Il sogno di un bambino

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, adobel55, MrMassy86, lorelay49

Rispondi
Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » lun lug 06, 2020 7:44 pm

Buona sera a tutti

Sono da poco iscritto al forum e volevo presentarvi il mio costruendo plastico.
Ci sto lavorando da circa 6 anni durante i week visto che si trova in una casa dove ci trascorro appunto solo i fine settimana.
Dopo un fermo di 2 anni, per motivi di ristrutturazione forzata, ho ripreso i lavori da circa un mese...sono molto molto lento.

Al momento ho quasi terminato quella che sarà una stazione nascosta
Progetto.png
E' sviluppata lungo una parete di 6 metri (solo l'elicoidale ne occupa 1,40), nei restanti 4,50 ci sono 5 binari di sosta di 2,50 m circa integrati ad un loop. L'armamento non è dei migliori (scambi e motori hornby e flessibili peco ). Sono in totale 4 moduli (140 x 120 l'elicoidale, 150 x 100 x 60 il loop con l'ingresso ai binari di sosta, 180 x 60 e 120 x 60 i rimanenti 2).
Sto gestendo tutto in digitale con una centralina hornby elite e rocrail.

Rocrail.png
Al momento non ho i feedback, sarà il prossimo passo, e sto' valutando se cambiare centralina (magari con una dr5000) oppure optare per un adattatore loconet/usb. (i consigli sono ben graditi).


20200612_190829.jpg
20200612_190820.jpg
20200612_190741.jpg
20200612_190758.jpg
20200629_143119.jpg
20200703_201702.jpg
20200629_143136.jpg
20200703_201722.jpg
Come vedete prediligo ferrovie olandesi e tedesche in epoca moderna, ho altri rotabili ancora nelle loro confezioni...che spero di poter far circolare il prima possibile.
Per quanto riguarda quella che sarà poi la parte in vista pensavo ad una stazione di testa (di pura fantasia).

Ovviamente per ora c'è poco da commentare, spero nei vostri consigli e aiuti quando ne avrò necessità.

Buona serata a tutti

P.S. se ritrovo il video dell'elicoidale lo posto visto che al momento non ho foto...
Diego

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5450
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Docdelburg » lun lug 06, 2020 10:36 pm

Buonasera,
per fare qualche considerazione pertinente occorrerebbe vedere il progetto intero nella sua completezza con indicazione del tipo di esercizio che si intende praticare.
Per ora qualche domanda tecnica:
- non vedo nessun tipo di base per i binari (tipo sughero o simili): come mai?
- come gestisci elettricamente il cappio?
- che raggi minimi hai nel cappio e nell'elicoidale? E che pendenza ha quest'ultimo?
- i cuori dei deviatoi sono polarizzati?

Le uniche considerazioni che posso fare sono quella di consigliarti sicuramente la DR5000 e i suoi moduli accessori, e quella di considerare la possibilità di far sostare due convogli medio/corti nello stesso binario inserendo quindi 2 blocchi nello stesso e relativi sensori. A disposizione per ulteriori dettagli.

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » mar lug 07, 2020 1:42 pm

Buongiorno Mauro

Per quanto riguarda il progetto definitivo ci sto ancora "lavorando", visto che con molta probabilità il plastico sarà trasferito in altro luogo più ampio, (vi dirò quando ne avrò la certezza), di conseguenza per adesso mi limito a fare quello che posso con lo spazio che ho a disposizione adesso. Per questo motivo ho optato per i moduli, così che potrò trasferirlo con più facilità.

Per il tipo di esercizio, legato al progetto definitivo, ho in mente di realizzare una stazione di confine tra Olanda e Germania (come per esempio la stazione di Bad Bentheim) dove poter far transitare gli intercity express (tipo gli ice 3 o i thalys), come gli ic Amsterdam/Hengelo/Berlino, dove nella citata stazione fanno il cambio loco ( solitamente tra le class 1700 NS e le E185 DB). Non mancano poi i così detti "stop train" sia DB che NS.

Non c'è base per i binari, giusta osservazione. Inizialmente c'era, di sughero 4 mm (quando era composto da soli due moduli), mi sbaglierò io di sicuro oppure sono le mie orecchie ma non ho notato molta differenza se parliamo di "rumore", l'ho lasciato però sulle spire dell'elicoidale dove li si noto la differenza.

