il mio lavoro

Quando non sai dove mettere una discussione ovvero non è fermodellismo.

Moderatori: Fabrizio, liftman

Avatar utente
roy67
Socio GAS TT
Messaggi: 6379
Iscritto il: dom gen 27, 2013 8:13 am
Nome: Roberto
Regione: Emilia Romagna
Città: Parma
Ruolo: Moderatore
Età: 52
Stato: Non connesso
Contatta:

Re: il mio lavoro

Messaggio da roy67 » mer mar 06, 2019 8:56 pm

La componentistica Fanuc è compatibile solo con se stessa. Quindi non si può "aggirare" il problema.
Se serve una slot Fanuc... Serve solo quella!
Oggi, è acquistabile, solo da Deeler da loro riconosciuti ed approvati, da Fanuc EU, con magazzino europeo in Lussemburgo.
Ovviamente Fanuc è... Giapponese... :wink: :wink: :wink:
Ciao. Roberto Alinovi - L'uomo non teme ciò che in lui non c'è. (Hermann Hesse)

Avatar utente
Giacomo
Messaggi: 1193
Iscritto il: dom lug 28, 2013 7:40 pm
Nome: Giacomo
Regione: Toscana
Città: Siena
Età: 62
Stato: Non connesso

Re: il mio lavoro

Messaggio da Giacomo » gio mar 07, 2019 12:13 am

Beh a questo punto mi aggiungo pure io.
Nel 1978 ho preso il Diploma di Perito in Telecomunicazioni all'ITIS Sarrocchi qui a Siena (con un misero 38...), poi in attesa di partire per il militare ho lavorato per qualche mese presso una falegnameria di un amico di mio babbo, e qualcosina ho imparato (i lavori manuali mi sono sempre piaciuti, non per niente è da quando avevo 10 anni che faccio modellismo...). Mentre ero in addestramento alle Scuole Antincendi di Capannelle (ho fatto il militare nei Vigili del Fuoco e a Siena alla fine ero in servizio con mio babbo, Capo Reparto, che giustamente non mi ha risparmiato il lavoro) ho conseguito un Diploma di Programmatore Analista in linguaggio Cobol (nel 1979... forse c'erano tre computer in Italia... [99] ). Finito anche il militare, per non pesare troppo sulla famiglia, visto che lavorava solo mio babbo, in attesa di trovare un lavoro nel mio campo, facendo concorsi a iosa, sono andato a lavorare da un mio zio, che aveva un ingrosso di frutta e verdura, e anche lì non pensiate che abbia sfruttato la parentela (non mi riesce...) per lavorare poco, sappiate solo che tre volte la settimana mi alzavo alle 3 di notte per accompagnare mio zio ai mercati generali di Firenze per fare gli acquisti, con relativo carico e poi scarico del camion.... il caso volle che mio zio (anzi mio cugino, socio ovviamente della ditta) volesse acquistare una delle prime macchine fatturatrici che cominciavano a girare in quel periodo (1980) per alleggerirsi il lavoro contabile. Vista la mia preparazione, mio cugino mi portò in giro per vedere alcune macchine, preso le varie ditte del settore presenti in provincia... sempre il caso volle che un giorno andassimo a vedere una macchina, che a me parve decisamente la migliore vista fino a quel momento, e io chiedessi a uno dei titolari se potevo provare a usarla dopo che ce l'aveva illustrata. Lui mi diede l'assenso e io mi ci misi ad armeggiare, come se niente fosse... il titolare mi guardò per un po', poi mi chiese "Scusa, ma tu che studi hai fatto?" e io gli risposi dei diplomi di elettrotecnica e di programmatore... e lui "Senti ci è andato via un tecnico da poco, ti interesserebbe lavorare qui?" ... risposta mia "Quando comincio????"