un modulo o lo stai facendo, inserisci qui la tua discussione.

Moderatore: Andrea

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Modulo Porto Amon

Messaggio da Criss Amon » gio apr 20, 2017 6:37 pm

Allego il pdf con cui illustro una mia idea. Il file potete scaricarlo e vederlo con calma!
Fatemi sapere! :smile:
Per comunicare questioni di costo, per cortesia, messaggi privati. Per il resto aspetto le vostre opinioni!!!
Ciao!!!!
Francesco porto.pdf (714,94 KB)
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7215
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 64
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da liftman » gio apr 20, 2017 10:39 pm

Scusa Francesco, ma perchè non hai postato le foto e scritto il testo qua direttamente, in modo che la discussione dell'argomento sia più facile per tutti?
Ciao! Rolando

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » gio apr 20, 2017 10:47 pm

Sì, hai ragione, è che non mi ci trovo a inserire file. Vi chiedo scusa. Ora provo a farlo!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » gio apr 20, 2017 10:51 pm

Immagine:
Immagine
54,13 KB

Immagine:
Immagine
92,28 KB

Immagine:
Immagine
79,25 KB



Immagine:
Immagine
204,06 KB


Immagine:
Immagine
210,36 KB
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » gio apr 20, 2017 10:55 pm

Il modulo si ispira agli archi della marina di Catania, negli anni venti del secolo scorso (1920), quando passavano sopra il mare e il porto dei pescatori.
Adeguando il colore (Catania è grigia di colore, la pietra lavica), il modulo può stare fra il faro di Caprazoppa e una stazione, ad imitazione di come è Catania. Il modulo deve essere studiato in funzione degli altri moduli, altrimenti si rischia di avere un diverso livello del mare fra i due moduli.
L'ultima immagine è uno schizzo del modulo. la penultima uno schema semplificato in pianta.
Il modulo verrà completato con barche da pesca in mare e barche poggiate sulla spiaggia.
Desidero conoscere i costi grossomodo del materiale per questo lavoro. Per comunicare sui costi, messaggi privati.
Preferisco che siate voi più esperti a realizzarlo. Io non mi saprei orientare.
Quanto al nome se vi piace Porto Amon!
Come temevo un'immagine non me l'ha fatta inserire!
Grazie!!!
Francesco
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 3949
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 43
Stato: Non connesso

Messaggio da MrPatato76 » ven apr 21, 2017 9:03 am

Francesco l'idea di base è molto bella.
Però due suggerimenti:
Su tutti i moduli "marini" costruiti ad oggi, il mare è posizionato dal lato opposto dei binari rispetto alla tua idea.
Eviterei di "vincolare" il tuo modulo ad altri già esistenti.

Per i costi di testate e schede elettriche, puoi vedere sulla pagina dello Shop: http://www.scalatt.it/GASTT_shop.htm
A questi costi dovrai poi aggiungere quelli del legname per la struttura .....
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » ven apr 21, 2017 10:40 am

MrPatato76 ha scritto:

Francesco l'idea di base è molto bella.
Però due suggerimenti:
Su tutti i moduli "marini" costruiti ad oggi, il mare è posizionato dal lato opposto dei binari rispetto alla tua idea.
Eviterei di "vincolare" il tuo modulo ad altri già esistenti.

Per i costi di testate e schede elettriche, puoi vedere sulla pagina dello Shop: http://www.scalatt.it/GASTT_shop.htm
A questi costi dovrai poi aggiungere quelli del legname per la struttura .....


E infatti è solo un'idea. Per la prospettiva, basta ruotarlo e mettere più in risalto il porto dal lato spiaggia, col villaggio dei pescatori, e ridurre la parte del mare. Mi lego ad altri moduli per sola coerenza. Ripeto che è un'idea, ma a farlo non mi saprei orientare.
Grazie!!!!
Ciao!!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
liftman
Socio GAS TT
Messaggi: 7215
Iscritto il: dom gen 29, 2012 2:40 pm
Nome: Rolando
Regione: Liguria
Città: La Spezia
Ruolo: Moderatore
Età: 64
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da liftman » ven apr 21, 2017 11:54 am

Innanzitutto ti ringrazio per aver accolto il consiglio di postare le foto al posto del PDF! :cool:
Criss Amon ha scritto:

Come temevo un'immagine non me l'ha fatta inserire!