Il cappio è gestito da un lk200 della lenz ( lo si vede su una foto posto in prossimità del cappio stesso, la prima foto per esattezza ).

Il cappio ha un raggio di 438 mm, mentre l'elicoidale ha come raggio esterno 505 mm e 438 quello interno.



Il video risale a qualche anno fa...ora l'elicoidale è lo stesso ma ho fatto delle modifiche al resto.
Per quanto riguarda la pendenza mi pare di essere sotto al 3%

I deviatoi non hanno il cuore polarizzato. Sono gestiti da un dr4018 della digikeijs quelli nella zona loop e ingresso binari, mentre per gli altri ho un lenz ls150 ancora da installare.
(Se vi chiedete perché tutti prodotti diversi è perché amo sperimentare per poi scegliere).
Diego

Avatar utente
IpGio
Messaggi: 321
Iscritto il: dom mag 20, 2018 9:22 am
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Età: 63
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da IpGio » mar lug 07, 2020 2:26 pm

Visto che è probabile un trasloco... conviene asoettare ad operare una volta a disposizione del locale.
Mi sento di suggerire, liberamente:
- Altezza al piano binari 120÷130 cm da terra
- Se controparete non superare la profondità di 80 cm
- Valutare bene gli ingombri finestre, coloriferi, porte
- Valutare l'illuminazione del plastico e del locale separati
- Valutare la soluzione moduli FIMF 3000 (vedi mia realizzazione)
- Valutare una soluzione a binario unico e la maggior semplicità nel piano binari (specie evitare curve a gomito in vista e ridurre deviatoi inglesi)
- Valutare posizione e accessibilta alla stazione nascosta se presente (con posa di deviatoi sul piano e non sottoplancia)
- Valutare fin da subito sezionamenti e retroazioni
- Valutare la stesura di tre bus, Dcc, alimentazione accessori e alimentazione dedicata illuminazione in scala (edifici, lampioni, ecc.)
- infine valutare per prima cosa la collocazione al reale di quanto si va a riportare in scala alfine di stabilire fin dall'inizio il fondale del plastico.
Per quanto riguarda il DCC per esperienza personale starei su un unica soluzione (come fornitore) di livello medio alto vista la stazza della realizzazione.
Sul software di gestione mi permetto di suggerire ROCRAIL, che pur essendo abbastanza "ostico" una volta iniziato ad usare da soddisfazioni.
Buon lavoro...
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » mar lug 07, 2020 4:17 pm

Ciao Giorgio grazie per i consigli.

Posso dirti che per quanto riguarda le varie misure ( altezza del piano, profondità e ingombri vari) rientrano già nei tuoi suggerimenti.
Utilizzo rocrail e mi trovo benissimo, stessa cosa per i tre bus...gli accessori hanno già l'alimentazione separata dal dcc tramite un alimentatore 12v dc 5A ( per ora alimenta solo il dr4018).
Per il resto vedrò man mano seguendo i vostri consigli...
Diego

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5450
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Docdelburg » mar lug 07, 2020 4:20 pm

Buongiorno Diego,
Grazie per le dettagliate risposte. Prendo atto che hai le idee abbastanza chiare e questo mi conforta. Ho visto inizi di opere complesse finite nel nulla e opere faraoniche su basi precarie; non sembra il tuo caso! :wink:
Ipgiò ti ha già sfornato una serie di utili consigli dettati dall'esperienza.
Da parte mia solo due considerazioni:
- metterei in ogni caso del materiale tipo sughero sotto i binari, non solo per problemi di rumorosità.
- cercherei, nei limiti del possibile, di far percorrere la linea esterna dell'elicoidale ai convogli in salita per diminuirne lo sforzo.

Per il resto sono del tutto simile a te per quanto riguarda la sperimentazione delle varie soluzioni, curiosità che mi ha sempre appagato. :D

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » mar lug 07, 2020 4:57 pm

Mauro grazie per le considerazioni.

Seguirò il tuo consiglio per quanto riguarda il sughero...i binari non sono incollati e li posso rimuovere facilmente...(sempre per via delle sperimentazioni).

