posti di blocco

Schemi elettrici - interconnessioni elettriche - sezioni di blocco.
Rispondi
Avatar utente
giuseppe_risso
Socio GAS TT
Messaggi: 7296
Iscritto il: gio ott 27, 2011 10:44 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Liguria
Città: Chiavari
Età: 73
Stato: Non connesso
Contatta:

posti di blocco

Messaggio da giuseppe_risso » gio gen 12, 2012 3:10 pm

Edgardo_Rosatti ha scritto:

Sono senza parole!
Sto post mi ha letteralmente travolto ed opportunamente stimolato.

Io sono qui, attendo istruzioni e vi seguo in questa avventura.

Ciao



Ancora un po' di compiti a casa..
http://www.amiciscalan.it/home.php?...lettrico.php
http://www.amiciscalan.it/home.php?...na_linea.php
http://www.amiciscalan.it/home.php?...e_blocco.php

Avatar utente
Amministratore
Messaggi: 306
Iscritto il: sab ott 22, 2011 2:34 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Amministratore » gio gen 12, 2012 7:11 pm

<font color="red">Edgardo_Rosatti ha scritto:</font id="red">
I circuiti di blocco si possono fare benissimo utilizzando dei semplici relè a singola bobina collegati come specificato qui:

Circuito di blocco:
Immagine
35,17 KB

bisogna solo aggiungere qualche diodo per raddrizzare i 12 V del trasformatore con le uscite G-H e modificare un po' lo schema ma si
può fare.

Per i collegamenti se non sbaglio si usano connettori di questo tipo:

Cavo 15 poli:
Immagine
94,68 KB

nel nostro caso utilizzeremo cavi simili ma con connettori identici alle estremità, tipo maschio/maschio o femmina/femmina.
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
fujikotwin
Messaggi: 178
Iscritto il: lun gen 02, 2012 10:57 pm
Nome: annibale
Regione: Veneto
Città: campodarsego
Età: 37
Stato: Non connesso

Messaggio da fujikotwin » gio gen 12, 2012 11:22 pm

qua si va sul complicato x me e le mie conoscenze
Annibale - il plastico perfetto è quello che non finisce mai!
La scala cambia ma la passione resta

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4307
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » ven gen 13, 2012 12:07 am

Purtroppo gli schemi elettrici sono complicati per natura e mi rendo conto che per chi è profano possa essere frustrante interpretarli.
E' perfettamente lecito, ma c'è sempre una prima vota per tutto :grin:

In qualsiasi caso, i moduli elettici saranno facili da usare e con semplici connessioni senza l'uso del saldatore. Al massimo servirà un semplice
cacciavite per i cablaggi dei cavi che vanno ai dispositivi del pannello.

Avatar utente
fujikotwin
Messaggi: 178
Iscritto il: lun gen 02, 2012 10:57 pm
Nome: annibale
Regione: Veneto
Città: campodarsego
Età: 37
Stato: Non connesso

Messaggio da fujikotwin » ven gen 13, 2012 10:00 pm

ok capito... x un perito meccanico come me un semplice schema elettrico e il suo funzionamento è pura magia!!!
Annibale - il plastico perfetto è quello che non finisce mai!
La scala cambia ma la passione resta

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4307
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » lun gen 16, 2012 1:05 am

Nessuna magia, gli schemi base dei moduli sono semplici e funzionali. Come dicevo tra pannello e pannello si usano cavi ad innesto manuale tipo PC e per
i collegamenti all'impianto una semplice morsettiera. Più facile di così non si può :grin:

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4307
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » lun gen 23, 2012 11:51 pm

