Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Discussioni relative alla scala N 1:160

Moderatori: cararci, v200, sal727

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:01 pm

Ciao a Tutti,
per facilitare la consultazione degli argomenti relativi alla "Ferrovia del Gottardo" della De Agostini, si è deciso di aprire questa apposita guida (bloccata) con lo scopo di avere una raccolta di idee e spunti per tutti i forumisti interessati a tale argomento.
Per qualsiasi richiesta o domanda, si potrà continuare a postare nella discussione generale QUI
Roby
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:06 pm

L' armamento è di fabbricazione Cinese della Darstaed le cui misure sono:
scartamento 9 mm
altezza binario con traversine 4 mm
altezza rotaia 2 mm cod 80 scala N
larghezza rotaia 1,5 mm
larghezza traversina 2,2 mm
altezza traversina 1,5 mm
S1.jpg
Comparandolo con un binario Minitrix (qui dotato dello sgancia vagoni) le misure sono identiche
2017221173153_IMG_2296_1024x768.jpg
201722117328_IMG_2297_1024x768.jpg
anche la compatibilità di aggancio è ottima inserimento nella scarpetta senza difficoltà e altezza rotaia uguale
2017221173226_IMG_2298_1024x768.jpg
più avanti spero di testarne la conducibilità avendo alcuni spezzoni in più.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:12 pm

Oggi guardiamo in dettaglio la cassa della CWIL vagone letto uscita con il primo numero
CIWL.jpeg
La cassa viene prodotta dalla casa Cinese Darstaed, come qualità generale si può assimilare alle Lima e vecchie Arnold appena esce la seconda parte telaio, interni e carrelli potrò fare misure più accurate.
Nel frattempo ecco le misure della cassa
lunghezza compresi i mantici cm 14,5
Larghezza fiancate cm 1,7
Altezza cm 1,9
2017222104640_IMG_2300_1024x768.jpg
2017222104658_IMG_2301_1024x768.jpg
Colorazione : buona un ottimo blu notte per le fiancate e un bianco molto coprente per il tetto, che non lascia vedere il colore di fondo
2017222104715_IMG_2302_1024x768.jpg
Decals:. nitide e ben leggibili con una buona finitura color oro coprente che non fa intravedere il blu delle fiancate.
Finestrini: spessi, non perfettamente a filo ma con una buona bordatura color oro a simulazione delle cornici metalliche
2017222104737_IMG_2304_1024x768.jpg
Dettagli : leggermente fuori scala i rivetti sono un po grossolani come stampo in positivo, gli aeratori appena accennati, per i mantici sono poco dettagliati i bracci di estensione , presente la pedana e alcune cassette di collegamento
2017222104758_IMG_2306_1024x768.jpg
2017222104846_IMG_2309_1024x768.jpg
2017222104846_IMG_2309_1024x768.jpg
201722210494_IMG_2310_1024x768.jpg
2017222104925_IMG_2308_1024x768.jpg
201722210508_IMG_2311_1024x768.jpg
per il prezzo finitura accettabile un po come le vecchie Lima.
Ora aspettiamo il telaio.
Allegati
2017222104812_IMG_2307_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:16 pm

Set rotaie con relativi n° identificativi
201722819127_25966974nm.jpeg
Darstaed_N_codici.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:24 pm