Per l'elicoidale il tuo consiglio è stato già attuato perché nel corso del tempo ho spostato il piano attaccato alla parete mentre nel video, che risale a qualche anno fa, era a 60 cm dalla parete e a filo esterno del piano elicoidale che ho dovuto invertire. Ora di conseguenza i convogli salgono sul binario esterno...come si vede nel progettino scarm.

Sono consapevole che quello che ho in mente risulta ambizioso ma... non ho fretta, stimola la fantasia e la creatività, mi piacciono i treni i scala anche se sono li fermi ad attendere un tracciato finito...

P.S. mi stanno venendo in mente alcune domande da porti...faccio chiarezza e magari ti dico nel prossimo post.
Diego

Avatar utente
IpGio
Messaggi: 321
Iscritto il: dom mag 20, 2018 9:22 am
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Età: 63
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da IpGio » mar lug 07, 2020 5:14 pm

@Diego... benissimo l'importante è cercare di sviscerare le informazioni... insomma fare " brainstorming".
Magari si ripetono due volte le cose o se ne dicono anche troppe, ma almeno ci si mette "la zucca".
Sono d'accordo con quanto detto da Mauro sul sughero... se si tratta di un plastirama come il mio si può soprassedere, ma sempre "fare massicciata" e buona norma.
"Evangelico" mi si passi il termine, quanto Mauro indica sull'elicodale e aggiungo solo verifica che sia accessibile da più punti e provare... provare... provare su è giù con i rotabili più diversi.
Ti suggerisco che l'elicoidale può essere sostituita da uno sviluppo più lineare con una rampa.
Per intenderci, fare passare una linea da parata in rampa, con andamento ti vedo e non ti vedo lungo il plastico è una buona soluzione e visto che tu hai a disposizione lunghezze importanti magari puoi valutare.
Vedi tu...
Buon lavoro.
[253]
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » mer lug 15, 2020 4:28 pm

IpGio ha scritto:
mar lug 07, 2020 5:14 pm
@Diego... benissimo l'importante è cercare di sviscerare le informazioni... insomma fare " brainstorming".
Magari si ripetono due volte le cose o se ne dicono anche troppe, ma almeno ci si mette "la zucca".
Sono d'accordo con quanto detto da Mauro sul sughero... se si tratta di un plastirama come il mio si può soprassedere, ma sempre "fare massicciata" e buona norma.
"Evangelico" mi si passi il termine, quanto Mauro indica sull'elicodale e aggiungo solo verifica che sia accessibile da più punti e provare... provare... provare su è giù con i rotabili più diversi.
Ti suggerisco che l'elicoidale può essere sostituita da uno sviluppo più lineare con una rampa.
Per intenderci, fare passare una linea da parata in rampa, con andamento ti vedo e non ti vedo lungo il plastico è una buona soluzione e visto che tu hai a disposizione lunghezze importanti magari puoi valutare.
Vedi tu...
Buon lavoro.
[253]
[36] IpGio
Buongiorno a tutti...

Giorgio avevo preso in considerazione le rampe per poter raggiungere la quota a vista...mi pare che avevo un altro progetto poi accantonato.
le rampe con zone vedo non vedo però non si adattano al tipo di ambientazione che ho in mente. quelle zone del nord europa sono totalmente in pianura, quindi niente zone montuose o collinari.
Ti ringrazio comunque per i suggerimenti.

lo scorso fine settimana non avendo (purtroppo) molto tempo da dedicargli, ho preso confidenza con rocrail facendo un po di prove.



(ho dovuto creare un nuovo account su youtube...non ricordo più le credenziali del vecchio account...pazienza)

Impostando il tracciato come due stazioni di testa riesco a fare qualcosa...devo lavorare su accelerazioni e decelerazioni, velocità ecc ecc.

Volevo però chiedere una cosa che non ho ben capito...
Dovrei inserire un altro blocco sul tratto dell'anello per poter rallentare i convogli in entrata ai binari di sosta. ho visto sul manuale di rocrail riguardo gli anelli di ritorno come settare il blocco all'interno dell'anello per far invertire orientamento
Screenshot (6).png
Premetto che non ho ancora installato i sensori e il mio quesito è :
Con il modulo loop si invertono le polarità sul tratto sezionato, il modulo feedback è collegato ad un polo della tratta sezionata...
Quando si invertono le polarità il modulo feedback funziona lo stesso anche a polarità invertita?