Riprendendo il discorso relativo alla parte elettrica dei singoli moduli, posto l'ultimo schema relativo al blocco elettrico automatico.
Come i precedenti, è stato copiato dall'archivio NEM pubblicato sul sito FIMF in quanto aimè sono poco nitidi.
Questo modulo, assieme agli altri due completa la piena linea e consente ai treni di mantenere il corretto distanziamento.
Per funzionare correttamente deve essere collegato in serie ad almeno un pannello di piena linea per lato. Mi spiego meglio: supponiamo di realizzare un plastico modulare senza stazioni o depositi composto da due cappi di ritorno.
Partiamo col cappio di sinistra e lo colleghiamo ad un pannello di piena linea, poi ne inseriamo uno di blocco, ancora uno di piena linea e un'altro di blocco.
Infine chiudiamo il tutto con un pannello di piena linea e il cappio di destra.
In questo modo potranno già circolare due o tre treni con la garanzia che saranno correttamente dintanziati tra loro.
Per le stazioni ed i depositi andranno confezionati schemi in base ai tracciati usati. Ma questo lo risolveremo in futuro.

Nella discussione "Connessioni" all'interno di quest'area del forum sono visibili gli schemi relativi all'alimentazione e la piena linea e visto che ho fatto un po' di confusione sarebbe opportuno racchiudeli tutti qui.

Alimentazioni:
Immagine
25,76 KB

Piena linea:
Immagine
23,43 KB

Blocco elettrico automatico:
Immagine
33,28 KB

Composizione moduli base:
Immagine
12,78 KB

So che questo è un argomento poco digeribile.
Il possibile cerco di farlo, per i miracoli provo ad attezzarmi :cool:

Ciao

Avatar utente
Massimo Salvadori
Socio GAS TT
Messaggi: 2554
Iscritto il: mar nov 01, 2011 12:01 am
Nome: Massimo
Regione: Lombardia
Città: Peschiera Borromeo
Età: 70
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Massimo Salvadori » mar gen 24, 2012 12:00 am

Ma è una vera sciocchezza ! Proprio una cosetta da niente, tutte le mattine mi faccio un paio di relè con il caffellatte ... :cool: :cool: :cool:
Massimo Salvadori - la mia collezione in scala TT

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4307
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » mar gen 24, 2012 1:06 am

Massimo ha scritto:

Ma è una vera sciocchezza ! Proprio una cosetta da niente, tutte le mattine mi faccio un paio di relè con il caffellatte ... :cool: :cool: :cool:


Buon appetito.

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21052
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » mar gen 24, 2012 8:47 am

Edgardo_Rosatti ha scritto:
In questo modo potranno già circolare due o tre treni con la garanzia che saranno correttamente dintanziati tra loro.

Sulla carta direi che è tutto chiaro.
Almeno la logica che ci sta dietro.
Davvero molto interessante il discorso dei blocchi.
Poi sarà bello associare il tutto a dei segnali luminosi...
Per quanto concerne la parte opreativa... non mi preoccupo... :wink:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Riccardo
Socio GAS TT
Messaggi: 5535
Iscritto il: dom dic 11, 2011 9:26 am
Nome: Riccardo
Regione: Lombardia
Città: Varese
Stato: Non connesso

Messaggio da Riccardo » mar gen 24, 2012 7:34 pm

Edgardo_Rosatti ha scritto:
Massimo ha scritto:

Ma è una vera sciocchezza ! Proprio una cosetta da niente, tutte le mattine mi faccio un paio di relè con il caffellatte ... :cool: :cool: :cool:


Buon appetito.


ciao Edgardo, mi è rimasto tutto sullo stomaco :cool: :cool:

A parte gli scherzi, stiamo discutendo nella sezione pannelli, la costruzione del modulo e avrei una domanda (per ora...) da farti: per far correre i cavi sotto il pannello piano, vista la possibilità di inserire una o più traverse di rinforzo, sarebbe bene eseguire dei fori nelle traverse o delle scanalature nella parte a contatto con il piano superiore?
aggiungo una foto per chiarezza


Immagine:
Immagine
149,04 KB
Riccardo

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21052
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » mar gen 24, 2012 9:44 pm

rbk250 ha scritto:
per far correre i cavi sotto il pannello piano, vista la possibilità di inserire una o più traverse di rinforzo, sarebbe bene eseguire dei fori nelle traverse o delle scanalature nella parte a contatto con il piano superiore?