Per le immagini, gli unici limiti sono il "peso" in fatto di occupazione di memoria, fissato in un massimo di 878,91 KB. Quando il caricamento non va a buon fine, in genere si presenta un messaggio che ne spiega il motivo. Se èil "problema" è come ipotizzato il "peso", basta che ridimensioni la foto, o che la converti in un diverso formato.

Per ridimensionare le foto, trovi un tutorial qua: topic.asp?TOPIC_ID=34
Ciao! Rolando

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » ven apr 21, 2017 12:22 pm

Ci sono riuscito!!! Grazie!!!!
Il problema è stringa non valida. L'ho rinominata!
Ciao!!!

Immagine:
Immagine
13,38 KB
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » dom apr 23, 2017 6:47 pm

Salve ragazzi. Mi servono delle informazioni di quote e dimensioni:
Lunghezza e larghezza di un modulo
Distanza dei binari dal bordo modulo
Interbinario
Quota dei binari dal livello del mare, se è un modulo col mare
Grazie!!!
Ciao!!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 3949
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 43
Stato: Non connesso

Messaggio da MrPatato76 » dom apr 23, 2017 7:18 pm

Ci sono le norme.
Puoi scaricarle o leggerle sul sito.
Vai sulla home page del sito.
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9829
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » dom apr 23, 2017 7:21 pm

Puoi trovare qui quasi tutte le risposte http://www.scalatt.it/GASTT_norme.htm

Per l'altezza dei binari dal mare, poiché esistono già moduli marini, sarebbe consigliabile fare il mare allo stesso livello. Nei moduli già costruiti o in costruzione, il mare è a quota -80 mm rispetto al piano di campagna. Tuttavia non è una misura normata, quindi la cosa rimane un consiglio.
Fabrizio Borca

Avatar utente
Egidio
Messaggi: 11497
Iscritto il: gio mag 17, 2012 1:26 pm
Nome: Egidio
Regione: Abruzzo
Città: Ortona
Età: 55
Stato: Non connesso

Messaggio da Egidio » lun apr 24, 2017 8:35 am

Idea molto originale. Bravo Francesco, ti seguiro' molto volentieri nelle future evoluzioni...... Saluti- Egidio. :cool:
Egidio Lofrano

Avatar utente
acampanella
Socio GAS TT
Messaggi: 275
Iscritto il: lun ott 13, 2014 1:06 pm
Nome: Andrea
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: Trieste
Età: 42
Stato: Non connesso

Messaggio da acampanella » lun apr 24, 2017 5:47 pm

ciao Francesco,
per varie ragioni dettate dal tempo tiranno e due bimbi piccoli cui dare la mia presenza sto pensando di abbandonare il mio progetto
topic.asp?TOPIC_ID=11549

se vuoi posso fornirti io testate, binari, massicciata e pali della linea aerea.
ho anche una scheda di blocco che però devo valutare con ED se è ancora attuale.

contattami pure in privato.
ciao
Andrea
Andrea C.

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » lun apr 24, 2017 7:04 pm

Immagine:
Immagine
81,37 KB

vista dall'alto



Immagine:
Immagine
32,85 KB

vista frontale
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
58dedo
Socio GAS TT
Messaggi: 1819
Iscritto il: mer dic 19, 2012 5:17 pm
Nome: diego
Regione: Lombardia
Città: Rovellasca
Età: 61
Stato: Non connesso

Messaggio da 58dedo » lun apr 24, 2017 7:18 pm

l'idea è molto interessante e intrigante, mi piace assai.....ma essendo tutto il modulo a -80 mm., come raccorderesti le due testate con gli altri moduli? :wink:
Diego

