linea aerea

Il "sistema binari" da utilizzare.
Rispondi
Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22017
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » dom feb 19, 2012 1:31 pm

A me pare un lavoro SEMPLICEMENTE fantastico.
A questo punto attendiamo tue news per definire come procedere. :wink:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » dom feb 19, 2012 1:51 pm

ciao Giuseppe,
sto mettendo giù il disegno (lo chiedevano per fare un confronto/quotazione per prototipazione) e mi mancano alcuni riferimenti (lettere cerchiate).
Mi sembrano perfetti i pali, la catenaria. Se quelli sono due tillig da 166 credo sia effettivamente realizzabile la linea da 249mm così da avere il famoso multiplo tillig.
In attesa delle tue valutazioni :cool: :cool:

ecco il tuo disegno e poi riportato in 3d



Immagine:
Immagine
80,93 KB

Immagine:
Immagine
73,79 KB
Riccardo

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22017
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » dom feb 19, 2012 2:11 pm

Ben fatto Riccardo. :cool:
Solo una conferma: noi quindi inseriremo due pali simmetrici, non avremo una cosa del genere, ho capito bene?

Immagine
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » dom feb 19, 2012 2:15 pm

Ciao Andrea,
in effetti volevo chiedere a Giuseppe lumi in merito, credo che nei moduli "normali" doppio binario sia più idoneo quello doppio, ma appena rientra ci darà tutte le info (penso che Giuseppe sia andato in qualche carro di carnevale :cool: :cool: :cool: ). Bhè ora ci vado anch'io con famiglia... :cool:
Riccardo

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22017
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » dom feb 19, 2012 2:40 pm

rbk250 ha scritto:
penso che Giuseppe sia andato in qualche carro di carnevale :cool: :cool: :cool: ). Bhè ora ci vado anch'io con famiglia... :cool:

Al mio paese i carri ci sono sabato prox.
NOI siamo avanti!
O indietro?
:cool: :cool: :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
federico
Messaggi: 695
Iscritto il: ven dic 09, 2011 6:34 pm
Nome: Federico
Regione: Piemonte
Città: torino
Età: 67
Stato: Non connesso

Messaggio da federico » dom feb 19, 2012 2:56 pm

per me è meglio avere 2pali simmetrici piuttosto che uno doppio.....casomai in stazione (vero andrea!!) si potrebbe mettere il palo doppio in mezzo tra due binari....
Federico

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: mar nov 01, 2011 8:50 pm
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Età: 59
Stato: Non connesso

Messaggio da Marshall61 » dom feb 19, 2012 4:10 pm

Riccardo nel tuo disegno il plinto del palo è tondo, ma nella realtà è quadrato, è solo per semplificare il disegno?

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 19, 2012 6:59 pm

rbk250 ha scritto:

... penso che Giuseppe sia andato in qualche carro di carnevale :cool: :cool: :cool: ).... :cool:


Niente carro di carnevale, ma impegnato con il nipotino di 3 anni e mezzo a giocare con il plastico di Rivarolo. Adesso che ha imparato a controllare i treni con la manopola, non lo stacco più da lì. Anche perché devo controllare che non faccia danni. :grin:

Sul problema della linea aerea ho fatto un po’ di ricerche su internet e soprattutto ho chiesto pareri a bravissimi ferromodellisti dei quali mi fido ciecamente.
Scartate le catenarie commerciali perché non ce n’è una adattabile ai pali italiani, non rimane che l’autocostruzione.
Per i pali non è un problema, con il sistema dei tubicini inseriti a cannocchiale si riescono a fare facilmente.
Per la realizzazione con stampi la vedo meno bene, ma se ne sta parlando nel trend “modellazione rapida”.
La parte complessa è tutto il resto: mensole, tiranti, bracci di poligonazione, zampe di ragno, filo di contatto, catenaria e pendini.
Il sistema più pratico (ma non il migliore esteticamente) è farla in fotoincisione.
Si può fare tutto un blocco con anelli da inserire nel palo e avrei studiato un sistema per cui i fili di contatto con lo strisciante si possono inserire in uno spazio apposito all’estremità della zampa di ragno dove possono essere saldati o incollati.

Immagine:
Immagine
100,14 KB
Non so se lo schizzo é comprensibile.