Grazie per le delucidazioni.
Diego

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5450
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Docdelburg » mer lug 15, 2020 8:44 pm

Buonasera Diego, attenzione a non complicare le cose con il cappio. :wink:
Lo schema finale con i blocchi A e B vale quando hai un solo binario e la loco torna su quello a direzione invertita. In quel caso serve più che altro fare in modo che il deviatoio sia posto in corretto tracciato in entrata e quindi in deviata in uscita. Ecco allora che la sequenza dei due blocchi ti gestisce il corretto posizionamento del deviatoio nei due momenti senza interventi diretti da parte dell'operatore.
Nel tuo caso invece hai tutta una serie di binari e, credo, una loco non tornerà mai sullo stesso binario da cui arriva. Di conseguenza non complicarti la vita: per ridurre poi la velocità di movimento all'interno della stazione nascosta e quindi anche nel cappio, agisci sulla velocità che ha ogni itinerario. Vai a biffare la velocità media al posto di quella da crociera, oppure scegli un valore percentuale, tipo 35-40% della velocità massima.
Se proprio vuoi mettere dei sensori all'interno del cappio dovresti prendere un modulo a 2 sensori di assorbimento (tipo gli S2 che vende Nuccio su DCCWorld), oppure mettere una barriera a raggi infrarossi; ma non saprei a cosa dovrebbe servire, visto che hai già il Lenz LK200.
Oltretutto, non capisco una cosa, con tutto lo spazio che hai a disposizione: togliendo un solo deviatoio ti libereresti dal cappio e avresti un semplice e validissimo osso di cane!
noloop.jpg

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5450
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Docdelburg » mer lug 15, 2020 9:48 pm

Nell'ultima considerazione forse sono stato un pò criptico, quindi mi permetto qualche ulteriore dissertazione. Riprendo lo schema di prima.
noloop.jpg
A mio avviso nella tua stazione nascosta attuale il cappio non serve a nulla e ti complica le cose dal punto di vista elettrico. Avrebbe senso, anzi sarebbe indispensabile, se tu avessi una linea a singolo binario e questa stazione nascosata fosse "il resto del mondo" a cui sono diretti e da cui arrivano i vari convogli. Ma avendo una doppia linea, qualunque sia il senso di circolazione, i convogli in arrivo avranno tutta una serie di binari di sosta in cui fermarsi e da cui partire invertendo il senso di marcia senza bisogno di un cappio.
Sempre in riferimento allo schema di cui sopra, se tu togliessi la comunicazione cerchiata in rosso, che è quella che ti crea cappio, avresti una circolazione molto più semplificata. Via il modulo LK200 (che servirà semmai altrove), con circolazione a sx, come in Italia, mancherebbe un blocco prima dei deviatoi che portano ai blocchi da 1 a 6. Da questo blocco mancante ci sarebbero una serie di itinerari appunto ai blocchi 1-6 con velocità ridotta. Dai blocchi 1-6 ci sarebbero altrettanti itinerari a velocità ridotta verso i blocchi 7-8 e da questi verso l'elicoidale.
Meglio ancora se la circolazione fosse a dx; i blocchi 7 e 8 fungerebbero da punto di arrivo a velocità di crociera e quindi ci sarebbero itinerari da 7-8 a 1-6 con velocità ridotta. Meglio perchè nel caso tutti i binari 1-6 fossero occupati ci sarebbe posto per due convogli in attesa.
Spero di aver reso meglio il mio ragionamento

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5450
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Docdelburg » gio lug 16, 2020 4:03 pm