Mi sembra un giusto approfondimento anche se credo che non avremo molti fili.
Però giusto ragionare anche su un sistema di bloccaggio.
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4307
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » mer gen 25, 2012 12:46 am

rbk250 ha scritto:

A parte gli scherzi, stiamo discutendo nella sezione pannelli, la costruzione del modulo e avrei una domanda (per ora...) da farti: per far correre i cavi sotto il pannello piano, vista la possibilità di inserire una o più traverse di rinforzo, sarebbe bene eseguire dei fori nelle traverse o delle scanalature nella parte a contatto con il piano superiore?


Ciao Riccardo, direi di si. I cavi del bus attraversano l'intero modulo tra lati delle connessioni meccaniche e devono passare da qualche parte.
Considera che sono 15 per default, più altri che eventualmente possono essere inseriti per scopi diversi. Dipende da come uno arreda il suo modulo.
Quindi la soluzione nel disegno che hai postato la trovo ottima, in quanto consente con comodità di farne passare molti. Andrebbe bene anche praticare 3 o 4 fori da 10/15 mm. di diametro nelle traverse di rinforzo che basterebbero comodamente allo scopo.
Da questo punto di vista la scelta è soggettiva.

Ciao

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4307
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » mer gen 25, 2012 12:59 am

Andrea ha scritto:
Davvero molto interessante il discorso dei blocchi.
Poi sarà bello associare il tutto a dei segnali luminosi...
Per quanto concerne la parte opreativa... non mi preoccupo... :wink:


I blocchi sono quelli standard e ben collaudati, poi vanno adattati perchè usano componenti base come i relè bistabili che francamente mi rifiuto di usarli perchè si trovano con difficoltà e sono molto costosi e verranno sostituiti con comuni relè adattati allo scopo.

I segnali luminosi sono già previsti come elementi elettrici nel modulo "Blocco elettrico automatico" e sarà cura degli artigiani del forum realizzarli in TT.
Da questo punto di vista credo che siamo in buone mani...

Avatar utente
federico
Messaggi: 695
Iscritto il: ven dic 09, 2011 6:34 pm
Nome: Federico
Regione: Piemonte
Città: torino
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da federico » lun feb 06, 2012 2:59 pm

dato che non ho capito i blocchi, non ho le finanze per i rele ( e le conoscenze) io mi occupo del modulo senza blocchi...scusate... :?
Federico

Avatar utente
samy
Messaggi: 3
Iscritto il: mer ott 17, 2012 5:11 pm
Nome: Umberto
Regione: Sardegna
Città: Loiri P.S. Paolo
Età: 52
Stato: Non connesso

Messaggio da samy » mar mar 12, 2013 12:52 pm

Aiuto relè led mi hanno mandato in pallone!!!
umberto pucciatti

Avatar utente
Edgardo_Rosatti
Socio GAS TT
Messaggi: 4307
Iscritto il: ven ott 28, 2011 12:59 am
Nome: Edgardo
Regione: Lombardia
Città: Muggiò
Età: 54
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Edgardo_Rosatti » mar mar 12, 2013 10:46 pm

Scusate, ma mi questa discussione si è arenata più di un anno fa e attualmente abbiamo fatto qualche progresso.
Quindi riprendo il discorso cercando di dare qualche informazione in più :smile:

Per Federico e Samy:
effettivamente il sistema dei relè, a prima vista è un po' complicato e anche se importante ai fini della circolazione
dei treni si può optare per il più semplice modulo di piena linea.

In qualsiasi caso, tutti gli schemi comprensivi di disegni pratici sono consultabili nel forum scaricando la guida con le norme del modulare.
Inoltre, come già fatto per chi volesse realizzare un modulo, posso fornire le schede montate e collaudate complete di istruzioni.

Tempo permettendo lo faccio sempre con molto piacere e non ci guadagno nulla oltre al costo dei materiali utilizzati.

Siate intraprendenti e osate a più non posso, e se volete scrivetemi pure in MP :grin:

Ciao
Edgardo

Rispondi

Torna a “PARTE ELETTRICA”