Binari Marklin

Discussioni relative alla scala H0 1:87

Moderatori: cararci, adobel55, MrMassy86

Rispondi
Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2134
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Binari Marklin

Messaggio da Criss Amon » mar gen 17, 2017 7:53 pm

All'attenzioni di Carlo Gambetti e di tutti gli appassionati Marklin.
Vorrei sapere com'è fatto elettricamente un binari Marklin, se le due rotaie laterali sono cortocircuitate o separate o separablili elettricamente.
E' gradita anche qualche foto.
Grazie!!!
Francesco
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9038
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » mar gen 17, 2017 8:59 pm

Quale tipo? Metallici, con massicciata o quelli senza massicciata?

Immagine:
Immagine
19,25 KB
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
v200
Socio GAS TT
Messaggi: 9038
Iscritto il: dom mag 03, 2015 6:31 pm
Nome: roberto
Regione: Piemonte
Città: torino
Ruolo: Moderatore
Età: 57
Stato: Non connesso

Messaggio da v200 » mar gen 17, 2017 9:04 pm

Da ferroamatori.it
I modelli prodotti in scala H0 da Märklin si caratterizzano dall'utilizzo di un sistema di alimentazione in corrente alternata anziché in corrente continua: nei tradizionali sistemi in CC l'alimentazione viene prelevata da una delle rotaie, mentre la seconda rotaia fa da massa; invece, nel sistema Marklin entrambe le rotaie sono la massa (più correttamente il "neutro", trattandosi di corrente alternata), mentre la "fase" è data da una serie di punti di contatto in rilievo, posti tra le due rotaie (c.d. "terza rotaia"); i rotabili prendono la corrente dai punti di contatto tramite un pattino posto sotto la locomotiva.

I sistemi a 3 rotaie, rispetto ai sistemi a 2 rotaie, presentano principalmente 3 vantaggi:

maggior affidabilità nella captazione della corrente; anche se una delle rotaie che conducono il "neutro" si interrompe, la circolazione non si ferma in quanto il circuito rimane comunque chiuso dall'altra rotaia.
di norma le due rotaie del "neutro" sono elettricamente collegate tra loro; è però possibile isolarle tra loro, in modo da creare semplici binari che segnalano il passaggio del treno (c.d. binari di occupazione); interponendo tra le stesse una lampadina, p.es. è possibile segnalare che una tratta di binario è occupata.
è estremamente semplice creare cappi di ritorno. Un cappio di ritorno è un tracciato composto da un binario di ingresso/uscita che poi sfocia tramite uno scambio in un anello: il treno passa sul binario di ingresso, entra nel cappio, lo percorre, e poi esce sullo stesso binario utilizzato per l'ingresso. In un sistema a 2 rotaie è necessario provvedere a sezionare elettricamente il tracciato, in quanto se i binari che formano l'anello si reinnestassero così come sono nello scambio, provocherebbero un corto circuito, perché la rotaia positiva si congiungerebbe alla rotaia negativa dello scambio. In un sistema a tre rotaie questa complicazione non c'è.
Roby - In ogni fermodellista in enne c'è un po di masochismo.

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2134
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mer gen 18, 2017 12:31 am

L'ultima produzione!
Nel binario Marklin, le due rotaie laterali sono separablili elettricamente mi pare di capire.
Desidero sapere anche qual è l'altezza della rotaia.
Il resto lo conosco (cappi di ritorno ecc.)
Grazie!!!
Ciao
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Avatar utente
Marshall61
Socio GAS TT
Messaggi: 7197
Iscritto il: mar nov 01, 2011 8:50 pm
Nome: Carlo
Regione: Toscana
Città: Livorno
Età: 58
Stato: Non connesso

Messaggio da Marshall61 » mer gen 18, 2017 8:53 pm

Ciao Francesco, per quanto riguarda il binario in metallo (tipo M) le rotaie non hanno l'alimentazione indipendente fanno corpo unico con la massicciata in metallo, per quanto riguarda quello con la massicciata in composito (tipo C) è simile all'M anche se si può, tagliando la linguetta, isolare la rotaia.
Il Tipo "K" (quello senza massicciata) ha le rotaie isolate quindi puoi anche utilizzare con alimentazione in C.C. per ciò che concerne l'altezza del K è di 4,98 mm. dalle traverine alla sommità del bulbo della rotaia mentre per il "C" è di 9,18 mm. dalla base della massicciata alla sommità del bulbo della rotaia.
In ogni caso, se devi utilizzare quelle di ultima produzione (tipo C), perchè non utilizzi le TRIX, sono identiche a quelle Marklin ma sono già in continua e sono prive della terza rotaia..... :wink:
Ciao, Carlo
NON ESISTONO PROBLEMI, ESISTONO SOLO LE SOLUZIONI. E' LO SPIRITO DELL'UOMO A CREARE IL PROBLEMA DOPO. (Andrè Gide)

Avatar utente
Criss Amon
Messaggi: 2134
Iscritto il: gio ott 01, 2015 11:14 pm
Nome: Francesco Maria
Regione: Sicilia
Città: Catania
Età: 61
Stato: Non connesso
Contatta:

Messaggio da Criss Amon » mer gen 18, 2017 10:31 pm

Grazie mille!! Un'informazione preziosa anche per Criss Amon :wink:
Grazie a tutti!
Ne approfitto per una segnalazione tecnica interessante per i plastici. Vi invito a guardare il video

dove viene illustrato il funzionamento di un dispositivo per la rilevazione di treno in transito.
La descrizione si trova su http://www.baronerosso.it/forum/ferromo ... eno-2.html

Ciao a tutti!!!
Francesco Maria Spampinato - Viaggio fantastico - Canale Video

Rispondi

Torna a “SCALA H0”