linea aerea

Il "sistema binari" da utilizzare.
Rispondi
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 26, 2012 12:10 am

Noi stiamo a fare tanti calcoli per vedere la cadenza con cui posizionare i pali e come rispettare lo zig zag, ma la realtà...
Oggi mi sono soffermato a guardare un tratto rettilineo di lnea aerea lungo circa 200 metri vicino al fiume Entella, quindi piena linea.
C'é di tutto.
Pali singoli con le zampe di ragno dallo stesso lato (e lo zig zag?), coppie di pali a 3 o 4 metri di distanza l'uno dall'altro, ad un tratto invece che i pali c'é un traliccio, poi di nuovo pali singoli poi ancora a coppia.
Insomma, comincio a pensare che fare quello che si vuole ci avvicina di più alla realtà che cercare di dare un ordine. :cool:

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: mar nov 01, 2011 8:50 pm
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Età: 59
Stato: Non connesso

Messaggio da Marshall61 » dom feb 26, 2012 7:51 am

Caro Giuseppe, mi sa che hai proprio ragione....la perfezione non è di questo mondo, del resto è solamente lo spirito dell'uomo a ricercarla ma la realtà è molto diversa.....
Per i moduli, l'importante che la distanza dall'inizio del modulo ed il primo palo sia standard in modo da consentire l'agevole installazione della catenaria tra un modulo e l'altro in fase di messa in opera dei moduli, all'interno si può tranquillamente, per quanto possibile, seguire la realtà......
Quando ho acquistato i pali in kit della LM, ho preso anche un portale, purtroppo a binario unico, riguardandolo ora ed immaginando il suo posizionamento su di un tratto di linea aerea non ci starebbe per niente male e romperebbe la monotonia dei singoli pali non dimenticando, che ci sarebbero anche i contrappesi dei tenditori.......più reale di così! :grin:
Quanto sopra ovviamente è solo una considerazione, autocostruirsi un traliccio non è sicuramente semplice......

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » dom feb 26, 2012 8:29 am

Giuseppe e Carlo,
concordo con entrambi. Ho avuto anch'io questa sensazione di irregolarità (all'italiana :cool: ), guardando tempo addietro un tratto delle ferrovie nord (FNM). Tutto un pò alla rinfusa, irregolarità degli interassi, posizione della linea, tipologia di pali e accessori; insomma un "potpourri" di idee e manufatti. E' il segno di italianità, con il quale siamo conosciuti in tutto il mondo :cool: :cool: :cool:
E' la stessa sensazione che si ha, facendo un giro in Svizzera, quando al rientro in Italia, varcata la dogana, di essere finalmente a casa.... di ritrovarsi in un ambiente non più preciso-preciso, dove anche un papavero può liberamente crescere vicino all'aiuola della rotonda senza essere estirpato per irregolarità estetica! :cool:
Riccardo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 26, 2012 9:25 am

Il vero problema lo avrà chi non si auto costruirà anche la catenaria.
Chi se la fa con il filo di ottone non ha problemi di dimensioni, ma chi non se la sente, o non ne ha voglia, dovrebbe trovare alcune misure che gli permettano di risolvere i problemi che presenterà il suo modulo.
D'altronde anche quella commerciale prevede diverse lunghezze degli spezzoni.
Non sarebbe un problema, basta fare la lastrina con tratte di catenari di diverse misure.
Il problema é come distribuirla.
Mi spiego: se uno sceglie di usare una catenaria commerciale acquista quello che gli serve ed é a posto, ma se deve usare quella che si adatta ai pali italiani e quindi quella della nostra lastrina, mica può "ordinarne" un pezzetto o due, deve prendere la lastrina intera e, magari, non ne usa la maggior parte.
Fare una lastrina ha dei costi, e non si può pensare che chi la fa, anche se la distribuisse coprendo solo le spese, si tenga lui tutti gli "avanzi".
Una soluzione potrebbe essere quella che chi decide di usare la catenaria commerciale si faccia dei pali che possano montare tale catenaria, ma bisognerà fare in modo che la giunzione tra i due tipi non crei problemi.
E non so se sarà possibile.