Ci sono pro e contro.
Il lavoro più difficile è disegnare bene la lastrina, ma il montaggio sarebbe semplicissimo.
E’ vero che è il sistema adottato anche dalla Viessmenn, ma il fili sarebbero a sezione quadra e non tonda e lo stesso sarebbe per tutte le altre parti.
Si può adottare una soluzione intermedia.
Autocostruirsi con tondini mensole, tiranti e fare le zampe di ragno e i fili con la fotoincisione.
O ancora: mensole, tiranti e fili con sezione tonda e solo le zampe di ragno fatte in fotoincisione.
Le zampe di ragno non presentano difficoltà particolari, ma sono difficili da fare gli isolatori e il supporto/distanziatore per la catenaria.
Per i fili ci sarebbero diverse opzioni: filo elastico, fotoincisione, filo ottone, filo di bronzo fosforoso.
Fatta con il filo elastico è molto bella, sottile e quindi molto realistica, facile da montare (forse), economica.
Però… intanto pensavo si vendesse già composta di catenaria, filo di contatto e pendini e invece vendono rocchetti di filo e bisogna costruirsela (siamo tutti in grado di fare un buon lavoro?) poi, cosa più negativa, non si può far viaggiare le loco con i pantografi alzati, o si tengono abbassati o si legano con filo da pesca in modo che viaggino un po’ sotto al filo di contatto. Questo, oltre che essere brutto, non esclude inconvenienti.
Ad una manifestazione un pantografo mal legato si è improvvisamente alzato combinando un macello.
Io la scarterei
Della fotoincisione ho già fatto cenno, è il sistema più veloce da montare e quello più usato in campo ferromodellistico, si possono fare anche fili da mm 03, ma la loro sezione è quadrata.
Direi che potrebbe usarla chi non se la sente di realizzarsela in proprio.
Se fatta in filo di ottone (quella della prova che ho fatto) è molto bella, le sezioni sono tonde, ha una robustezza che non la fa flettere anche su una campata di due binari, ma la sezione minima del filo che si può usare direi che difficilmente (si possono fare prove) possa scendere sotto mm 0,5 (che comunque mi sembra in linea con altre commerciali.
Infine c’è la possibilità di farla in filo di bronzo fosforoso, a detta degli esperti sarebbe la più bella in assoluto.
Filo sottilissimo di mm 0,2 facile da saldare e con il vantaggio che una volta realizzata la campata sarebbe estendibile (un po’ come quella elastica).
Però, non ho ancora capito dove si possa reperire e quanto costa.
La campata dei fili la possiamo fare lunga 2 binari (mm. 332), temevo ci fossero flessioni e invece sta bella dritta e se le zampe di ragno sono ben posizionate si può ricreare anche lo zig zag.
Sarà bene discuterne con calma, ma una cosa direi che può dirsi assodata, i moduli li possiamo tranquillamente fare multipli dei binari, ma minimo 4 e poi aumentati di 2 alla volta.

Immagine:
Immagine
108,71 KB

Immagine:
Immagine
80,95 KB

Immagine:
Immagine
52,9 KB

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 19, 2012 7:04 pm

rbk250 ha scritto:

:cool: :cool: :cool: Giuseppe, ma è una prova??? ah ecco ora si spiega tutto :cool: :cool:
STUPEFACIENTE :wink:

i binari Sono 2 tillig 166 ? :cool:


Si, sono due tillig 166, la distanza tra i pali é un po' inferiore, ma non avevo pezzi di filo di ottone sufficientemente lunghi.
Poi potranno essere collocati in corrispondenza della giunzione dei due binari.
Come si vede la catenaria non flette e questo ci permette di non affollare il modulo con troppi pali.

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 19, 2012 7:09 pm

Marshall61 ha scritto:

Giuseppe, mi è venuta in mente una cosa a riguardo dei pali, hai previsto il plinto sotto il palo, lo hai calcolato nell'altezza totale?[8]

Ciao, Carlo


Dobbiamo pensare che chi farà da guida é il piano del ferro dei binari.
Da lì dovremo calcolare quanto deve distare il filo di contatto.
Il plinto uscirà di conseguenza tanto quanto lo permette lo spessore della massicciata nel punto dove viene fissato il palo.
Invece si dovrà fissare una barretta filettata all'interno del palo e farla uscire sotto al legno del piano del pannello per fissarlo saldamente con un dado.

