Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

COME REALIZZARE UNA CASA RURALE CON IL FOREX

di Maurizio Mantovanelli

Ho da poco tempo intrapreso la realizzazione di un plastico in H0 in ambientazione italiana e più precisamente abruzzese, la mia terra. Come è a tutti noto, in commercio sono reperibili ormai molte tipologie di fabbricati italiani ma non tutto ciò che si immagina è possibile reperire.

Prima di illustrare le fasi della costruzione di una casa rurale, mi sembra doveroso un tributo ad un appassionato che ritengo un autentico maestro: Luciano Lepri che sulle pagine di questo sito ha dato un’ampia dimostrazione di capacità non comuni.

E sono partito proprio da una sua realizzazione che mi ha affascinato dalla prima volta che l’ho vista: una casa colonica.

Ho più o meno la stessa età di Luciano e certe case rurali me le ricordo anch’io da bambino. Direi che questa mia casa è un po’ un esercizio di copiato ma ho voluto provare per verificare i materiali e le tecniche.

Ho deciso di utilizzare il forex in quanto è più facilmente lavorabile del compensato.

La prima cosa è stata quella di realizzare i disegni quotati (scaricabili nell'apposita sezione download").

 

Ho disegnato su un pannellino di forex da 3 mm i lati del fabbricato scomponendone gli elementi.

 

 

I pezzi così tagliati li ho incollati con ATTAK e con limetta e pazienza, ho cercato di eliminare le imperfezioni delle aperture. Una stuccatina, carteggiatura e una mano di fondo grigio per evidenziare eventuali imperfezioni. Francamente in un fabbricato di questo tipo le imperfezioni non sono poi così deleterie in quanto si tratta di muri vecchi e consumati dal tempo. Nella foto seguente, il montaggio provvisorio dell'edificio.

 

 

Ho poi passato una mano di colore acrilico ottenuto miscelando giallo-sabbia-arancio e una punta di nero. L’invecchiamento dell’intonaco esterno è a secco, con pigmenti colorati passati con pennello morbido.

Sono passato poi alla realizzazione del tetto, la cui parte sottostante è stata completata con piccole travi tagliate una ad una e verniciate in marrone scuro.

La struttura è in cartoncino da 1,5 mm. Ho costruito l’intelaiatura del tetto su cui ho applicato del cartoncino ondulato. Preventivamente sul cartoncino ho operato delle sottili incisioni trasversali con una punta arrotondata per ottenere il disegno delle tegole. E’ meno realistico sicuramente delle tegole realizzate una per una, ma è più veloce.

 

Il tutto è stato verniciato con colore ruggine sporcato successivamente con pigmento nero e terra di Siena a secco (passato con pennello morbido). I coppi sui colmi sono realizzati con stecconi che vengono usati per gli spiedini ed incisi trasversalmente.

 

I riquadri di porte e finestre li ho realizzati in cartoncino da 1,8 mm. (quello che usano i rilegatori) e quindi verniciati di bianco.

Le porte sono in forex sempre da 3 mm. verniciate con colore acrilico.

 

Gli infissi li ho realizzati al computer con il programma Coreldraw e successivamente ritagliata la parte riservata ai vetri; ho quindi incollato sul retro dell’acetato per creare l’effetto vetro.

 

Il tutto è stato completato dalla classica "catena" in ferro che si usava sui vecchi fabbricati per conferire stabilità (realizzata con un tondino quadrangolare in ottone) e con i pluviali in tondino di ottone da 2 mm.

Ho realizzato anche il comignolo.

La "castellina" ultimata.

Ecco il tetto completato.

Il fabbricato finito.

Mi sono veramente divertito, era la prima esperienza anche se provengo dal modellismo automobilistico.

Guardando il modello finito ho già coscienza degli errori fatti ma è normale che accada. Penso che la prossima realizzazione sarà uno scalo merci...

Se sei interessato ai disegni quotati di questa casa rurale, accedi alla PAGINA DEI DOWNLOAD del Forum.