Home Fotostorie plastici Guide on-line Plastici in diretta Idee per tracciati

CARTONCINO MILANO NORD AFFORI IN SCALA TT

di Massimo Salvadori

La Milano dell’ 800 era contornata da una cintura di comuni detti "Corpi Santi"; oggi nomi come Lambrate, Chiaravalle, Baggio, indicano rioni del Comune di Milano, ma fino al 1923 erano comuni a sè stanti, e Affori era uno di questi.

La rete delle Ferrovie Nord Milano, o più sbrigativamente "le Nord", come sono chiamate da chi per necessità o passione ha più dimestichezza con queste ferrovie, raggiunse il comune di Affori nel 1879, con l’inaugurazione del primo tratto della linea che avrebbe portato i binari fino a Erba e oltre, in quell’ occasione, per servire il già popoloso comune di Affori, fu decisa la costruzione di una fermata.

Il fabbricato è un classico parallelepipedo disposto parallelamente all’allora unico –1879 – binario, il secondo binario fu aggiunto nel Febbraio del 1928 e pochi mesi più tardi, Milano Nord Affori, fu innalzata al rango di stazione.

Come in tutte le stazioni della rete i progettisti ben poco concedettero all’abbellimento architettonico dell’edificio di stazione, i criteri strettamente utilitaristici non hanno lasciato spazio all’estetica di fine secolo che in altre occasioni ha appesantito le facciate delle stazioni; d’altra parte non possiamo trascurare il fatto che le linee delle Nord hanno sempre avuto una valenza locale, quindi perfettamente inutile ricercare effetti estetici in stazioni che avrebbero visto solo viaggiatori locali.

Ciononostante lesene e motivi ornamentali non mancano e concorrono a movimentare un poco i prospetti dell’edificio, una zoccolatura fino alla quota di imposta dei davanzali del primo piano e poi un normale intonaco colorato in rosa carico, comune ad altre stazioni FNM, e un semplicissimo tetto a falde che copre il tutto.  La ricerca dell’economia fatta nell’800 ha prodotto un risultato estetico la cui semplicità non dispiace nemmeno ai nostri occhi moderni.

L’edificio è piccolo, al piano terreno sono concentrati i servizi per il pubblico e la scala che conduce agli appartamenti di servizio del primo piano. Con il doppio binario è stato aggiunto un gabbiotto di metallo che racchiude gli apparati di comando e controllo di scambi e segnali, questo gabbiotto in anni più recenti è stato sostituito da una costruzione in muratura.

Il traffico merci nel corso degli anni ebbe uno sviluppo considerevole, le periferie della Milano degli anni ’30 erano dense di fabbriche, e il raccordo con la ferrovia era condizione indispensabile per la movimentazione delle materie prime come per quella dei prodotti finiti, ai binari dello scalo merci che servivano i trasporti a collettame e a carro si aggiunse  un terzo binario parallelo ai due della linea di Seveso, era ad esclusivo servizio del traffico merci e consentiva l’inoltro delle tradotte destinate allo scalo merci di via Bovisasca, proseguiva poi fino alla stazione di Bovisa. Poco dopo lo scalo di via Bovisasca, in regresso provenendo da Affori, si staccava il "raccordo Livellara", un lungo binario urbano, in sede promiscua, che era al servizio di industrie e spedizionieri dell’area industriale della Bovisa e che percorreva quasi tutta la via Cosenz, ricordo che le manovre erano appannaggio esclusivo delle infaticabili 200 Nord.

Negli anni del dopoguerra la fame di cemento della città che doveva essere ricostruita fece in modo che sempre in prossimità della stazione di Affori fosse realizzato un impianto di stoccaggio del cemento proveniente dal Cementificio di Merone. Ogni giorno un treno merci delle Norda composizione bloccata, portava a Milano il cemento necessario ai cantieri. Il cemento veniva scaricato in silos – ricordo che la polvere grigia ricopriva tutto per decine di metri all’intorno, ma allora nessuno ci badava molto - e poi gli autotreni grigi e rossi della ditta Caldiera trasportavano il cemento sfuso ai silos degli impianti di betonaggio dei cantieri milanesi.

Alla fine degli anni ’70, la stazione di Affori come le altre stazioni della rete Nord, vide scomparire il traffico merci. Rimasero i pendolari, sempre più numerosi e alle prese con una stazione il cui fabbricato viaggiatori era sempre meno adeguato alle crescenti esigenze del traffico suburbano.

 

L’espansione della rete della Metropolitana Milanese, la linea 3 "gialla", in direzione della Comasina rese indispensabile la costruzione di una nuova fermata per consentire l’interscambio treni Nord – Metropolitana milanese; questo decretò l’ abbandono della vecchia stazione di Affori; nel 2009 Milano Nord Affori fu declassata a fermata, nel marzo 2011 fu chiusa e contemporaneamente aperta all’esercizio la nuova Milano Nord Affori, con una stupenda tettoia in acciaio e vetro che ricopre i tre binari di servizio.

 

 

Nel 1990 la ditta eurotoys, per colmare la mancanza di fabbricati italiani in scala TT, scelse proprio la stazione di Affori.

I motivi della scelta sono evidenti, la stazione ha un’architettura tipicamente italiana, è piccola, cosa che sui nostri plastici e diorami è fondamentale, è semplice da disegnare e da costruire.

Allo scopo di abbattere i costi e quindi di invogliare quanti più modellisti possibile a realizzare una stazione italiana, l’eurotoys scelse la riproduzione in cartoncino, semplice economica.

Il cartoncino deve servire come finitura, infatti deve essere incollato – scegliere una colla non acquosa! – su un supporto più rigido, come il forex o un pannello sottile di faesite. Le parti in aggetto, come modanatura e lesene, sono quelle che più danno risalto e spessore alla costruzione, sono state realizzate a parte in modo da essere incollate e fornire il movimento ai prospetti. Il tetto è semplicissimo, le tegole sono disegnate, nulla vieta però al modellista di utilizzare fogli di plastica riproducenti le tegole.

I colori del fabbricato originale sono semplici e standardizzati, il modello invece è stato realizzato con un colore ocra tenue, il tetto invece nel classico rosso tegola.

Una serie di marcature e riscontri rende il montaggio semplice e intuitivo, accessori che per loro natura sono impossibili da realizzare su cartoncino, come pluviali, mensole del telegrafo, lampade, possono essere reperite sul mercato oppure realizzati in rame.

Oggi la ditta  eurotoys non esiste più, però è piacevole vedere che tramite un sito di appassionati, i propri modelli sono ancora a disposizione dei modellisti ferroviari.

La storia dei trasporti ferroviari di Milano è vasta e in qualche caso ancora poco esplorata,  tuttavia oggi ci è data la possibilità di far rivivere la vecchia stazione con un modellino, e anche questo è un modo per tramandare un piccolo pezzo di storia.

Se sei interessato al file .pdf  in alta qualità ed in formato A4, della stazione Milano Nord Affori in scala TT, accedi alla PAGINA DEI DOWNLOAD del Forum.