Finalmente è arrivata la seconda parte per continuare la recensione dell CWIL.
terminando una parte della prima
CIWL.JPG
Il numero dei finestrini e corretto sia per la fiancata corridoio che per la fiancata cabine.
27 finestrini lato cabine letto, 10 piccoli, 7 medi, 10 grandi
16 finestrini lato corridoio, 5 medi, 11 grandi
Corretti i finestrini delle quattro porte a Calisson ( calice) per le carrozze letto.
Alcuni ritocchi per migliorare l'estetica dei finestrini .
Oscurare i finestrini delle due ritirate con vernice bianca, sono i primi della fila lato cabine.
Aggiungere la barra orizzontale sui finestrini delle porte a circa due terzi partendo dal basso.
Inserire la sagoma delle abat jour rosse delle cabine ai finestrini grandi esattamente al centro
Applicare alcune tendine a varie altezze tramite sagome in carta o cartoncino in colore kaki o bianco
Iniziamo la recensione seconda parte della cassa CWIL
20173717023_IMG_2317_1024x768.jpg
20173717052_IMG_2318_1024x768.jpg
2017371716_IMG_2319_1024x768.jpg
Partiamo con alcuni dati del telaio
20173717222_IMG_2320_1024x768.jpg
la sua lunghezza ai respingenti è di 14,6 cm
larghezza telaio 1,5 cm
lunghezza respingenti 3 mm
altezza respingenti ( da rilevare)
distanza respingenti ( da rilevare)
per queste due misure devo preparare un binario in piano, appena pronte le inserisco
20173717238_IMG_2321_1024x768.jpg
20173717320_IMG_2322_1024x768.jpg
20173717338_IMG_2323_1024x768.jpg
20173717435_IMG_2324_1024x768.jpg
Ruote e assi
scartamento 9 mm
diametro ruota 7 mm
larghezza ruota 2 mm
altezza bordino 0,9 mm
spessore bordino 0.5 mm
tratto della ruota su cui si appoggia alla rotaia 1,5 mm
Tutte le misure rientrano nelle varie norme NEM per la scala N
La sagoma dei carrelli e perfettamente attinente a quelli reali.
Altri particolari del telaio
20173717451_IMG_2325_1024x768.jpg
20173717514_IMG_2326_1024x768.jpg
20173717530_IMG_2327_1024x768.jpg
20173717610_IMG_2328_1024x768.jpg
20173717636_IMG_2329_1024x768.jpg
Alla fine queste carrozze CWIL Venice Simplon Orient Express ( VSOE ) per il prezzo fanno la loro ottima figura sul plastico senza rimpiangere modelli molto più blasonati.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:30 pm

Una piccola info, volendo dotare le carrozze di illuminazione possiamo utilizzare le apposite barre Minitrix
20173717941_IMG_2335_1024x768.jpg
201737171014_IMG_2336_1024x768.jpg
201737171036_IMG_2337_1024x768.jpg
20173717920_IMG_2334_1024x768.jpg
allargando i fori dei contrappesi ( parte in ottone elettroconduttiva e ponendo le molle tra gli assali
20173717636_IMG_2329_1024x768.jpg
20173717857_IMG_2333_1024x768.jpg
2017371774_IMG_2331_1024x768.jpg
20173717748_IMG_2332_1024x768.jpg
di solito la zavorra o contrappeso è un rettangolo metallico posto al centro del telaio sotto il pavimento che simula gli scompartimenti
20173717110_IMG_2338_1024x768.jpg
201737171120_IMG_2339_1024x768.jpg
Questa soluzione dei contrappesi posta sui carrelli e fissati tramite viti da una parte contribuisce a caricare il peso direttamente sui carrelli permettendo un miglior transito sui deviatoi per contro occupando molto spazio all'interno della carrozza rimanendo molto visibile ma facilmente ocultabile applicando le tendine ai finestrini.
Una cosa però poco simpatica è la sede molla dei ganci per l'ammortizzamento
201737171144_IMG_2340_1024x768.jpg
non essendo completamente chiusa si rischi di perderla tramite un urto violento tra i rotabili, per porvi rimedio basta fare un riparo ad U con profilati in plasticard ( incollandoli con colla cianoacrilica senza andare sulla molla :wink: ) per creargli un coperchio
Per maggiori info sulle carrozze consultate l'ottimo sito " scalaeNNe-Note Sparse " da dove ho reperito varie info
https://scalaenne.wordpress.com/2011/10 ... ress-vsoe/
20173717384_3525-fotocarlobonari.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:36 pm

