Il mio plastico

Discussioni relative alla scala N 1:160

Moderatori: cararci, v200, sal727

Avatar utente
carlo mercuri
Messaggi: 3495
Iscritto il: sab nov 12, 2011 9:37 pm
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Scandicci
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da carlo mercuri » lun gen 09, 2012 6:58 pm

magolj ha scritto: Mica c'è qualche trucco da mettere in atto per fare funzionare ad hoc i deviatoi?

Più di un trucco, si tratta di una comune prassi (per chi queste cose le conosce).
Diciamo che quando ci si appresta a fare un plastico si dovrebbe conoscere il sistema di binario che si va ad adottare (non è un rimprovero, beninteso), poiché ogni marca ha delle funzioni specifiche (per esempio, i Fleischmann hanno la funzione "pensante", così come gli Arnold - i Roco no).
E' incredibile ma, proprio l'altra sera, in un forum inglese (patria della Peco), un tale chiedeva cosa bisogna fare per cablare gli scambi Peco Electrofrog; pochi sanno come farlo, nonostante ci sia un bel foglietto di istruzioni (anche se molto sintetico) che indica come fare.
Se non mi sbaglio hai i deviatoi ed armamento Roco. Ebbene, hai notato che i deviatoi, nel cuore, hanno due linguette forate?
Aspetto conferma e poi ti spiego. :wink:

Un saluto,
Carlo.
We will rock you! - Officine Mercuri

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » lun gen 09, 2012 8:19 pm

Sì Carlo ho notato le linguette forate e ho anche cercato di capire dalle istruzioni allegate ma,ahimè, non ho capito proprio nulla:ti ringrazio sin d'ora se mi illumini.Ho molto da imparare e capire.Buona serata.
Marco

Avatar utente
carlo mercuri
Messaggi: 3495
Iscritto il: sab nov 12, 2011 9:37 pm
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Scandicci
Età: 55
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da carlo mercuri » lun gen 09, 2012 8:35 pm

magolj ha scritto:

Sì Carlo ho notato le linguette forate e ho anche cercato di capire dalle istruzioni allegate ma,ahimè, non ho capito proprio nulla:ti ringrazio sin d'ora se mi illumini.Ho molto da imparare e capire.Buona serata.

Più che illuminarti ... ti elettrifico! :geek: :geek:
Scherzi a parte! Non c'è niente di trascendentale; quelle due linguette servono a portare direttamente la tensione al centro del deviatoio.
In poche parole la tensione, invece che arrivare al deviatoio dalle due rotaie, arrivano direttamente (e quindi senza probabili falsi contatti) nel bel mezzo del deviatoio, dove poi affluiranno ai due rami deviati, con evidenti vantaggi.
Questo, ovviamente, nei deviatoi Roco che hanno il cuore isolato; con i deviatoi Peco "Electrofrog" ci vuole tutto un altro approccio e addirittura il deviatoio va isolato con delle scarpette. Ma rimaniamo sui Roco.
La funzione che ti dicevo è incredibilmente sconosciuta anche a chi usa i Roco da anni e, ancora più incredibilmente, quasi nessuno collega la corrente di trazione direttamente alle due linguette del cuore del deviatoio.
Basta portare due fili (rosso-nero) e saldarli con un saldatore elettrico (mi raccomando, usa un po' di pasta salda perché la saldatura dev'essere veloce, altrimenti sciogli la plastica del cuore).

Carlo.
We will rock you! - Officine Mercuri

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21276
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » lun gen 09, 2012 8:43 pm

Qui trovi altre info che ti possono servire per capire il concetto del "cuore". :wink:
topic.asp?TOPIC_ID=6298
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » lun gen 09, 2012 9:04 pm

Ok ragazzi finora tutto chiaro e semplice da mettere in opera anche se finora non ho mai avuto problemi di nessun tipo al passaggio dei treni sui deviatoi.Grazie ancora,ma consigliatemi anche sulla stazione nascosta e tutto l'ambaradan da montare per farla funzionare al meglio.Ciao.
Marco

Avatar utente
hobbimassimo
Socio GAS TT
Messaggi: 128
Iscritto il: gio nov 10, 2011 11:23 pm
Nome: massimo
Regione: Lombardia
Città: capralba
Età: 53
Stato: Non connesso

Messaggio da hobbimassimo » mar gen 10, 2012 9:48 pm

magolj ha scritto:

Ecco disegno della stazione nascosta e di come farei i sezionamenti per stop treni,precedenze e rilevazione presenza:è possibile?Cosa devo sistemare per far funzionare il tutto?


ciao Marco se riesci a postare una foto un pò più nitida non so se sia il mio computer o no ma le vedo sfocata incomincio a postarti lo schema elettrico

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » mer gen 11, 2012 8:36 am

Ciao Max grazie infinite per il tuo prezioso aiuto che hai deciso di darmi, ma ricorda che non mastico nulla di elettronica,digitale e roba varia, quindi ti prego di essere il più semplice possibile.Io sono pronto per il via e prometto di applicarmi al massimo.Per quanto riguarda il disegno è sì un pochino sfocato ma da quello che possso vedere io si capisce tutto anche perchè non ne ho altri e fare foto dall'alto della stazione mi è assai dificile anche se potrei provare stasera e poi postarle:vediamo se ci riesco.
Intanto i lavori di prosieguo del tracciato stanno piano piano preseguendo con la posa della traccia in legno secondo i vari dislivelli a cui seguirà la posa del materiale fonoassorbente e quindi dei binari.
Un grazie a tutti quelli che mi seguono e che mi consigliano per il meglio.Buona giornata.
Marco

Avatar utente
hobbimassimo
Socio GAS TT
Messaggi: 128
Iscritto il: gio nov 10, 2011 11:23 pm
Nome: massimo
Regione: Lombardia
Città: capralba
Età: 53
Stato: Non connesso

Messaggio da hobbimassimo » mer gen 11, 2012 11:08 pm

:cool: ok Marco innanzitutto devi reperire un buon numero di reed e relè intanto mi sono copiato la foto e incomincio a studiare l'impianto

una domanda tra una scarpetta e l'altra hai fatto un ponticello per il passaggio del segnale digitale tipo questo

Immagine:
Immagine
319,04 KB

è un lavoro noioso ma ti assicuro per esperienza fallo prima di chiudere il tutto perchè se per caso in seguito si dovessero ossidare o muovere sei fregato sarebbe più semplice saldare le scarpette assieme ma con la dimensione del tuo plastico rischi che col gioco del caldo e freddo i binari si dilatino e vadano ad impuntare gli aghi degli scambi oppure vadano a deformare la linea del binario

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » gio gen 12, 2012 8:32 am

Ancora grazie Max per il tuo interessamento ed aiuto prezioso che mi dai.Per quanto riguarda i ponticelli di collegamento tra rotaia e rotaia non li ho fatto ma se dici che sono utili mi metto all'opera già da subito.Poi ti chiedo lumi su redd e rele:mi dai le caratteristiche dei suddetti componenti da acquistare?
Per quanto riguarda le foto ieri sera ne ho fatte delle altre ma non le ho pubblicate per il semplice fatto che non si capisce molto di più di quello che già sai e puoi vedere.Buona giornata.
Marco

Avatar utente
hobbimassimo
Socio GAS TT
Messaggi: 128
Iscritto il: gio nov 10, 2011 11:23 pm
Nome: massimo
Regione: Lombardia
Città: capralba
Età: 53
Stato: Non connesso

Messaggio da hobbimassimo » gio gen 12, 2012 9:36 pm

:smile: :smile: ciao Marco nel week end vado in sede e poi ti posto un pò di foto su come sono e come installarli e mi sa che a sto punto se vieni a Verona al model expo italy 3 e 4 marzo ci mettiamo d'accordo e te li faccio prendere lì che c'è anche la fiera dell'elettronica........ ho studiato un pò la foto ma nel fascio superiore i treni in che direzione vanno?

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » ven gen 13, 2012 9:11 am

Ciao Max, per quanto riguarda la circolazione dei treni nella parte superiore (credo che ti riferisci alla stazione principale) ti allego foto esplicativa:tieni in considerazione che il plastico sarà in stile tedesco quindi circolazione a dx, così almeno mi sembra, ma non è una cosa vincolante perchè con il plastico in primis mi attira la sua costruzione soprattutto paesaggistica e poi ci devo anche giocare, insomma non devo assolutamente riprodurre alcunchè al 100%.Questo è il mio obiettivo.Poi proseguendo con i lavori le cose verranno da sè.
Max non ti allego solo parte del tracciato e cioè la stazione ma anche tutto il resto per maggiore chiarezza.Per quanto riguarda i relè ed i reed volevo sapere le caratteristiche tecniche , volt e ampere e tipo, così da comperarli subito anche perchè difficilmente sarò a Verona nel mese di marzo.Ciao.
Scusa ma adesso non riesco ad allegare i file ci riprovo stasera.
Marco