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » dom feb 26, 2012 11:02 am

Giuseppe,
ho sperimentato il sito segnalato da AXEL http://it.bing.com/maps/ e guardando zona sud Milano, ho fotografato delle zone piena linea e devo dire che in questi casi è abbastanza regolare la linea, l'interasse e la posizione. Ho notato che vi sono i pali da entrambi i lati binari. Posto due immagini per commenti.

Immagine:
Immagine
301,82 KB

Immagine:
Immagine
391,51 KB
Riccardo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 26, 2012 12:40 pm

Si, certo, probabilmente il caos si ha quando ci si avvicina a centri urbani.
Il tratto cui facevo riferimento é alla periferia di Chiavari, ma essendo una piccola cittadina, la periferia si confonde quasi con il centro.
Siamo a circa 200 metri dalla stazione.
Nelle tratte di vera piena linea, probabilmente c'é una maggiore regolarità.

Avatar utente
Gian Luigi Di Felice
Messaggi: 42
Iscritto il: gio dic 01, 2011 10:39 pm
Nome: Gian Luigi
Regione: Liguria
Città: Genova
Età: 68
Stato: Non connesso

Messaggio da Gian Luigi Di Felice » dom feb 26, 2012 1:48 pm

Scusa il ritardo, Riccardo, si sono colorati con acrilici, la maggior parte con Puravest opaco tipo 6 Grigio PV 01156, e pi anche con il Lifecolor Dark Gull Grey FS 36231 e dati con aerografo
Gian Luigi Di Felice

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » sab mar 17, 2012 8:54 am

ciao Giuseppe,
ritorno sul tema linea aerea.
girovagando nel web ho scovato anche questa marca di linea aerea (oltre alla già citata Viessmann). Si tratta della Sommerfeldt

Immagine:
Immagine
14,82 KB

viene venduta singolarmente http://www.modellbahnshop-lippe.com/pro ... odukt.html
Riccardo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » sab mar 17, 2012 10:43 am

Si, certo, é una delle due ditte che fanno linea aerea TT.
Però gli attacchi sono per palificazioni straniere e questo potrebbe essere un problema che può essere superato solo modificando il sistema di attacco ai pali FS.
Allora, tanto vale usare quella Viessman.
Comunque, ora sto preparando le lastrine per Carnate e pensavo di inserire un campione per fare la catenaria fotoincisa.
Sarebbe bene potersi procurare qualche pezzo di catenaria commerciale e poi decidere con il materiale in mano.

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » gio set 27, 2012 3:17 pm

Con le lastrine per Carnate ho inserito delle prove per la linea aerea.
Ho montato alla svelta un palo per portarlo a Novegro e parlarne con voi.
Lo spessore della fotoincisione é di 3/10 può andare bene per i bracci, ma per le zampe di ragno é troppo sottile e si piegano troppo facilmente.
Comunque ne parliamo domani con chi c'é.
A destra c'é la prova grossolana che avevo fatto tempo fa per verificare le dimensioni.

Immagine:
Immagine
46,04 KB

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » gio set 27, 2012 4:43 pm

UAU!!! Giuseppe, che spettacolo;
ci saremo ed apriremo un tavolo tecnico sull'argomento :cool:
:wink:
Riccardo

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22017
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » gio set 27, 2012 4:59 pm

rbk250 ha scritto:

UAU!!! Giuseppe, che spettacolo;
ci saremo ed apriremo un tavolo tecnico sull'argomento :cool:
:wink:

Quoto in pieno.
Per quanto riguarda i bracci (vedi il braccio del lampione di Riccardo), potete contare su di me!!
:cool:
:cool: :cool: :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » sab ott 13, 2012 10:22 pm

Giuseppe,
riprendo qui la discussione,
giuseppe_risso ha scritto:


Se facciamo campate di due binari non possiamo fare tutto zig zag per ché non funziona, dovremo ragionarci ancora, ma la posizione dei pali può già essere questa.