Panoramica sui ganci modellistici per accoppiare i rotabili
201738235150_Fleischmann-scala-N-9520-gancio-una-scatola.jpg
201738235150_Fleischmann-scala-N-9520-gancio-una-scatola.jpg (11.74 KiB) Visto 1336 volte
Quello qui in foto, possono cambiare i codoli che si inseriscono nei telai per la diversa conformazione del sistema di fissaggio ma sostanzialmente l' uncino rimane sempre quello.
Inoltre si può avere la barra di unione tra l' uncino e piede lunga o corta o a conformazione a collo di cigno per i timoni di allontanamento in alcune carrozze passeggeri.
Infine Fleischmann a sviluppato un gancio differente per avvicinare le testate avendo un sistema di incastro verticale per una maggior tenuta
201738233140_download.jpg
201738233140_download.jpg (3.15 KiB) Visto 1336 volte
201738233815_70_9541_1.jpg
201738233935_s-l225.jpg
201738233935_s-l225.jpg (9.46 KiB) Visto 1336 volte
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:38 pm

Gancio a barra utilizzato con carri merci
201738234928_images.jpg
201738234928_images.jpg (4.31 KiB) Visto 1336 volte
201738234958_download.png
201738234958_download.png (4.62 KiB) Visto 1336 volte
201738234943_1493755_BB_00_FB.EPS_1000.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » lun feb 05, 2018 6:40 pm

Gancio U.S.A
201738235822_imma4626.jpg
201738235838_Amtrak1.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:18 pm

Oggi presentiamo la prima scheda modellistica come dipingere la stazione.Iniziamo dal magazzino merci
2017321123926_IMG_2371_1024x768.jpg
in vero più tedesco che Svizzero come stile ma per nulla male visto che non identificare troppo il paesaggio permette poi un ampia scelta di rotabili da far circolare sul plastico di diverse nazioni europee che si affacciano sulle zone montane.
Il magazzino misura :
larghezza cm 5 compresi i marciapiedi coperti in parte dalle falde
lunghezza alla base cm 5 mentre alla falda sporgente del tetto cm 5,7
altezza al colmo del tetto cm 3,3
I dettagli riportati sulle superfici esterne sono buoni ( per uno stampo ) bene in rilievo e con le parti incavate nitide senza sfrangiature di materiale.
Da rifinire la parte bassa del magazzino causa sfrangiature di resina
2017321123834_IMG_2368_1024x768.jpg
201732112399_IMG_2370_1024x768.jpg
operazione veloce da farsi con un cutter o limetta .
Anche per la parte interna delle porte sui lati
2017321123853_IMG_2369_1024x768.jpg
Verniciatura, così così migliorabile molto alla buona per esempio non perfetta tra la parte in legno delle pareti e il muretto si ha una linea di demarcazione troppo ondulata, in alcune parti del edificio sembra lucida questo causa la mancanza di un fondo per migliorare l'aderenza alla resina della vernice.
Le porte sono stampate su un foglio di acetato trasparente
2017321123943_IMG_2372_1024x768.jpg
occorre vedere poi come montarle se occorre fare alcuni supporti per posizionarle bene.
Insomma un prodotto onesto.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:24 pm