Mi sono permesso (e un pò divertito) a ipotizzare la tua stazione nascosta in modo semplificato.
Ho fatto schemi riduttivi ma spero rendano l'idea.
Sempre secondo la mia personale opinione, farei un osso di cane e toglierei il cappio. Ho ipotizzato i due sensi di marcia e posizionato i relativi sensori.
NOLOOPSINISTRO.jpg
Con la circolazione a sinistra ci dovrebbe essere un blocco (IN) prima del gruppo di deviatoi con i due classici sensori ENTER e IN senza obbligo di sosta. Nel caso ci sia anche un solo blocco successivo libero il convoglio in arrivo rallenterà all'ENTER e sempre rallentato transiterà sull'IN e proseguirà a velocità ridotta fino al sensore ENTER2IN del binario di sosta. Nel caso non ci siano blocchi liberi il convoglio in arrivo rallenterà all'ENTER e si fermerà all'IN finchè non si libererà un blocco successivo. Quando sarà il suo turno, dal binario di sosta (AA-...-EE) il convoglio a velocità ridotta transiterà sul tratto curvo (sensore superfluo senza funzioni ma utile ad avere conferma che il convoglio si sta muovendo) e arriverà ad uno dei binari di partenza (XX-YY). Da questi transiterà a velocità sempre ridotta al blocco OUT e da questo prenderà velocità di crociera verso l'elicoidale.

Situazione simile e speculare per la circolazione destra
NOLOOPDESTRA.jpg
Le procedure si ripetono con similitudine ma in modo speculare.
A disposizione per ulteriori delucidazioni

Avatar utente
IpGio
Messaggi: 321
Iscritto il: dom mag 20, 2018 9:22 am
Nome: Giorgio
Regione: Lombardia
Città: Nerviano
Età: 63
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da IpGio » gio lug 16, 2020 7:38 pm

Mauro, proposta perfetta!
Mi sa che me la segno per un futuro.
Diego e Mauro grazie... vi seguo con interesse.
[36] IpGio
Giorgio - Nihil difficile volenti
IpGio - I plastici di Gio - https://www.gtg3b.it

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » ven lug 17, 2020 12:41 am

Ciao Mauro
Ti ringrazio per la delucidazione riguardo il manuale rocrail.
Stavo vedendo il dr5013 della digikeijs...

Senza dubbio togliendo il deviato che fa da cappio si semplificgerebbe tutto.
Quel deviato l'ho inserito perché mi permette di sfruttare la stazione nascosta anche come stazione di testa.
Proverò, come suggerisci tu, di lavorare sulle velocità degli itinerari.
Diego

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5450
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Docdelburg » ven lug 17, 2020 1:14 pm

Per agire sulla velocità di ogni singolo itinerario vai sul pannello e su itinerari e smanetta sulle relative voci, sia come MIN MED MAX CROCIERA che come percentuale
VELIT.jpg
Per quando riguarda l'idea di stazione di testa, al di là delle prove che intendi fare, ti passo un altro suggerimento relativo a Rocrail.
I convogli reversibili sono per lo più corti, formati spesso solo da 2 o 3 unità e quindi possono essere fatti sostare accodati su un unico binario.
Basta prevedere due o tre blocchi su detto binario, dedicato solo ai convogli reversibili, indicando che tali blocchi accettano solo determinati convogli così che tutti gli altri rotabili eviteranno di percorrerli.
Un esempio grafico con due convogli corti accodati. Tutti i blocchi da IN fino a YY saranno caratterizzati dalla mancanza di sosta, sosta invece prevista per il blocco ZZ. Se un convoglio reversibile arriva percorrerà tutta la linea fino ad arrestarsi al blocco ZZ. Il convoglio reversibile che segue si arresterà al blocco YY finchè il convoglio che lo precede non lascerà libero il blocco ZZ. A quel punto il secondo convoglio procederà lentamente ad occupare il blocco ZZ e si arresterà in attesa del suo turno di partenza.
NOLOOPSINISTROREV.jpg
Così programmata la stazione vedrà via via muoversi i convogli scalando le posizioni per portarsi ai blocchi di partenza e lasciando liberi quelli più arretrati.

Per i sensori di occupazione ti consiglierei questo

https://www.digikeijs.com/en/dr4088ln-c ... conet.html

Avendo già l'LK200 che ti serve un modulo costoso come DR5013? Ti serve il Railcom?

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » ven lug 17, 2020 2:29 pm

Ottimo Mauro ti ringrazio per la disponibilità.
Avevi già accennato di inserire più blocchi in un solo binario di sosta, e la cosa mi garba molto.

Dovrei postare uno schema con tutti i sezionamenti (che dovrò senza dubbio modificare).
I binari di sosta con più blocchi probabilmente saranno 2 (per capirci i primi due partendo dall'alto verso il basso).