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » lun apr 24, 2017 7:19 pm

Il problema è che io quando realizzo un plastico non seguo normative: la mia filosofia è poter far camminare tutti i rotabili di quella scala che sono in commercio. Inoltre le attrezzature che ho sono molto spartane: non ci sono aerografi o trapani di precisione, ma seghe, lime, carta vetrata, tenaglie ecc. Di conseguenza non sono in grado di seguire con precisione le normative per la realizzazione del modulo. Infine, i plastici che ho realizzato poggiano su un piano di riferimento, sopra il quale si costruisce il plastico, qualunque siano le sue dimensioni: è vero che dopo che l'hai costruito non può uscire più di casa. Io posso costruire un modulo su un piano, su una tavola di compensato, cercando di seguire le Vostre indicazioni planimetriche. Una volta costruito il modulo vi verrebbe spedito.
Per cui, prima di cominciare (e sarà un lavoro lungo) dite Voi, soprattutto soci GAS TT, amministratori e moderatori. Oppure potete costruirlo voi se Vi piace: io Vi do tutte le indicazioni paesaggistiche. e contribuirò alle spese (ecco perché chiedevo un preventivo). Fatemi sapere.
In ogni caso grazie per l'attenzione.
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » lun apr 24, 2017 7:23 pm

58dedo ha scritto:

l'idea è molto interessante e intrigante, mi piace assai.....ma essendo tutto il modulo a -80 mm., come raccorderesti le due testate con gli altri moduli? :wink:


Bella domanda da 1000000 di EURO!!! [:I]
L'idea era metterlo fra un modulo marino (Caprazoppa) e una stazione. Ma come ho già detto, con le normative modulari, non mi so orientare. In un plastico ho sempre la visione d'insieme, ... e non è modulare. Magari sarà grande, ma non modulare.
Grazie!!!! Ciao!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9829
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » lun apr 24, 2017 9:17 pm

Ciao Francesco. Per quel che riguarda le normative, è necessario rispettarle per fare in modo che tutti i moduli si possano collegare tra loro (connessione meccanica ed elettrica) e far si che il modulare possa funzionare. Se non rispetti la normativa, non sarà possibile accoppiare il tuo modulo agli altri e tutto il lavoro sarà inutile. Per il rispetto delle norme non servono particolari strumenti quali trapani di precisione, aerografi o similari. Serve sono utilizzare le testate previste (vedute già pronte), la dima e rispettare scrupolosamente le misure indicate nella normativa. Tutte cose fattibili con i normali strumenti, quali pinze, tenaglie, carta vetrata seghe ecc ecc... Non serve nessuno strumento particolare.

Il plastico modulare, poi, ha un concetto diverso da quello casalingo. Il plastico casalingo, come dici, nasce per stare sempre in un medesimo posto (al limite qualche spostamento in caso di traslochi) e va visto come un entità a se da osservare singolarmente. Il plastico modulare è molto diverso. Ciascun modulo fa parte di una realtà più complessa, ovvero il plastico modulare. Ogni modulo ha le sue particolarità, quindi si osserva come lavoro a se stante, ma fa anche parte di uno scenario complessivo, ovvero il plastico modulare, che si osserva anche nel suo complesso.
Ciascun modulo deve essere facilmente trasportabile e resistente agli spostamenti, perché per sua natura sarà portato sempre in giro. Il modulo fa parte di una realtà più complessa e deve integrasi e potere funzionare con tutti gli alti moduli esistenti. Quindi deve essere conforme ad alcune regole costruttive che servono per fare in modo che, unendo più moduli, si possa ottenere un vasto scenario complesso funzionante, diverso di volta in volta. Il singolo modulo, quindi, non va considerato come una entità a se stante, che se comunque ogni modulo rappresenta una realizzazione personale e con le sue peculiarità. Da solo non è in grado di funzionare, ma può essere un diorama.