Vediamo come migliorare la finitura per togliere l'effetto giocattolo degli edifici e lo meritano perché non sono malaccio provo a postare una mini guida.
Per chi è alle prime armi e non ha mai provato a dipingere dei modellini ricordo che anche cosi da scatola sono più che dignitosi per un primo plastico, mentre per chi volesse cimentarsi nella pittura modellistica spero di fare cosa gradita.
Il primo passo è lavare il magazzino o qualsiasi modello in kit ( nelle scatole troverete tutti i pezzettini da assemblare su delle rastrelliere ) per eliminare tracce di unto o apposite polveri grasse per permettere il distacco delle rastrelliere dagli stampi che non fanno ben aderire la vernice sulla superficie.
procuratevi una bacinella abbastanza ampia da contenere il kit ( in modo da non perdere alcuni pezzettini) riempitela a metà di acqua tiepida e aggiungete del sapone liquido per piatti non troppo per non fare troppa schiuma difficile da risciacquare quando si insinua nelle cavità, utilizzate un pennello morbido ottimi quelli della barba che si trovano nei grandi magazzini di tipo economico non fanno staccare i particolari.
Sfregate delicatamente e risciacquate .
A questo punto con carta casa tamponate delicatamente il kit o le rastrelliere per eliminare le goccioline d'acqua, in alternativa getto del asciugacapelli freddo, aria compressa erogata da un aerografo o fate asciugare sotto una scatola il kit su carta casa per una notte.
Il coperchio serve per non far depositare la polvere sul kit.
Una volta che il kit è ben asciutto passiamo a controllare se vi sono difetti di stampa per eliminarli
201732217435_IMG_2375_1024x768.jpg
201732217515_IMG_2377_1024x768.jpg
Sembra stupido fare questo lavoro dopo il lavaggio, ma proprio grazie al lavaggio si perde quella lucidità che non permette di notare le imperfezioni.
Ci attrezziamo di limette,carta vetro e taglia balsa per fare le rifiniture, molto poche quasi tutte a livello del bordo inferiore e nel interno degli stipiti.
20173221762_IMG_2376_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:29 pm

Nel rifinire l'interno delle porte non eliminate troppo materiale ma quanto basta in modo che non si noti troppo dalle finestrelle nelle porte.
In alcuni punti dove è stata ricavata la sede per incollare la porta occorre togliere alcuni rimasugli di resina con la punta del taglia balsa
2017322172557_IMG_2378_1024x768.jpg
mentre sulla parete dove sono riportati alcuni mattoni occorre dettagliare la linea di divisione verso il fondo poco profonda.
Adesso procediamo a dare dei colori un po più realistici al nostro magazzino.
In genere muri,porte, tegole sono in finitura opaca e non lucida quindi provvediamo a cercare tra i colori modellistici per i mezzi militari o nei colori per artisti con finitura opaca.
Per un utilizzo a pennello trovo ottimi i colori acrilici Life Color , Andreas e Citadel che hanno una ottima opacità e finitura coprente.
In questo lavoro preferisco partire dai colori chiari.
Oggi passo solo il fondo in modo che dia la prima imprimitura in modo che una volta essiccata possa passare altre mani in modo di avere una buona finitura omogenea senza punti di decolorazione.
Tra una mano e l'altra conviene far passare una nottata.
I pennelli utilizzati oggi dei comuni sintetici sono un piatto n° 2 e un tondo n° 1.
2017322172614_IMG_2379_1024x768.jpg
Con il piatto passeremo la tinta sempre in un senso dal'alto verso il basso senza accavallare le passate in modo da non lasciare le striature, mentre il punta tonda per i dettagli o punti poco raggiungibili.
Come colore per le pareti ho scelto un giallo sabbia della Life Color più vicino alla finitura giallognola reale che si trova sulla stazione.
2017322172633_IMG_2380_1024x768.jpg
2017322172650_IMG_2381_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:32 pm

Nel frattempo i lavori di colorazione stanno procedendo per eliminare i colori dati in precedenza con una finitura lucida.
Il lavoro procede un po più lentamente del previsto causa la vernice di fondo che tende a far attecchire un po meno l'acrilico Life Color.
2017324163724_IMG_2388_1024x768.jpg
2017324163759_IMG_2390_1024x768.jpg
2017324163812_IMG_2391_1024x768.jpg
Anche il colore life Color ancora nuovo ha una percentuale acquosa maggiore che tende a farlo più traslucido ma con più passate e aria calda finalmente il colore base per le pareti è stato dato.
Fortunatamente con il tetto il nero Life Color opaco che già da un po viene usato e perfetto.
2017324163744_IMG_2389_1024x768.jpg

Domani passeremo ai muretti e alle pedane di carico costruite in legno e mattoni.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:34 pm

