Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta

Un plastico ferroviario in scala N

Sequenza realizzativa di un plastico in scala N ambientato nella Germania degli anni '60.

Il progetto. Tre linee distinte (marrone - verde - azzurro) per una concezione analogica.

In rosso i sezionamenti e in bianco gli sganciavagoni.

 

La base in multistrato di pioppo.

Il telaio.

La posa di tutti i binari dello scalo e di parte della seconda linea (colore verde).

Chiuso l'anello (linea verde) e posati i binari della stazione.

Iniziata la posa di una rampa di salita.

Ultimata la posa dei binari.

Veduta frontale.

Veduta frontale della futura stazione di BADEN.

Il marciapiedi di stazione, verrà ulteriormente allungato nella parte destra.

Una volta ultimato l'impianto elettrico (mancano i collegamenti semaforici), ha inizio la realizzazione dei primi rilievi.

Inquadratura del futuro pannello comandi. 10 interruttori a levetta comanderanno i sezionamenti, 2 deviatori i semafori, 8 interruttori a pulsante gli sgancia-vagoni (visibili nella parte centrale), 14 interruttori a levetta regoleranno i deviatoi.

Procedono le operazioni di "chiusura" dei rilievi e delle gallerie.

Chiusi tutti i rilievi, rifinite le rocce, posati gli edifici.

Alle spalle della stazione, sorgerà un laghetto di origine vulcanica...

Inquadratura della parte destra. Visibile anche l'imponente pannello di controllo, tutto "etichettato".

I primi colori... Ben visibile anche l'invecchiamento dei binari e l'inserimento della massicciata decorativa,

anch'essa adeguatamente sporcata.

La stazione ha ampi parcheggi (anche sterrati) e il movimento dei mezzi non manca...

Inquadratura ravvicinata del viale che conduce alla stazione ferroviaria...

In stazione ci saranno tre segnali luminosi associati ai sezionamenti di due linee separate. Questo sarà a luce rossa/gialla.

Questi invece saranno a luce rossa/verde e consentiranno l'alternanza dei treni sui binari 1 e 2.

La medesima vista con vegetazione, massicciata ed invecchiatura binari.

Prende vita anche il caratteristico laghetto di origine vulacanica...

Vengono inseriti anche ulteriori edifici.

Il plastico è quasi ultimato. Aggiunta ulteriore vegetazione e gli immancabili alberi.

Ancora da inserire i lampioni che illumineranno la scena in notturna e i personaggi che animeranno la ferrovia in miniatura.

I due ponti che si guadagnano la scena sullo sfondo della città di Baden...

Ulteriori particolari, come figurini ed illuminazione, arricchiscono la scena...

Nell'invitante laghetto, non potevano mancare un paio di canoisti.

Una delle aree più accattivanti è rappresentata dalla zona della rimessa, illuminata a giorno...

L'imponente fascio di binari (tutti sezionati e con sganciatori elettrici) che caratterizza la parte destra del plastico.

Mancano i treni, ma questi li potete ammirare nella fotostoria cliccando sull'immagine sottostante.