Se tu hai sempre realizzato plastici domestici, ciò non vuol dire che tu non possa realizzare un modulo per un impianto modulare. Cambia il tipo di approccio da adottare, dovrai seguire certe norme e sarà necessario fare dei compromessi, ma comunque c'è sempre una grande libertà d'espressione. Si tratta di realizzare un qualcosa di diverso e la nuova esperienza può sicuramente essere un valore aggiunto :wink: In ogni caso, tieni presente che ci sarà sempre l'assistenza se non capisci qualcosa o non sai come fare :smile:
Criss Amon ha scritto:
....
L'idea era metterlo fra un modulo marino (Caprazoppa) e una stazione. Ma come ho già detto, con le normative modulari, non mi so orientare. In un plastico ho sempre la visione d'insieme, ... e non è modulare.....


Nel realizzare un modulo, solitamente, è preferibile ragionare partendo dal presupposto che lo stesso dovrà inserirsi nel modo migliore possibile fra qualsiasi modulo. E' quindi preferibile evitare di costruirlo già pensando di inserirlo in un posto preciso fra due precisi moduli. Questo perché nel tempo il modulare cresce e cambia. Nuovi moduli nascono, altri non ci sono più, ma soprattutto per ogni esposizione i moduli partecipanti sono diversi e gli spazi anche.
In linea di base, quindi, ogni modulo deve essere realizzato in modo da integrarsi al meglio con qualsiasi modulo. E' per questo che, nella normativa, vengono date alcune indicazioni sul come realizzare le testate e su che materiali usare (colore erba, colore ballast, colore sporcature ecc).

In alcuni casi, poi, le testate possono essere realizzate per integrasi al meglio con alcuni moduli. In questo caso, la testata, sarà realizzata pensando di integrarsi in maniera idonea con tutti i moduli e integrasi al meglio con determinati moduli. Per esempio è logico pensare che, un modulo marino, vada affiancato ad altri moduli marini. Si potrà realizzare un modulo con delle testate che vadano ad integrarsi molto bene con gli altri moduli marini, in modo che, se possibile in fase di allestimento, i moduli saranno messi vicini.

Tuttavia non è sempre possibile garantire questo, quindi, sebbene le testate possono essere pensate per integrarsi al meglio con determinati specifici moduli, è necessario che possano comunque integrarsi nel miglior modo possibile con tutti i moduli già esistenti e anche con quelli futuri.

Ciao

Fabrizio
Fabrizio Borca

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » lun apr 24, 2017 11:33 pm

Caro Fabrizio, ti ringrazio immensamente delle tue spiegazioni e soprattutto della fiducia e l'incoraggiamento verso di me. Ma io ho realisticamente un'età, una formazione di altri tempi, e devo ammettere anche scarsa duttilità: ci metto un bel po' ad adeguarmi ad un nuovo protocollo, e se poi non è indispensabile farlo ... ! [:I] Mi avete capito. Mi conosco, e so bene che col modulo farei un pasticcio e si renderebbe inutilizzabile. Tuttavia, poiché mi rendo conto che l'idea e la "visione" dell'oggetto c'è l'ho io in testa, sto pensando a una soluzione di compromesso, a un punto di incontro.
Un'altra cosa: non ho mai lavorato col digitale (e non mi piace il digitale ... questione personale!). Ci studio e Vi faccio sapere. Poi mi direte se va bene.
Ciao e Grazie!!!!
Francesco
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4325
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » mar apr 25, 2017 2:22 am

Ciao Francesco,
Fabrizio ti ha dato un'ottima visione generale di come funziona e come dovrebbe essere un plastico modulare tipo il nostro.
Mi rendo conto che può sembrare difficile per chi non lo ha mai fatto. Tuttavia, se farai un modulo, vedrai che è molto più facile di quanto sembra.
Noi siamo qui per dare un aiuto ed un supporto e siamo un po' ostinati a ripetere sempre le stesse cose.
Quando dico "ripetere sempre le stesse cose", lo dico consapevole del fatto che qui nessuno è professore e non è mai troppo tardi per andare a scuola [:I].
Quindi non ti preoccupare troppo, piuttosto pensa a come risolvere eventuali problemi un passo alla volta.

