Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

COME MONTARE UN MOTORE PER SCAMBI AL CONTRARIO

di Andrea Altrocchi

Nella presente fotoguida vengono illustrate le modalità mediante le quali si monta un motore per scambi al contrario. Ciò consente di occultare alla vista, l'antiestetico motore che viene abitualmente montato lateralmente.

Nel nostro caso l'operazione è stata eseguita su un deviatoio Fleischman, ma tale operazione è comunque possibile anche con armamenti differenti. Come potrete successivamente vedere, girando il motore, quest'ultimo rimane abbastanza a filo con la traversina e scompare pertanto agli occhi dell'osservatore. Nel caso del Fleischmann (H0 o N non fa differenza) occorre disinserire la linguetta, reinserendola al contrario.

A questo punto, come potete osservare nelle due foto successive, è possibile montare il motore al contrario.

Preparazione della "nicchia" che ospiterà il motore. Nel forare il pannello occorrerà lasciare spazio sufficiente all'inserimento ed eventuale sfilamento del motore, quindi il foro dovrà essere un po' più grande del motore.

 

 

 

 

Il motore "scompare" dalla vista dell'osservatore.

 

 

In questo esempio, la nicchia è di dimensioni maggiori in quanto siamo a ridosso della stazione...

Viene presa la misura d'ingombro e se ne ricava la dima con un cartoncino.

 

Idem in questo caso...

Una volta realizzata la dima, se ne ricava la copertura vera e propria, si consiglia legna di balsa (il cartoncino potrebbe flettere). Prima della posa la si ricopre con massicciata finissima e ad asciugatura ultimata, si procede con la posa definitiva. In questo caso è stata utilizzata della comunissima sabbia per tenere lo spessore il più basso possibile. E' molto importante che i granellini sia attaccati benissimo, altrimenti potrebbero finire nelle piccole fessure del motore sottostante.

Come si può notare da queste particolari inquadrature, il motore è del tutto invisibile.

Il motore visto dal sotto.

Aggiunto il ballast laterale, di una granulometria leggermente superiore.

Qui si può notare lo spessore della copertura.

La posa del ballast nelle parti adiacenti, farà si che il tutto venga uniformato.

Veduta area del lavoro ultimato.

Qui evidenziati i punti con i tre motori occultati.

Veduta dal basso del lavoro finito.