Quasi terminato di stendere i colori opachi di base.
Con il senno di poi causa una vernice veramente difficile da coprire sarebbe stato utile passare un primer.
La vernice utilizzata per colorare il magazzino oltre a essere un po lucida ha una consistenza plasticosa.
Forse perchè per la lavorazione semi industriale hanno utilizzato vernici sintetiche non diluite per velocizzare la verniciatura con il massimo fattore coprente.
Alcune foto per far vedere gli ultimi passaggi sono stati terminati:
Il tetto,
Le pareti,
la parte in pietra dello zoccolo.
passata la prima mano color legno per la scalinata e banchina scarico colli dai vagoni sui lati lunghi.
2017327175033_IMG_2393_1024x768.jpg
2017327175016_IMG_2392_1024x768.jpg
2017327175033_IMG_2393_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:48 pm

Continuiamo con il nostro magazzino.
Oggi iniziamo a dare la prima luce alle pareti, misceliamo del bianco al color giallo sabbia in percentuali 60 % bianco e 40 % giallo S.
2017328165635_IMG_2401_1024x768 (1).jpg
una volta miscelato si prende un po di colore e si scarica il più possibile su della carta casa in modo di averne una minima quantità solo per dare una ombreggiatura.
Sfreghiamo il nostro pennello scarico sulle pareti il più centralmente possibile in modo da far notare il colore base ai quattro lati.
Per questa operazione utilizzo un pennello piatto usato n° 3.
2017328165513_IMG_2395_1024x768.jpg
2017328165531_IMG_2397_1024x768.jpg
201732816564_IMG_2399_1024x768.jpg
2017328165550_IMG_2398_1024x768.jpg
2017328165619_IMG_2400_1024x768 (1).jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:51 pm

Iniziamo la parte tecnica.
Di solito utilizzo come colore ad olio per il filtro il Terra di Cassel .
2017329172011_IMG_2404_1024x768.jpg
Questo colore ha una finitura ne troppo nera ne troppo marrone il che permette di utilizzarlo in vari contesti.
Mentre come diluente utilizzo l'essenza di petrolio bianco della Maimeri non troppo aggressiva sui colori acrilici,
2017329171951_IMG_2403_1024x768.jpg
l'essenza di petrolio bianco permette di non avere alonature vistose e traslucide oltre a una veloce evaporazione.
prendiamo una noce di colore e depositiamolo in un coperchietto dei vasetti in vetro.
2017329172026_IMG_2405_1024x768.jpg
2017329172153_IMG_2407_1024x768.jpg
2017329172212_IMG_2409_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:53 pm

Stendiamo la prima mano del filtro, preferisco fare più passate leggere che una pesante in modo di avere maggiore controllo senza scurire troppo.
Ora fate asciugare bene prima di applicare altri passaggi.
2017329172413_IMG_2410_1024x768.jpg
2017329172438_IMG_2411_1024x768.jpg
2017329172457_IMG_2412_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 5:58 pm

Come abbiamo visto nel precedente passaggio abbiamo steso il primo passaggio del filtro, ora se risulta troppo scuro basterà che passiate un pennello piatto intriso di diluente e asportate un po di filtro ripulendo il pennello sulla carta casa in modo da riportare un po di luce.
Finiti questi due passaggi iniziamo a stendere le velature selettive nei vari recessi per aumentare il distacco dei dettagli.
Rifacciamo la miscela leggermente più densa per depositare più colore nelle varie cavità
2017330171831_IMG_2413_1024x768.jpg
2017330171848_IMG_2414_1024x768.jpg
prima di stendere il filtro colorato faremo rilasciare tramite un pennellino del solvente in modo che grazie alla capillarità il colore corra in tutte le cavità.
201733017194_IMG_2415_1024x768.jpg
Sfruttando la capillarità non dovremo passare il pennellino con estrema attenzione dentro alle cavità ba basterà appoggiarlo in un punto poco visibile o centrale per fare defluire il colore.
Sempre con il nostro filtro carico scuriremo le parti basse per lasciare poi in luce le parti in alto.
Adesso tocca fare asciugare questa mano di filtri
2017330171921_IMG_2416_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 6:03 pm