... non capisco le campate di due binari.....
riallego uno schizzo di tempo addietro,


Immagine:
Immagine
97,12 KB

il modulo è di 996 mm (6 binari da 166mm)
i pali hanno partenza dalle testate di 124,5mm e interassi interni di 249mm.
questi interassi non coincidono con la misura dei binari ma dividono la lunghezza totale del modulo (996mm) in parti uguali con un numero pari di pali per la corretta sequenza zig-zag....
.... mi sa che mi sto un pò confondendo .... :cool:
Riccardo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » sab ott 13, 2012 10:43 pm

rbk250 ha scritto:

Giuseppe,
riprendo qui la discussione,
giuseppe_risso ha scritto:


Se facciamo campate di due binari non possiamo fare tutto zig zag per ché non funziona, dovremo ragionarci ancora, ma la posizione dei pali può già essere questa.


... non capisco le campate di due binari.....
riallego uno schizzo di tempo addietro,


Immagine:
Immagine
97,12 KB

il modulo è di 996 mm (6 binari da 166mm)
i pali hanno partenza dalle testate di 124,5mm e interassi interni di 249mm.
questi interassi non coincidono con la misura dei binari ma dividono la lunghezza totale del modulo (996mm) in parti uguali con un numero pari di pali per la corretta sequenza zig-zag....
.... mi sa che mi sto un pò confondendo .... :cool:


No, a confondermi sono io, mi sembrava di ricordare che facessimo una tratta di catenaria ogni due binari, ma evidentemente sbagliavo.
Come hai disegnato tu va bene.

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » mar ott 16, 2012 8:38 pm

giuseppe_risso ha scritto:

.....Comunque ne parliamo domani con chi c'é.
A destra c'é la prova grossolana che avevo fatto tempo fa per verificare le dimensioni.

Immagine:
Immagine
46,04 KB




Ciao Giuseppe,
poi a Novegro con tutta la concitazione dell'evento, non siamo riusciti a discuterne.
Nella tua foto rappresenti i pali per la linea aerea;
nel frattempo leggendo la NEM201 sono indicate le misure/posizione filo di contatto rispetto al piano rotaia


Immagine:
Immagine
97,79 KB
Riccardo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » mer ott 17, 2012 12:01 am

Le misure non sono un problema, si rispettano tranquillamente.
Il vero problema é trovare una soluzione che permetta di realizzare la linea aerea anche a chi non ha voglia o non se la sente di farsela.
Purtroppo in commercio non ce n'é (per il momento).
Fare una lastrina con un pezzo già montato che comprenda il braccio, il tirante, le zampe di ragno e gli isolatori sarebbe la soluzione più facile ma le meno bella.
Farla in pezzi separati con spessori diversi da assemblare sarebbe la più complicata.
Forse si dovrà fare le due versioni e rassegnarci ad avere un po' di discontinuità.

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22017
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » mer ott 17, 2012 9:03 am

giuseppe_risso ha scritto:
Il vero problema é trovare una soluzione che permetta di realizzare la linea aerea anche a chi non ha voglia o non se la sente di farsela.

Giuseppe, hai centrato il problema. [8]
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » mer ott 17, 2012 2:48 pm

L'alternativa é non farla proprio.
Se si fa la farei con la catenaria, oltre che più bella, collegare tutte le zampe di ragno dovrebbe irrobustirle.
Intanto, nel prototipo portato a Novegro avevamo visto che per farla realistica, le zampe di ragno erano un po' sottilini, io le farei un po' sovradimensionate in modo che sia più facile maneggiarle.
Per i pali, gli esperti del modulare potrebbero darci una dritta: meglio fissarli con un perno inserito in un foro e incollati o meglio saldare una barretta filettata che si infili nel piano del modulo e si blocchi da sotto con un dado?

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22017
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » mer ott 17, 2012 7:25 pm

giuseppe_risso ha scritto:
Intanto, nel prototipo portato a Novegro avevamo visto che per farla realistica, le zampe di ragno erano un po' sottilini, io le farei un po' sovradimensionate in modo che sia più facile maneggiarle.