Per quanto riguarda il dr5013 (molto costoso in effetti), lo citavo perché mi pare di capire che potrebbe risolvere il problema relativo alla velocità di ingresso ai binari di sosta. Non ho avuto modo di "studiarlo" ma ha la possibilità di comunicare alla centralina che una loco sta entrando nel cappio prima che inverta le polarità...questo potrebbe anche inviare un segnale di rallentamento?
Te lo chiedo perché magari hai già la risposta [99]

Ringrazio anche ipgio per l'interessamento.
Diego

Avatar utente
Docdelburg
Messaggi: 5450
Iscritto il: mar set 04, 2012 6:16 pm
Nome: Mauro
Regione: Lombardia
Città: Borgo Priolo
Età: 64
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Docdelburg » ven lug 17, 2020 3:42 pm

La velocità ridotta la devi impostare tu, prima che qualsiasi convoglio entri nel dedalo di deviatoi della stazione nascosta. Che senso ha rallentarlo solo nella curva del cappio (perchè il DR5013 agisce principalmente su quello)? Il rischio maggiore di svio ce l'hai sui deviatoi, specie quelli che ti fanno fare curva e controcurva. E poi tutta la circolazione nella stazione nascosta deve avvenire a velocità molto bassa così da poter fermare i convogli con un semplice sensore.
Il modulo DR5013 ha più che altro senso per riconoscere il decoder (e quindi la loco) se e quando avrai decoder dedicati.
Rileggiti i miei interventi precedenti e prova a regolare la velocità su un itinerario tipo; quando avrai trovato il giusto regime lo applicherai al resto dei binari (anche tenendoti il cappio e relativo modulo Lenz).

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » mar set 15, 2020 7:45 pm

Buonasera a tutti

In questo periodo il lavoro mi ha completamente assalito (per fortuna). Non ho avuto moltissimo tempo da dedicare al mio "giocattolino", ma sono riuscito intanto a "rimettere" il sughero sotto i binari come da suggerimento.
sughero2.jpg
sughero.jpg
Spero di poter postare presto altre foto dell'avanzamento.

Un saluto a tutti.
Diego

Avatar utente
Senialas
Messaggi: 18
Iscritto il: lun ott 08, 2012 4:50 pm
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Età: 67
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Senialas » mer set 16, 2020 9:05 am

Ciao Diego.
Io per i sensori di assorbimento/occupazione ti consiglierei i LOC-A110 di Oscilloscopio.it.
Funzionano con il protocollo LocoNet, costano un filo meno dei Digikeijs, sono più versatili dato che, avendo solo 8 uscite/cad, puoi baricentrare meglio la loro collocazione e poi sono italiani.
Io prolungherei anche i primi due o tre binari (quelli con blocco AA, BB, CC) fino al binario verticale in modo da avere tratte di binario (le AA,BB, ecc.) più lunghe.
Buon divertimento!
Roberto M.

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » mer set 16, 2020 1:57 pm

Ciao Roberto
Ti ringrazio ma ho già acquistato un dr4088 insieme alla centralina dr5000...
Lo terrò presente in futuro, magari per la zona a vista.
Per i binari di sosta non ho capito bene cosa intendi. Ora sono lunghi 265 cm, considerando che il treno più lungo non supererà i 200 cm sono più che sufficienti, ma ti ringrazio comunque per il consiglio.
Diego

Avatar utente
Senialas
Messaggi: 18
Iscritto il: lun ott 08, 2012 4:50 pm
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Gallarate
Età: 67
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Senialas » mer set 16, 2020 2:14 pm

Scusa Diego, ma dal disegno non si capiva la lunghezza dei binari.
Spero tu abbia preso il DR4088LN (cioè Loconet)! ?
Roberto M.

Avatar utente
Koploper
Messaggi: 13
Iscritto il: lun giu 29, 2020 5:05 pm
Nome: Diego
Regione: Lazio
Città: Roma
Età: 46
Stato: Non connesso

Re: Il sogno di un bambino

Messaggio da Koploper » mer set 16, 2020 4:58 pm

Senialas ha scritto:
mer set 16, 2020 2:14 pm
Scusa Diego, ma dal disegno non si capiva la lunghezza dei binari.
Spero tu abbia preso il DR4088LN (cioè Loconet)! ?
Si Roberto DR4088LN.
Diego

Rispondi

Torna a “SCALA H0”