Oggi daremo le seconde luci per esaltare i dettagli in rilievo, si tratta di dare passate di pennello molto scarico il famoso Dry Brushing o spazzolata a secco, con un pennellino piatto N° 1 o 2 preleveremo un po di colore base schiarito dal piattino di miscelazione scaricandone l'eccesso sulla carta casa o un panno fino ad avere solo una polvere di colore.
2017331171815_IMG_2425_1024x768.jpg
2017331171833_IMG_2426_1024x768.jpg
2017331171758_IMG_2424_1024x768.jpg
Quindi si sfrega sulla parte in rilievo ( anche liscia per particolari effetti ) per depositare l'ombra del colore, con più passate ne regoleremo l'intensità.
Un consiglio sia per scurire o schiarire non utilizzate mai il bianco puro o il nero puro ma usate tinte chiare o scure per andare tono su tono in modo di non avere stacchi troppo netti specialmente con tinte chiare.
la prossima lavorazione saranno le ombreggiature selettive sempre ad olio per fare alcuni effetti di invecchiamento.
Il tetto sarà l'ultima fase visto che mi serve per maneggiare il magazzino durante i lavori
201733117161_IMG_2417_1024x768.jpg
2017331171616_IMG_2418_1024x768.jpg
2017331171636_IMG_2419_1024x768.jpg
2017331171654_IMG_2420_1024x768.jpg
2017331171710_IMG_2421_1024x768.jpg
2017331171725_IMG_2422_1024x768.jpg
2017331171741_IMG_2423_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 6:13 pm

Finalmente siamo arrivare a fare gli effetti di invecchiamento sulle pareti, le parti in pietra e le banchine in legno.
Questa volta utilizzeremo gli oli molto moderatamente in pratica inumidiremo la punta di diluente per stemperare un poco anzi pochissimo colore per le ombre selettive in modo da eliminare luci troppo biancastre gessose e armonizzare il tutto.
I colori ad olio sono:
Terra di siena bruciata
201741185246_IMG_2429_1024x768.jpg
terra d'ombra naturale
201741185415_IMG_2435_1024x768.jpg
verde vescica
201741185524_IMG_2437_1024x768.jpg
porremo una nocciolina di colore e inumidendo molto la punta del pennello stempereremo il colore fino ad avere un ombra di colore come una goccia di te.
Quindi si depositerà sui particolari desiderati.
Con il terra di Siena bruciata ho ripassato le banchine in legno per togliere il grigio della luce per rendere il tutto più marroncino.
20174118528_IMG_2427_1024x768.jpg
201741185227_IMG_2428_1024x768.jpg
201741185311_IMG_2431_1024x768.jpg
201741185335_IMG_2432_1024x768.jpg
Il terra d'ombra naturale invece è stato utilizzare sulle pietre per diversificare il grigio troppo uniforme
201741185351_IMG_2434_1024x768.jpg
201741185436_IMG_2436_1024x768.jpg
Verde vescica per tracce di umidità
201741185539_IMG_2439_1024x768.jpg
20174118561_IMG_2440_1024x768.jpg
201741185619_IMG_2441_1024x768.jpg
Nella parete in muratura liscia per dare vari effetti sono stati miscelati verde vescica, terra di Siena bruciata, grigio di Cassel
201741185636_IMG_2442_1024x768.jpg
201741185658_IMG_2443_1024x768.jpg
Tetto, questa parte è un po più complessa, questi tetti potevano in base al epoca costruiti con:
Cartone catramato
Pannelli in legno catramati
pannelli in metallo catramati
In base al materiale gli effetti del invecchiamento cambiano notevolmente, penso di basarmi sui pannelli metallici.
A domani
P.S scusate la qualità delle foto ma sono state scattate con il cellulare e di fretta, appena avrò tempo e sole spero di farne qualcuna con la luce naturale[:I]
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Ferrovia del Gottardo De Agostini - GUIDA alla costruzione