Sul tuo quesito lascio rispondere gli esperti.
Anch'io farei le zampe di ragno un po' sovradimensionate.
Le ho viste a Novegro e mi sembravano più che accettabili.
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » gio ott 18, 2012 6:29 am

Giuseppe,
riallego (per aggiornare la memoria) dei tuoi schizzi postati in precedenti messaggi/discussioni....


Immagine:
Immagine
174,97 KB

Immagine:
Immagine
80,95 KB
Riccardo

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 10281
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » dom nov 25, 2012 2:13 am

Per quanto riguarda la palificazione e catenaria solo ora mi è venuto in mente che in ambito RFI è prevista la posa di due differenti tipologie di pali

- LS in piena linea
- M in ambito di stazione

Questa suddivisione si applica a partire dagli anni '70, prima i pali erano tutti di tipo M. Tuttavia considerato che costruire in scala TT pali di tipo LS risulterebbe assai complicato, credo potremmo impiegare solo i pali di tipo M di cui già ci sono i prototipi.

Palo di tipo LS per posa in piena linea
Immagine:
Immagine
68,28 KB

Palo di tipo M per posa in ambito di stazione
Immagine:
Immagine
43,1 KB


Anche le mensole sono di tipi differenti, il più vecchio è il tipo 1939, il più nuovo il tipo 1975. Poi ci sono i vari tipi di mensola per AV, ma credo noi non ne necessiteremo....

Mensola tipo 1939 (sotto) e 1975 (sopra). Le mensole tipo 1939 sono in disuso e fanno la loro presenza su vecchi impianti, le tipo 1975 sono quelle attualmente più diffuse.
Immagine:
Immagine
91,43 KB

Mensole del tipo impiegato dal 2009 su linee a forte traffico (per doppie trazioni)
Immagine:
Immagine
65,62 KB

Mensole del tipo per linee AV
Immagine:
Immagine
106,83 KB

Questo prototipo è il palo di Giuseppe, quindi è il modello in TT di un palo tipo M con mensola tipo 1975, come quello della seconda foto
Immagine:
Immagine
46,04 KB
Fabrizio Borca

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » sab dic 08, 2012 7:09 pm

stamane da Edgardo, con Andrea, abbiamo "toccato" con mano la linea aerea Sommerfeldt 473 con interasse 250mm idonea per il modulare (249mm.).
La prima impressione è stata buona e sarebbe vantaggioso l'utilizzo di questo prodotto "commerciale" già pronto e in scala TT.

Immagine:
Immagine
232,13 KB


Per quanto riguarda l'interasse dei pali in curva, si potrebbero fare dei calcoli specifici; la sostanza sarebbe nel far sì che la linea rimanga sempre "in luce" nella proiezione delle totaie, ho trovato in rete questa sistesi

Immagine:
Immagine
71,65 KB
Riccardo

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22017
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » sab dic 08, 2012 11:07 pm

Oggi ho visto la linea aerea realizzata da Riccardo e devo dire che è spettacolare. :cool:

Ricordo che qui c'è la sequenza realizzativa dei pali:
topic.asp?TOPIC_ID=7160&whichpage=1
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » sab apr 27, 2013 11:29 am

Non ricordo se ne avevamo parlato e non vorrei rileggere tutti post... :cool: .
I miei moduli iniziano su ambo i lati con una curva.
Per la partenza del primo palo si era stabilito qualcosa?

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5453
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Messaggio da Docdelburg » sab apr 27, 2013 12:02 pm

giuseppe_risso ha scritto:

Non ricordo se ne avevamo parlato e non vorrei rileggere tutti post... :cool: .
I miei moduli iniziano su ambo i lati con una curva.
Per la partenza del primo palo si era stabilito qualcosa?


Si era stabilito che ci fossero 124 mm circa dal bordo (mezzo tratto di catenaria standard) ma occorre valutare se questa misura è compatibile con una corretta presenza della catenaria con l'inizio della curva.

Immagine:
Immagine
186,86 KB

Eventualmente senti Roberto come si è comportato con le sue curve.

Rispondi

Torna a “SCELTA DELL'ARMAMENTO”