... beh il risultato fu che dopo nemmeno un mese mio cugino aveva la macchina (con sua piena soddisfazione...) e io ero a Fiuggi a fare il mio primo corso con la IBM in qualità di tecnico... in quella ditta ci ho lavorato 20 anni, con grande soddisfazione, il lavoro era frenetico ma a me piaceva da matti, e alla fine ero in grado (grazie al metodo di approccio al lavoro che mi avevano insegnato in IBM) di riparare praticamente qualsiasi macchina per ufficio, dalla calcolatrice al computer, passando per fax, macchine per scrivere, stampanti, fotocopiatrici ecc ecc..... ho dovuto smettere per problemi di salute, in quanto allora le leggi antinfortunistiche erano aleatorie, e spesso nel lavoro si usavano materiali non proprio salutari (la benzina era forse la meno ....) e anche se si usavano i guanti, sviluppai una ipersensibilità a delle sostanze, per cui il dottore fu categorico... o cambi lavoro o ti curi tutta la vita.... ovviamente cercai un altro lavoro (con grande rammarico da parte sia mia che dei miei capi) ed ebbi un altro colpo fortunato... un fornitore dei miei fratelli aveva un suo amico che cercava una persona affidabile e che conoscesse i computer per inserirlo come capo-commesso responsabile di un negozio che voleva aprire a Siena, e chiese ai miei fratelli se conoscevano qualcuno... ma guarda caso... ero io... certo il settore era completamente diverso, abbigliamento e attrezzature sportive, però la sfida mi piacque, entrai a lavorare e riuscii in poco tempo a diventare abbastanza esperto... dopo qualche anno i proprietari decisero di potenziare il negozio principale, che era a Certaldo in provincia di Firenze e decisero perciò di chiudere i negozi secondari, che erano un po' troppo impegnativi da mantenere nonostante il discreto giro di affari, e mi chiesero se volevo andare lì... accettai e diventai pendolare, ma non mi pesava più di tanto, il lavoro mi interessava e ho sempre apprezzato il contatto con la gente quindi... 90 km al giorno andata e ritorno... devo dire che evidentemente ai miei capi piaceva come lavoravo e l'entusiasmo che ci mettevo, visto che dopo nemmeno un anno che ero in "centrale" (chiamiamola così) ero diventato responsabile del magazzino, dell'ufficio tecnico, del settore macchine fitness (Alex le macchine che vendevo, montavo e riparavo penso che le conosci bene... tapis roulant ecc ecc...), e del settore grafico per le forniture alle squadre sportive (calcio, basket e simili)... lavoro molto impegnativo ma quante soddisfazioni... poi dopo dodici anni è arrivata la crisi, e il negozio è fallito... e io mi son trovato per la strada (per fortuna i soldi li ho avuti tutti quindi almeno quello)... questo è avvenuto nel 2012 (27 Dicembre... me lo ricorderò finchè campo)... da allora ho fatto qualche lavoretto saltuario, e mi son messo a disegnare le decals (di cui qualcuno di voi mi pare abbia fatto uso..), ma il lavoro è un'altra cosa... ah ovviamente sono tra quelli che sono troppo vecchi per lavorare e troppo giovani per la pensione (ma che c*****....)... ora però ho trovato qualcosa, anche se ancora la situazione è in divenire e non del tutto stabilizzata, ma dovrebbe sistemarsi presto, un lavoro in un ufficio di promotori finanziari, ai quali tengo la documentazione e gli archivi, grazie a un mio caro amico col quale ho recitato in teatro per circa 25 anni... speriamo in bene... tengo incrociate tutte le dita tutti i giorni....
Giacomo - free climber modellista, attore, motociclista ecc ecc...

Avatar utente
MrPatato76
Socio GAS TT
Messaggi: 4364
Iscritto il: lun ago 27, 2012 11:14 am
Nome: Roberto
Regione: Lombardia
Città: Nova Milanese
Età: 44
Stato: Non connesso

Re: il mio lavoro

Messaggio da MrPatato76 » gio mar 07, 2019 10:51 am

Son contento che la situazione si stia sistemando Giacomo!
Roberto - "...il bambino che vede un treno lo saluta con la manina, questo non succede con un auto!" (Cit.) - Ciao Roberto

Avatar utente
Giacomo
Messaggi: 1193
Iscritto il: dom lug 28, 2013 7:40 pm
Nome: Giacomo
Regione: Toscana
Città: Siena
Età: 62
Stato: Non connesso

Re: il mio lavoro

Messaggio da Giacomo » gio mar 07, 2019 7:45 pm

Grazie Roberto, non puoi nemmeno immaginare quanto sia contento... vediamo come evolve la situazione, ma pare che i segnali siano positivi...
Giacomo - free climber modellista, attore, motociclista ecc ecc...

Rispondi

Torna a “OFF TOPIC”