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 6:19 pm

Iniziato a lumeggiare i pannelli del tetto.
Per iniziare l'invecchiamento del tetto ho dato una passata uniforme con terra di Cassel .
Terminato l'asciugatura ho fatto una ombreggiatura con terra d'ombra bruciata negli angoli dei pannelli per simulare dello sporco.
20174217521_IMG_2444_1024x768.jpg
In alcuni punti dei pannelli con verde vescica e una punta di giallo a smalto opaco ho simulato delle macchie di umidità.
201743171057_IMG_2446_1024x768.jpg
Con del terra di siena sono state simulate alcune macchie di ruggine.
201743171115_IMG_2447_1024x768.jpg
Non rimaneva che enfatizzare i bordi dei pannelli, utilizzando i soliti colori metallici per modellismo il più delle volte risulta troppo finto per questo utilizzo la grafite di una mina morbida.
La grafite rende molto bene un effetto metallico senza dare quel metallizzato troppo finto più attinente alla realtà , qui riprodotta in scala. Anche per le grondaie ho utilizzato la grafite sfregando la mina sia sui bordini che le grondaie.
201743171143_IMG_2448_1024x768.jpg
201743171158_IMG_2449_1024x768.jpg
201743171220_IMG_2450_1024x768.jpg
201743171237_IMG_2452_1024x768.jpg
201743171258_IMG_2453_1024x768.jpg
201743171317_IMG_2454_1024x768.jpg
201743171335_IMG_2455_1024x768.jpg
201743171354_IMG_2456_1024x768.jpg
201743171410_IMG_2457_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Re: Schede modellistiche plastico "Gottardo " della D&A

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 6:24 pm

Siamo quasi alla fine non rimane che montare le porte.
Invece del solito sistema che si trova nei kit da assemblare ovvero la riproduzione di una porta o serramento in tre dimensioni qui per costi di produzione hanno simulato la porta con una serigrafia in acetato, per dargli spessore ogni porta e riprodotta in due parti.
Per procedere al taglio occorre:
Cutter o coltello taglia balsa.
Bisturi chirurgico.
Pinzette.
Colla cianoacrilica in gel e colla liquida per modellismo.
Piano di taglio.
Riga di metallo.
Pinze metalliche ferma fogli.
Prendete la riproduzione della porte e ponetele sul piano di taglio dalla parte lucida e la parte opaca verso l'alto.
Con riga metallica e cutter ( preferisco il bisturi chirurgico monouso a lama dritta reperibile in farmacia per 2/3 euro tagli più precisi ma da utilizzare con più attenzione) ripassate più volte i bordi delle riproduzioni diventa più facile separarle che fare una unica passata.
Mettete una goccia di colla sulla parte opaca al centro del pannello inferiore sotto i vetrini, fermate con le pinze metalliche per far incollare.
Controllate che le porte entrino negli scassi appoggiandosi sul riscontro, se per caso sono un po più larghe con carta vetro asportate l'eccesso un millimetro o due riprovate a posizionarle.
Se combaciano con il telaio incollate con colla ciano negli angoli depositandola con uno stuzzicadenti la colla in gel non colando permette una migliore incollatura dando un tempo minimo di centraggio.
Finito l'incollaggio asportate la pellicola di protezione.
Allegati
20174418114_IMG_2458_1024x768.jpg
201744181130_IMG_2459_1024x768.jpg
201744181150_IMG_2460_1024x768.jpg
20174418124_IMG_2461_1024x768.jpg
201744181237_IMG_2462_1024x768.jpg
201744181255_IMG_2463_1024x768.jpg
201744181312_IMG_2464_1024x768.jpg
20174418148_IMG_2465_1024x768.jpg
201744181423_IMG_2466_1024x768.jpg
201744181438_IMG_2467_1024x768.jpg
201744181455_IMG_2468_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Re: Schede modellistiche plastico "Gottardo " della D&A

