Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

COME REALIZZARE I VASI DI STAZIONE

di Andrea Robassa

Ebbene si, con le cianfrusaglie o gli oggettini che spesso sono destinati alla pattumiera, si possono fare cose incredibili e tra le più disparate. Non c'è cosa che per me che rimanga inosservata, cerco sempre di trovarne un utilizzo modellistico...

In questo caso vi racconto brevemente come realizzare un semplicissimo dettaglio per le nostre stazioni ferroviarie.

Al mattino siamo soliti a raderci, operazione noiosa vero? Compiuta, magari, con un rasoio usa e getta che dopo un paio di volte gettiamo e che, invece, potremmo riutilizzare... Come? E’ presto detto

Non gettiamo il rasoietto in plastica ma tagliamone il manichetto in alcune sezioni, dipingiamole in grigio opaco (color cemento) e diamo una leggerissima passatina di bianco, tipo pennello a secco o "drybruscing" e ne metteremo in risalto i rilievi.

Com’è possibile notare dalla foto, le righine verticali del rasoio, sono proprio come quelle delle fioriere in cemento.

Ma anche attraversando un bel giardinetto potremmo imbatterci in qualcosa di semplice che la natura ci offre e che potrebbe tornarci utile...

Esatto, proprio i coperchietti delle ghiande... che hanno una superficie ruvida ed una volta dipinte, simuleranno molto bene il cemento.

Come nel caso precedente, aggiungiamo qualche rametto verde ed il gioco è fatto.

Con questa tecnica, possiamo ottenere, senza spendere nulla, due comunissimi tipi di vasi presenti nelle nostre stazioni secondarie.

L'importante è... avere gli ingredienti giusti!

 

L'autore Andrea Robassa, è a disposizione per domande, curiosità, informazioni e chiarimenti: contattatelo nel FORUM e partecipate alla discussione sulla sua autocostruzione QUI.