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 19, 2012 7:22 pm

Andrea ha scritto:

Ben fatto Riccardo. :cool:
Solo una conferma: noi quindi inseriremo due pali simmetrici, non avremo una cosa del genere, ho capito bene?

Immagine


Dovremo pensare a più soluzioni, in piena linea, normalmente, ci sono i pali singoli su due lati, in prossimità di stazioni ci sono pali di vario tipo e tralicci.

Avatar utente
Marshall61
Messaggi: 7196
Iscritto il: mar nov 01, 2011 8:50 pm
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Età: 59
Stato: Non connesso

Messaggio da Marshall61 » dom feb 19, 2012 7:29 pm

<div align="center" id="quote2"><table class="quote"><tr><td class="quotetd"></td></tr><tr><td class="quotetd2"><span class="quotetext">[red]giuseppe_risso ha scritto:
Dobbiamo pensare che chi farà da guida é il piano del ferro dei binari.
Da lì dovremo calcolare quanto deve distare il filo di contatto.
Il plinto uscirà di conseguenza tanto quanto lo permette lo spessore della massicciata nel punto dove viene fissato il palo.
Invece si dovrà fissare una barretta filettata all'interno del palo e farla uscire sotto al legno del piano del pannello per fissarlo saldamente con un dado.
[/quote]

...OK!, la barretta filettata è l'unica soluzione per il fissaggio, almeno l'ho appurato con i pali LM..... :wink: :grin:

Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » dom feb 19, 2012 7:33 pm

Ciao Giuseppe,
mi son letto dun fiato la tua relazione. (ora la stampo e la rileggo attentamente) :cool:
Mi sembra di capire che siamo in autocostruzione. Poi nel seguito dei vari interventi affineremo la migliore via per tutti.
L'altra cosa interessante è che si dovrebbe dunque rimanere sul multiplo 166 (per la lunghezza modulo), quindi modulo standard da 996 (6x166 tillig e interasse pali 249 con le testate da 124,5).
Certamente che il riferimento sarà il piano superiore binario così da avere un riferimento esatto per tutti. :cool:
Riccardo

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 22017
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » dom feb 19, 2012 7:37 pm

giuseppe_risso ha scritto:
Sarà bene discuterne con calma, ma una cosa direi che può dirsi assodata, i moduli li possiamo tranquillamente fare multipli dei binari, ma minimo 4 e poi aumentati di 2 alla volta.

Che dire Giuseppe, la tua analisi è talmente dettagliata e puntigliosa che non saprei che dire.
Mi fido ciecamente e basta.
Ancora complimenti.
:cool: :cool: :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
federico
Messaggi: 695
Iscritto il: ven dic 09, 2011 6:34 pm
Nome: Federico
Regione: Piemonte
Città: torino
Età: 67
Stato: Non connesso

Messaggio da federico » dom feb 19, 2012 8:45 pm

vai con la linea aerea e i moduli multipli!!!!
Federico

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 19, 2012 9:14 pm

rbk250 ha scritto:

Ciao Giuseppe,
mi son letto dun fiato la tua relazione. (ora la stampo e la rileggo attentamente) :cool:
Mi sembra di capire che siamo in autocostruzione. Poi nel seguito dei vari interventi affineremo la migliore via per tutti.
L'altra cosa interessante è che si dovrebbe dunque rimanere sul multiplo 166 (per la lunghezza modulo), quindi modulo standard da 996 (6x166 tillig e interasse pali 249 con le testate da 124,5).
Certamente che il riferimento sarà il piano superiore binario così da avere un riferimento esatto per tutti. :cool:

L'interpalo da 249 mm, però, consente di fare moduli di un'unica misura, o sbaglio? se a 996 aggiungiamo una o due tratte da 249 non é più multiplo di 166.
Se invece facciamo l'interpalo di 332mm possiamo farli da 664, 996 e volendo 1328 (un po' lungo, ma se uno sa come portarlo...).
Tu che ne dici?

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » dom feb 19, 2012 9:19 pm

vero Giuseppe,
ma con interbinario 332 possiamo farlo di 664 poi si salta al 1328 , per la questione del zig-zag o sorvoliamo?
Riccardo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 19, 2012 10:01 pm

rbk250 ha scritto:

vero Giuseppe,
ma con interbinario 332 possiamo farlo di 664 poi si salta al 1328 , per la questione del zig-zag o sorvoliamo?