Edgardo

Avatar utente
MrMassy86
Socio GAS TT
Messaggi: 13618
Iscritto il: sab nov 10, 2012 3:42 pm
Nome: Massimiliano
Regione: Toscana
Città: Marlia - Lucca
Ruolo: Moderatore
Età: 33
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da MrMassy86 » mar apr 25, 2017 10:43 am

Ciao Francesco, fino ad ora ho letto attentamente la discussione e sono rimasto in silenzio perché volevo capire bene come evolveva la storia, da quello che avevo capito inizialmente la tua mi sembrava più idea per qualcuno che volesse realizzare un modulo, leggo invece con piacere che potresti essere tu a realizzarlo, sinceramente la proposta è interessante e visto che te hai l'idea scenografica di quello che vorresti vedere sarebbe meglio fossi tu il creatore [:I]
Fabrizio di ha dato una visione molto dettagliata riguardo il plastico modulare e le sue norme da seguire, parlavi di digitale che non ti piace, il plastico modulare è analogico, quindi vai tranquillo :wink:
L'unica cosa che dovresti rivedere del progetto te l'ha segnalata Diego, dovrai fare un compromesso ma alle testate dovrai salire con la scenografia da -80 a 0, magari realizzando una scogliera e un po' di verde per connessione con il modulo adiacente, bastano anche solo 5cm :wink:
Massimiliano :cool:
Massimiliano Paolinelli - il mio canale YouTubeViaggio in quel di Verni -Il Ponte dei Pescatori - C.L.A.F. Lucca

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mar apr 25, 2017 12:08 pm

Massimiliano ciao!!! Sarà un'insenatura naturale sopra la quale passa la ferrovia. A Brucoli c'è un piccolo porto naturale che nasce così. Quindi il mare si posizione fra due blocchi di roccia, al vero distanti fra loro un centinaio di metri: il ponte ad archi salterà questo mare.
Quello che mi preoccupa sono l'infrasstruttura, e le distanze planimetriche. Quindi penso che procederò così: su una tavola di compensato poggerò il ponte e il "paersaggio"; il ponte però inizialmente non sarà bloccato, in modo da poter fare le correzioni planimetriche. Per lo stesso motivo sul ponte non saranno messi immediatamente i binari.
Poi ci sono dei particolari che sono importanti: i binari sono inchiodati o incollati? Se i pali della catenaria sono imbullonati al plastico dal basso (com'è in genere, solo la LIMA li faceva avvitati dall'esterno), è un problema fissarli sul ponte. Quindi il piano del ponte su cui poggiano i binari deve essere estraibile.
E poi c'è tutto il resto. Comunque ci vorrà del tempo!!!
Ciao!!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2130
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mar apr 25, 2017 2:11 pm

Secondo il mio modo di vedere, considerato il plastico in analogico, per un doppio binario quattro fili per parte bastano per le connessioni elettriche. Ma come li collegate i fili alle rotaie? Esistono binari predisposti o si deve fare un collegamento esterno? Io adopero delle lamine elastiche posizionate sotto le giunzioni (le scarpette), e funzionano benissimo. Ma non mi pare che in questo caso si possa fare!
Ciao!!!!!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9829
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » mar apr 25, 2017 3:49 pm

Per l'impianto elettrico, devi decidere se fare un modulo di piena linea o di blocco. Per le connessioni elettriche, trovi i riferimenti a pagina 19 delle norme. Anche in questo caso, non è possibile fare un collegamento come un normale plastico, altrimenti tutto il sistema del modulare non funziona.

I fili vanno collegati alle rotaie con delle saldature. Non è una norma, ma solitamente è il metodo che permette la migliore stabilità delle connessioni.

Per quel che mi riguarda, ho preferito saldare ad ogni spezzone di rotaia due fili, uno all'inizio e uno alla fine. Ne consegue che hai 4 fili per ogni spezzone di binario. Ho poi eseguito gli opportuni collegamenti sottoplancia. Ho fatto questo per avere una ridondanza di collegamenti. In modo che se una connessione salta, rimane sempre l'altra.

Immagine
84,98 KB
Fabrizio Borca

Rispondi

Torna a “PLASTICO MODULARE GAS TT - MODULI IN COSTRUZIONE/PROGETTAZIONE”