Messaggio da v200 » mar feb 06, 2018 6:29 pm

Bene abbiamo terminato il magazzino annesso al fabbricato viaggiatori o F.V ( stazione ), visto che il corpo del F.V ha i medesimi colori non rimane che continuare con le tecniche apprese dal tutorial.
Allegati
24459906db.jpg
24467602eq.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Re: Schede modellistiche plastico "Gottardo " della D&A

Messaggio da v200 » lun feb 12, 2018 6:24 pm

Come già detto in precedenza il portale esteticamente si presenta bene valido per più ambientazioni montane come per il viadotto anche se non proprio in stile delle ferrovie Svizzere o SBB.
Come prodotto commerciale risponde ai requisiti principali della normativa NEM 105 anche se in qualche punto non è perfetta.
posteriormente il portale è dotato di apposito sistema per inserire un cartoncino per simulare le paretti della galleria feritoia e fermi cilindrici.
Unica nota negativa due feritoie sui lati del portale molto antiestetiche, per permettere di essere raccordato a qualche muraglione o per incastrarlo a dei fermi , ma molto facilmente per angolare le parti laterali in modo da adattarlo alle pareti dove verrà posizionato.
Posto alcune foto con un omologo portale Faller a una via in scala N ( a sx delle foto)
Allegati
201745122527_IMG_2471_1024x768.jpg
201745122544_IMG_2472_1024x768.jpg
20174512261_IMG_2474_1024x768.jpg
201745122614_IMG_2475_1024x768.jpg
201745122631_IMG_2476_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9011
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Re: Schede modellistiche plastico "Gottardo " della D&A

Messaggio da v200 » lun feb 12, 2018 6:28 pm

Dopo la costruzione del telaio la cosa più importante è la posa perfetta delle rotaie oltre al loro cablaggio e invecchiamento per permettere ai nostri convogli di transitare sul nostro tracciato senza saltellamenti o svii ( deragliamenti ).
Una volta accertati che il telaio sia in piano tramite bolla dovremo procedere alla tracciatura delle rotaie tramite fotocopie del progetto applicate sul piano o come nel nostro caso grazie alla mappa ( se riuscite cercate di fare delle fotocopie utile per ritagliare poi il tracciato :wink: senza toccare l'originale ).
Le fasi del posizionamento dopo la tracciatura sono :
saldatura cavetti per presa alimentazione,
messa in opera sul tracciato del sughero e rotaie ,
invecchiamento.
Iniziamo con le prese elettriche.
Affidarsi alla distribuzione della corrente elettrica solo tramite le scarpette di connessione non è proprio il massimo purtroppo colla e colore possono infiltrarsi tra scarpetta e binario isolandone il contatto, il che poi ripristinare il contatto dopo aver posizionato la rotaia e ballast ( ghiaietta ) diventa difficile.
Inoltre sempre per avere una buona distribuzione di corrente su tutto il tracciato occorre prevedere più prese di corrente circa ogni 60/80 cm, il metodo meno oneroso e pratico rimane quello di saldare un paio di cavetti ai binari di un tratto di rotaia.
Il materiale occorrente:
saldatore da 25/30 Watt,
pasta salda,
cavetti da 1 mm di diametro,
forbici da elettricista o spella cavi,
limetta triangolare,
alcool denaturato,
cutter,
spazzolino da denti,
smalto per unghie.
un paio di pennelli usati un n°1 e un n° 3,
stagno per elettronica 60/40 stagno e flussante.
Una raccomandazione per il saldatore e stagno comprate materiale di buona qualità Europea è non di importazione Cinese eviterete brutte sorprese :wink:
Oggi spero di postare alcune foto dei lavori da fare per la saldatura.
Poi un po alla volta per le altre fasi :smile:
Allegati
20174616416_IMG_2477_1024x768.jpg
201746164125_IMG_2478_1024x768.jpg
201746164142_IMG_2479_1024x768.jpg
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Bloccato

Torna a “SCALA N”