Domanda su cavi catenaria

Ferrovie in esercizio e dismesse, stazioni, impianti, segnalamento e infrastrutture.

Moderatori: Fabrizio, MrMassy86

Rispondi
Avatar utente
Gigi
Socio GAS TT
Messaggi: 399
Iscritto il: mar set 04, 2012 11:37 am
Nome: Luigi
Regione: Piemonte
Città: S.Michele M.vi'
Età: 67
Stato: Non connesso

Domanda su cavi catenaria

Messaggio da Gigi » mer lug 08, 2015 2:38 pm

Visto che ho tempo da buttare mi sono riguardato il video di Manfredi, Ventimiglia-Sanremo- Genova, e mi ha incuriosito un cavo che passa a tre quarti in tutti i pali della catenaria (diciamo nei primi 15 minuti), che inizia e termina sempre alla stessa altezza. Sono cavi di massa o che cosa? Sicuramente fra voi ci sara' qualcuno che ha la risposta. Mi piacerebbe riprodurlo sul plastico, ma prima necessita conoscere l'uso nella realta'. Grazie e buona serata (con il caldo micidiale).
Luigi Bocchiardo

Avatar utente
Fabio_C
Messaggi: 97
Iscritto il: ven nov 18, 2011 9:15 pm
Nome: Fabio
Regione: Campania
Città: Napoli
Età: 42
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabio_C » mer lug 08, 2015 9:11 pm

Ciao Gigi,

quello di cui parli in gergo viene chiamato treforo di protezione ed ha lo scopo in piena linea e non di collegare tutte le strutture dei pali e portali a terra.

Nei piazzali e scali inoltre il palo è collegato alla sua base ad un picchetto che fa anche lui parte della maglia di terra dell'intero piazzale-scalo-sse.

Saluti
Fabio
Fabio Cavuoto

Avatar utente
cf69
Messaggi: 2002
Iscritto il: ven gen 20, 2012 1:37 pm
Nome: Fabio
Regione: Sicilia
Città: Palermo
Età: 50
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da cf69 » mer lug 08, 2015 10:35 pm

Il trefolo di guardia viene installato al di sopra dei conduttori attivi degli elettrodotti, allo scopo di proteggerli da scariche atmosferiche.
La protezione è dovuta al fatto che la fune di guardia costituisce con il terreno una specie di gabbia di Faraday, che sottrae all'influenza dei campi elettrici esterni quanto sta al di sotto della fune entro una zona conica con apertura di una trentina di gradi.
Fabio Cuccia - La teoria è quando si sa tutto e niente funziona. La pratica è quando tutto funziona e nessuno sa il perché. Noi abbiamo messo insieme la teoria e la pratica: non c'è niente che funzioni... e nessuno sa il perché! (Albert Einstein)
La Mia “Sottostazione Elettrica F.S.” - La Mia "PACIFIC 6001 P.L.M." - Il Mio Canale Youtube

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9934
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » gio lug 09, 2015 12:00 am

Ciao Gigi, credo tu ti riferisca a questo


Immagine:
Immagine
73,4 KB

Dovrebbe essere un collegamento equipotenziale di terra che collega fra loro e quindi a terra tutti i pali e le masse metalliche che si trovano nei pressi della linea aerea. Serve a proteggere le persone in casi di guasti alla linea elettrica. Tutti gli elementi che sono collegati a quei conduttori sono allo stesso potenziale (stessa tensione), che è quello di terra. Qualora, per esempio, abbia luogo un contatto accidentale tra la linea aerea e un palo, si verifica un guasto a massa e intervengono le protezioni.
Fabrizio Borca

Avatar utente
Gigi
Socio GAS TT
Messaggi: 399
Iscritto il: mar set 04, 2012 11:37 am
Nome: Luigi
Regione: Piemonte
Città: S.Michele M.vi'
Età: 67
Stato: Non connesso

Messaggio da Gigi » gio lug 09, 2015 1:12 pm

Grazie a tutti, ora e' chiaro, buona giornata.
Luigi Bocchiardo

Avatar utente
Josefloco61
Messaggi: 675
Iscritto il: sab feb 02, 2013 10:30 pm
Nome: Giuseppe
Regione: Sicilia
Città: Palermo
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da Josefloco61 » sab lug 11, 2015 10:45 pm

E' chiamato anche "fune di guardia", riprodurlo sul plastico aumenta il realismo dell'insieme.
Josef
Josef. Modellista - plasticista scala H0 solo FS, epoche III, IV,V e poco XMPR, plastico modulare in Progress, Trazione DCC.

Avatar utente
Fabrizio
Socio GAS TT
Messaggi: 9934
Iscritto il: gio nov 10, 2011 9:17 pm
Nome: Fabrizio
Regione: Piemonte
Città: Piossasco
Ruolo: co-amministratore
Stato: Non connesso

Messaggio da Fabrizio » sab lug 11, 2015 11:29 pm

Non saprei se è esattamente una fune di guardia. Da quel che sapevo io, la fune di guardia, è un conduttore posto sopra le linee e serve a proteggere la linea dalle scariche atmosferiche (vedere post più sopra di Fabio).

Invece, questo conduttore di cui si parla, sicuramente ha funzione di conduttore equipotenziale, ma vista la posizione non so se possa fungere da fune di guardia. Anche io l'ho spesso sentita chiamare così, ma ho qualche dubbio che lo sia effettivamente.

Purtroppo però non sono informato in merito, quindi può anche essere che abbia anche questa funzione :wink: . Sulle dispense in mio possesso, però, non ho trovato traccia della fune di guardia nel sistema della catenaria, ma solo sui sistemi di linee elettriche che connettono fra loro le varie sottostazioni.


Trefolo di terra - conduttore equipotenziale di terra
Immagine

Fune di guardia (su linea aerea di connessione fra le sottostazioni)
Immagine

Un conduttore che invece ha funzione di collegamento equipotenziale di terra e fune di guardia potrebbe essere quello in opera sui portali della Direttissima e Linea a Monte del Vesuvio

Immagine

Infatti, su una pubblicazione relativa alla linea Direttissima, leggo che questa configurazione di palificazione (portali) ha permesso di proteggere le linea aerea dalle scariche atmosferiche.

Credo che, in ogni caso, i trefoli abbiano anche una certa efficacia nel disperdere a terra eventuali sovratensioni di origine atmosferica. Però, vista la posizione non al di sopra della linea elettrica, nel primo caso credo che quella corda non possa fungere da fune di guardia.

P.S. Ovviamente mie ipotesi :wink:

Ciao

Fabrizio
Fabrizio Borca

Avatar utente
Andreacaimano656
Socio GAS TT
Messaggi: 1914
Iscritto il: lun mar 04, 2013 7:23 pm
Nome: Andrea
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 19
Stato: Non connesso

Messaggio da Andreacaimano656 » dom lug 26, 2015 9:57 pm

Grazie per le interessanti informazioni Fabrizio :wink:
Ciao
Andrea
Andrea Ferreri

Rispondi

Torna a “LINEE ED IMPIANTI”