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21276
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » ven gen 13, 2012 2:18 pm

Mi raccomando Max... questo plastico lo pubblicheremo tra le fotostorie quindi tieni d'occhio il ragazzo...
:cool: :cool: :cool: :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » ven gen 13, 2012 8:44 pm

Grazie per il ragazzo Andrea.Ragazzo sì, ma di una volta.Però io dico che quello che conta è lo spirito e il mio è quello di un bambino.
Ma non usciamo dal seminato:i lavori vanno avanti con la costruzione della parte in legno di compensato del tracciato e per domani ho in previsione una bella botta di lavoro perchè ho in mente di chiudere il percorso al massimo per metà febbraio.
Per Massimo:ti allego il percorso completo con il senso di transito dei treni.Buona serata a tutti.

Immagine:
Immagine
56,16 KB

Immagine:
Immagine
20,25 KB

Immagine:
Immagine
45,89 KB

Immagine:
Immagine
74,34 KB

Immagine:
Immagine
84,11 KB
Marco

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21276
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » ven gen 13, 2012 9:19 pm

"semplicemente" immenso!
:cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
hobbimassimo
Socio GAS TT
Messaggi: 128
Iscritto il: gio nov 10, 2011 11:23 pm
Nome: massimo
Regione: Lombardia
Città: capralba
Età: 53
Stato: Non connesso

Messaggio da hobbimassimo » lun gen 16, 2012 10:15 pm

ciao Marco scusa se riesco a connertemi di rado ma sono incasinato al lavoro col lancio della nuova panda e arrivo a casa la sera a pezzi e me ne vado a dormire subito comunque i reed sono questi


Immagine:
Immagine
55,13 KB


i relè vanno bene tutti basta che siano a 12 volt e monostabili io uso quelli vecchi delle macchine molto robusti e praticamente indistruttibili


Immagine:
Immagine
90,28 KB


ed i relè bistabili sono questi sempre a 12 volt

Immagine:
Immagine
64,41 KB

i relè monostabili servono per comandare gli scambi mentre i relè bistabili servono per bloccare e far ripartire i treni nelle varie tratte

i reed puoi inserirli sui binari in questa maniera



Immagine:
Immagine
140,33 KB

oppure così in questo modo risultano non visibili e più riparati



Immagine:
Immagine
124,26 KB



Immagine:
Immagine
163,83 KB

sia i reed che i relè li puoi trovare nei negozi di fermodellismo o anche su ebay devi poi acquistare anche le calamite da incollare sotto il muso delle motrici per azionare i reed....

in settimana ti incomincio a postare gli schemi elettrici per farli funzionare e poi incominciamo a sistemarli sul tracciato

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21276
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » lun gen 16, 2012 10:19 pm

Ciao Max davvero interessante.
Appeno risco rispolvero le vostre pagine sul plastico di Caravaggio e le posto. Anche li c'erano dritte interessanti.
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
fujikotwin
Messaggi: 178
Iscritto il: lun gen 02, 2012 10:57 pm
Nome: annibale
Regione: Veneto
Città: campodarsego
Età: 37
Stato: Non connesso

Messaggio da fujikotwin » lun gen 16, 2012 11:58 pm

moooooooolto interessante...scusate se mi intrometto ma i reed servono anche se il plastico è in analogico?

grazie e buon lavoro!!!
Annibale - il plastico perfetto è quello che non finisce mai!
La scala cambia ma la passione resta

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21276
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » mar gen 17, 2012 8:21 am

fujikotwin ha scritto:
... ma i reed servono anche se il plastico è in analogico?

Ebbene si. :wink:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » mar gen 17, 2012 8:45 am

Ringrazio Max ancora una volta per il fattivo interessamento e per me và molto bene se mi posti il tutto a piccole dosi così ho il tempo di cercare di digerirle e capirle il che non è proprio facile.Comunque sino ad ora mi è tutto chiaro e anche per i componenti che mi hai indicato non ci saranno problemi nel procurarseli:unico dubbio riguarda l'alimentazione.Tu mi dici che sia i reed che i relè mono/bistabili vanno alimentati a 12 volt mentre i miei deviatoi richiedono un alimentazione a 15 volt.Dovrò fare due linee di alimentazione differenti?E poi in CC o CA?Sono proprio duro in elettronica!!!!
Ciao e buona giornata.
Marco