Forse la soluzione sarebbe quella di fare il modulo da 996 con un interpalo come dici tu, se uno vuole farlo da 664 o da 1328 farà un interpalo diverso.
D'altronde anche nella realtà i pali non sono sempre alla stessa distanza.
Si dovranno fare dei pezzi di catenaria di misure diverse, ma sarà bene ragionarci ancora un po'.

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 19, 2012 10:10 pm

Forse, la soluzione può essere quella di fare il modulo base mm 498, non preoccupandoci del binario.
Avremmo così due tipi di moduli disponibili da 498 (con il binario da tagliare) e 996 (corrisponde esattamente ai binari).
Saremmo anche un po' più nel concetto modulare per le NEM.

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » dom feb 19, 2012 10:22 pm

il 996 mi sembra una misura agevole anche di trasporto, tutti gli altri multipli possono essere idonei se decidiamo quale fissa la distanza dalle testate ai pali e lasciando gli interpali a discrezione del modulo così da avere la stessa catenaria di connessione moduli. Ovviamente le altezza saranno definite ed uguali per tutti. :wink:

Aggiungo, potrebbe essere il 996 modulo standard (avendo multiplo di 6x166, interpalo 249 e partenze 124,5) poi le altre misure libere per moduli liberi, multiplo o non multiplo purche ci siano le partenze dei pali a 124,5 mm (in questo modo si hanno sempre le stesse connessioni tra i moduli) e gli interpali liveri: Come giustamente affermi ".... anche nella realtà i pali non sono sempre alla stessa distanza." :grin:
Riccardo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » dom feb 19, 2012 10:45 pm

Al momento mi sembra la soluzione migliore. :grin:

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » lun feb 20, 2012 6:08 am

Marshall61 ha scritto:

Riccardo nel tuo disegno il plinto del palo è tondo, ma nella realtà è quadrato, è solo per semplificare il disegno?

Ciao, Carlo

scusa Carlo, nella concitazione ho saltato il tuo messaggio :cool:
in effetti il disegno è sbagliato, mi è rimasta la rivoluzione anche sul plinto.
Grazie della segnalazione.

riccardo
Riccardo

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5581
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » lun feb 20, 2012 6:18 am

giuseppe_risso ha scritto:

Al momento mi sembra la soluzione migliore. :grin:


quindi Giuseppe riepilogando:

- 996 mm. modulo standard (6 tilligx166, interpalo 249 e partenze 124,5) (4 pali)
- misura libera per moduli liberi, multiplo o non multiplo (ma partenza pali a 124,5 mm dalle testate) e (numero pali sempre<font color="maroon"> pari </font id="maroon">per il zig-zag)

Penso anche che dovremo dare le quote vincolanti per la realizzazione dei componenti (credo prendendo come riferimento il piano binario e interasse dello stesso [?])

Mi sembra che siamo a buon punto :cool:
Riccardo

Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7463
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 75
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da giuseppe_risso » lun feb 20, 2012 11:25 am

Tutto OK :grin:

Avatar utente
federico
Messaggi: 695
Iscritto il: ven dic 09, 2011 6:34 pm
Nome: Federico
Regione: Piemonte
Città: torino
Età: 67
Stato: Non connesso

Messaggio da federico » lun feb 20, 2012 12:38 pm

rbk250 ha scritto:
giuseppe_risso ha scritto:

Al momento mi sembra la soluzione migliore. :grin:


quindi Giuseppe riepilogando:

- 996 mm. modulo standard (6 tilligx166, interpalo 249 e partenze 124,5) (4 pali)
- misura libera per moduli liberi, multiplo o non multiplo (ma partenza pali a 124,5 mm dalle testate) e (numero pali sempre<font color="maroon"> pari </font id="maroon">per il zig-zag)

Penso anche che dovremo dare le quote vincolanti per la realizzazione dei componenti (credo prendendo come riferimento il piano binario e interasse dello stesso [?])

Mi sembra che siamo a buon punto :cool:
4 pali su ogni lato????sinceramente io preferirei i moduli da 664...perchèbastano 2 binari flessibili...invece con quelli da 996 ne servono 2 flessibili+4 normali....e tra le giunture ci possono essere problemi...
Federico

Rispondi

Torna a “SCELTA DELL'ARMAMENTO”