Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

COME RIPRODURRE IL MARE CON UN FONDALE REALISTICO

di Alessandro La Torre

 

Come riprodurre il mare con un fondale realistico e con poca spesa? Davvero semplice, ecco come fare nella fotoguida!

 

Questo il materiale necessario:

 

-silicone trasparente

-fogli di acetato trasparente

-smalto trasparente per unghie

-smalto bianco per unghie

Per il fondale:

 

-colori acrilici bianco, blu, verde

-gessetto azzurro

-polistirolo espanso

-sabbia finissima per acquario

-polistirene espanso estruso

Si comincia con la preparazione del fondale. Con un cutter affilato si sagoma il polistirolo espanso.

Gli si da la forma visibile in foto: il taglio non deve essere troppo netto e lineare.

Successivamente lo si applica sulla base del fondale con colla vinilica.

A questo punto si dipinge il fondale con i colori acrilici, creando una sfumatura: usiamo il bianco, il blu e il verde.

Si comincia con colori chiari partendo dalla riva per scurire mano mano che si va verso il largo. Il fondo può essere dipinto direttamente sulla base del diorama oppure su un cartoncino.

Per realizzare gli scogli, ho usato del polistirene espanso estruso sagomato col cutter. L’idea di usare il polistirene è nata per semplificare l’applicazione degli scogli al fondale e soprattutto per facilitare l’applicazione degli scogli che affiorano dall’acqua. Infatti basterà sezionare lo scoglio in due parti applicando la parte inferiore sul fondale quella superiore sopra il foglio di acetato, creando così l’illusione di osservare uno scoglio che dal fondale affiora in superficie.

Creando una pastella composta da talco, tempera murale e pigmenti colorati miscelati fra loro (nero, verde e ocra) si spennellano i pezzi di polistirene per ricreare l’effetto roccia. La parte che resterà sotto l’acqua sarà più scura rispetto a quella che resterà in superficie.

La spiaggia è realizzata utilizzando vera sabbia finissima per acquari. Si applica con colla vinilica pura e soluzione di acqua, colla vinilica e detersivo per piatti (o altro tensioattivo).

È il momento di realizzare l’acqua... si preparano i bordi del mare in sottile acetato trasparente.

Prendiamo un foglio di acetato e lo poniamo sulla zona interessata. Con un pennarello tracceremo i contorni da ritagliare successivamente le forbici.

Posiamo il foglio sui bordi, come se fosse una struttura scatolare.

Ora imitiamo le increspature con del silicone trasparente modellato con le dita e lo applichiamo sul foglio. Occorre indossare un guanto in lattice (basta anche solo un dito del guanto).

Intingendo il dito nell’alcool cominceremo a plasmare le nostre onde.

Sarà utile osservare qualche foto del mare vero per determinare un moto ondoso realistico.

Quando il silicone sarà asciutto potremo applicare la lastra in sede, mantenendola sollevata di 1 cm circa dal fondo.

Ma prima si gratta la polvere di un gessetto di colore azzurro su tutta la superficie che resterà sotto l’acqua (sabbia compresa).

In questo modo si creeranno le sfumature azzurrine tipiche di chi osserva il mare sott’acqua mediante maschera da sub.

Ed ecco il nostro mare!

Come si evince dalle foto, le pareti esterne saranno trasparenti per consentire così la visuale subacquea.

Ed ecco il mare "sezionato"...

Le pareti potranno essere fatte in acetato oppure in plexiglass. Dopo l’incollaggio della superficie dell’acqua si provvederà a spennellare il silicone con smalto brillante trasparente per unghie.

La risacca e gli spruzzi d’acqua si possono ricreare con silicone e ritocchi di smalto bianco.

A questo punto non rimane che... farsi un bel bagno!

Alessandro La Torre - latorrealex@libero.it-- visita il mio blog