Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

COME REALIZZARE DEGLI ESTINTORI DI  STAZIONE

di Andrea Robassa

Una mattina feci un giretto alla stazione di Venezia perché volevo fotografare un locomotore, per la precisione un Taurus. Durante l'attesa del suo arrivo, mi chiedevo se ci fosse qualcosa da riprodurre in H0, anche minima... ed infatti la trovai!

C'è sempre qualcosa che si può riprodurre in scala. Scattai così alcune foto ad un estintore, un oggetto che spesso manca nei plastici e che si può fare in poco di tempo (nel mio caso ci ho impiegato mezzora), evitando anche di spendere soldi in accessori costosi.

Anche se alla fine ne risulterà un oggettino molto piccolo, non spaventatevi, non metterà più di tanto a dura prova la vostra pazienza, è più difficile fotografarlo che crearlo. Ecco l'originale.

Vi spiego il metodo più semplice e veloce, in modo che sia realizzabile facilmente ed alla portata di tutti. Personalmente lo avrei del tutto autocostruito, ad esempio avrei realizzato il serbatoio in ottone lavorandolo al tornio, ma ciò non ha assolutamente importanza.

I piccoli condensatori elettronici che recuperiamo da apparecchiature elettroniche fuori uso, sono ottimi e possono essere impiegati in molti modi. In questo caso mi sono procurato quelli aventi un diametro di 5mm per una altezza di 11 mm. Eccone un esempio.

Una volta tolta la guaina che li avvolge, noteremo che una parte alla base è più ristretta, con un pezzettino di nastro adesivo la copriremo e da una parte di testa, aggiungeremo una micro vite per farne il rubinetto e con del fine filo di acciaio o di ferro creeremo il telaio.

Le ruote possono essere ricavate da minuscole guarnizioni, "O" ring degli accendini usa e getta. Altro sistema è usare una pinza per fare i buchi sulle cinte dei pantaloni, si possono fare in plasticard, ne risultano dischetti veramente minuscoli.

Ecco il risultato finale confrontato con un Preiser, le dimensioni sono corrette, con del finissimo filo elettrico, ne ho creato alla fine , il tubo avvolto in gomma.

 

 

Mi dispiace solo per la qualità delle foto che guastano l'effetto finale, ma tenete in considerazione quanto sia minuscolo quest'oggetto.

 

Bene amici, a questo punto non ci resta che attendere che... scoppi un (piccolo) incendio!

L'autore Andrea Robassa, è a disposizione per domande, curiosità, informazioni e chiarimenti: contattatelo nel FORUM e partecipate alla discussione sulla sua autocostruzione QUI.