Avatar utente
hobbimassimo
Socio GAS TT
Messaggi: 128
Iscritto il: gio nov 10, 2011 11:23 pm
Nome: massimo
Regione: Lombardia
Città: capralba
Età: 53
Stato: Non connesso

Messaggio da hobbimassimo » gio gen 19, 2012 9:30 pm

ciao Marco praticamente è solo la bobina dei relè che funzionano a 12 volt e viene eccitata dalla chiusura del contatto reed , eccitandosi chiude il contatto che è isolato dalla bobina per cui dal contatto può passare la corrente che ti serve .....nel relè monostabile il reed chiude il contatto per un istante e va bene per azionare il deviatoi nel relè bistabile invece il contatto resta chiuso fino ad un nuovo passaggio sul reed che lo riapre per cui va bene per alimentare una tratta sezionata se vai su questo topic topic.asp?TOPIC_ID=6190 Edgardo ha postato gli schemi dei relè ed il loro funzionamento

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » ven gen 20, 2012 8:44 am

Ciao Max avevo già letto anche il post che mi hai indicato e devo dire che le mie idee rimangono ancora nebulose ma, credo sia meglio, che aspetto il tuo progetto di gestione del mio plastico e dopo mi concentrerò e cercherò di capire.......altrimenti ti vedrai arrivare una valanga di domande(per evitarle cerca di mettere giù le cose come se le dovessi spiegare ad un bambino di scuola elementare).
Ora mi rivolgo ad Andrea:ho visto che sei un mago per fare le rocce e siccome comincio a studiare come farle gradirei tanto dei tuoi suggerimenti per iniziare a fare delle prove.Buona giornata a tutti.
Marco

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21276
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » ven gen 20, 2012 9:07 am

magolj ha scritto:
Ora mi rivolgo ad Andrea: ho visto che sei un mago per fare le rocce e siccome comincio a studiare come farle gradirei tanto dei tuoi suggerimenti per iniziare a fare delle prove.

Guarda QUI:
topic.asp?TOPIC_ID=6150
Se hai dubbi scrivi in quella discussione. :wink:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » ven gen 20, 2012 10:17 am

Grazie Andrea quel post stranamente mi era sfuggito e comunque è interessante e molto esaustivo.Credo che userò la tua stessa tecnica per non rendere troppo pesante il plastico con le rocce vere che qui da me non mancano di certo essendo tutto terreno carsico.Devo comunque andare a fare una camminata nei dintorni di casa e guardarmi bene intorno per prendere una decisione definitiva.Chi l'avrebbe mai detto che rischio anche di fare lo scalpellino!!! :wink:
Marco

Avatar utente
Andrea
Socio GAS TT
Messaggi: 21276
Iscritto il: mer ott 26, 2011 7:42 pm
Nome: Andrea
Regione: Lombardia
Città: Segrate
Ruolo: Amministratore
Età: 56
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Andrea » ven gen 20, 2012 2:26 pm

magolj ha scritto:

Grazie Andrea quel post stranamente mi era sfuggito e comunque è interessante e molto esaustivo.

Ti suggerisco caldamente il polistirolo ad alta densità.
E un pò di carta igienica che in casa non devi mai mancare. :cool: :cool: :cool: :cool:
Andrea - “I fermodellisti sono tanti e legati da un'amicizia sincera, che esplode in una cordialità ormai rara nel mondo rumoroso ed incerto di oggi”. La valle incantata

Avatar utente
magolj
Messaggi: 53
Iscritto il: mar dic 13, 2011 2:10 pm
Nome: Marco
Regione: Friuli-Venezia Giulia
Città: San Dorligo della Valle
Età: 66
Stato: Non connesso

Messaggio da magolj » ven gen 20, 2012 7:37 pm

OK Andrea per il suggerimento del polistirolo ad alta densità per le rocce e la carta igienica rigorosamente doppio velo:via interessante ma che alla fine comporta anche la tinteggiatura delle stesse.Ad ogni modo incomincerò con delle prove e poi prenderò una decisione.
Per farvi vedere a che punto sono con il lavoro vi allego alcune foto:fino a qui credo tutto bene.Che ne dite?Buona serata.


Immagine:
Immagine
420,56 KB

Immagine:
Immagine
421,14 KB

Immagine:
Immagine
422,87 KB

Immagine:
Immagine
406,69 KB

Immagine:
Immagine
412,05 KB

Immagine:
Immagine
461,43 KB
Marco

Rispondi

Torna a “SCALA N”